Log in
NEWS
Canada, Calenda: Con l'accordo Ceta vantaggi per Pmi e cittadini europei Interporto Sud Europa, confronto tra aziende di logistica e Its: si punta sulla formazione Welfare, via al riparto del fondo sociale 2017: più di 28 mln alla Campania Agroalimentare, De Luca inaugura la Scuola del Gusto a Torrecuso Eav, da ottobre secondo agente sui bus a Bacoli e Castellammare Napoli, Palladino al sindaco: Rom, belle parole ma seguano i fatti L'ambasciatore algerino invita le aziende campane al Forum di Pescara L'Ambasciata italiana e i festeggiamenti di San Gennaro negli Usa Palumbo Group, Isa Yachts vende il nuovo superyacht di 65 metri Energie per l'Italia, parte il tour campano. Parisi: Pronta la squadra Criminalità, Gabrielli: Profondo senso di insicurezza sociale nel Paese Formazione manager, prosegue il corso in Campania Cultura, dal Mibact 132 mln per i Grandi progetti: fondi a Capodimonte, Reggia di Caserta e Catacombe di Napoli Napoli, da capitale morale a nobile fiaba San Giorgio a Cremano, i ritratti di Noschese e Troisi sui muri della Stazione Circum Allerta attentati, made in Campania l'app per gestire le operazioni di soccorso Prosciutto di Parma, in Giappone tutela per il marchio: è la prima volta di un prodotto straniero Gruppo Trevi, nuove commesse all'estero per 75 mln dollari Fondazione con il Sud, Nuove Generazioni: in arrivo il bando da 60 milioni E-Distribuzione, a Secondigliano componenti hi-tech per la rete Fincantieri, appello al Governo della Fim Cisl: Si salvaguardi l'industria italiana Mehta al San Carlo con "Fidelio", Bergamasco sul palco Lavoro, Inps: nei primi 7 mesi assunzioni stabili giù del 4,6% Porto Marina d'Arechi, a Genova con numeri record: +22%. Gallozzi: Avanti così Ciclofficina solidale, in bici alla scoperta dell'Oasi di Frassineto Test di Architettura al Politecnico di Milano, dall'Università della Campania record di candidati idonei Un esoscheletro in 3D al posto del gesso: il Santobono di Napoli fra i vincitori dell'Innova S@lute 2017 Almaviva Napoli, elezioni delle Rsu: la Cgil conquista la maggioranza La periferia di Napoli su "Le Monde": Scampia lontana dai cliché mafiosi Mdp, dal 27 settembre a Napoli la prima festa: è dedicata al lavoro Sepe alla messa per San Matteo, patrono della Guardia di Finanza Porto Marina d'Arechi, Boccia ospite dello stand al Salone Nautico di Genova "Veleno", a Casal di Principe la presentazione del film sulla vera storia della Terra dei Fuochi Olio Dante partecipa all'Atelier della Salute per promuovere uno stile di vita sano Alessandro Paola nuovo comandante dei Vigili del Fuoco di Livorno

kimbo shop ildenaro 016

Gennaro Masiello (Coldiretti): Etichettatura pasta, chi non vuole la trasparenza?

“La trasparenza dovrebbe essere un principio banale delle regole commerciali, eppure c’è chi accusa Coldiretti di volerne troppa”. Gennarino Masiello, vicepresidente nazionale di Coldiretti, commenta così la polemica sollevata da alcuni industriali della pasta sulla stampa in merito all’etichettatura obbligatoria introdotta il 20 agosto dal Governo, su iniziativa dei Ministeri dell’Agricoltura e dello Sviluppo Economico. 
“Una parte dei pastai – spiega Masiello, presidente di Coldiretti in Campania - ritiene che il provvedimento possa generare un ‘surriscaldamento dei prezzi del grano duro’. Fenomeno che deriverebbe dalla confusione generata da etichette che riportano semplicemente l’origine del grano e il paese dove è stato macinato, nello specifico se si tratta di Italia, di paesi Ue o non Ue. Inoltre sostengono che il grano italiano rovinerebbe il buon nome della pasta al dente perché non in grado di offrire alti contenuti di proteine. Intanto se i prezzi si surriscaldano è perché evidentemente diventa più difficile farli crollare in piena mietitura con arrivi di navi cariche dall’estero. Quanto alla quantità di proteine, faccio notare che quest’anno il grano aureo che si coltiva nell’entroterra campano è arrivato a punte del 18,5% di proteine con una media del 15,4% (fonte: Agrisemi Minicozzi) . È noto che il valore ottimale per la pasta top quality è il 14%. Detto questo, non riusciamo a capire cosa c’è di sbagliato nel dichiarare l’origine delle materie prime. Se il valore sta nella manifattura, cosa cambia nel dichiarare l’origine del grano? La verità è che un consumo consapevole, a cascata, genera un prezzo giusto pagato agli agricoltori. Coldiretti è orgogliosa di difendere il grano italiano, e non solo noi. Tanto è vero che esistono già molti contratti di filiera 100% italiana. Abbiamo tanti esempi proprio in Campania di industrie alimentari che hanno deciso di comprare grano dei nostri agricoltori e di produrre un’ottima pasta. Il successo della qualità aureo,ad esempio, è la dimostrazione che la trasparenza fa bene a tutti”.