Log in
NEWS
Regione, Lepore a Caserta: A breve il via libera al Piano energetico regionale Area Med, dalle crisi nascono nuove opportunità: a Napoli Atenei alleati per sviluppo Gesac, incontro con De Luca: verso la rete integrata degli aeroporti Campagna Nastro Rosa, a Napoli controlli senologici gratuiti Presidio medico di primo soccorso nella Stazione di Napoli Centrale Smartup Optima, via al bando della terza edizione: in palio 5mila euro Anche la Russia ha la sua criptomoneta Banca di Credito Popolare, via libera al piano indistriale 2019-2020 Gruppo Grimaldi, finanziato il restauro di due chiese napoletane Infertilità di coppia: il kit della napoletana KronosDNA riduce tempi e costi della diagnosi Coca-Cola Hbc, giornata di formazione dedicata ai giovani campani Da Salerno a Washington, Giffoni Experience diventa un caso di studio Osservatorio Gei: ripresa in corso, nel 2018 Pil del Mezzogiorno cresce dell'1,1% Bando Donne, 2 milioni al Sud per progetti contro la violenza di genere Graded e Protom entrano nel Programma Elite Costalli (Mcl) al Premio Sepe: Per una vera ripartenza servono politiche chiare e proposte forti Ministero obbliga i genitori ad accompagnare e prelevare i figli a scuola fino ai 14 anni Premio Salernitani Doc, ecco i 35 riconoscimenti assegnati Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve"

kimbo shop ildenaro 016

Militari aggrediti e quella delibera sparita nel nulla

«Le immagini dei nostri militari accerchiati e poi aggrediti da un folto gruppo di immigrati che voleva impedire l’arresto di un uomo è probabilmente l’immagine più emblematica del degrado umano e sociale raggiunto dal quartiere Vasto. La situazione che i cittadini sono costretti a vivere ogni giorno è figlia dell’insipienza dell’amministrazione Perrella e della volontà di creare ghetti urbani da parte dell’amministrazione del sindaco de Magistris che, invece di dare risposte ai sempre più esasperati cittadini napoletani, perde tempo sui social network con post deliranti che di tutto parlano tranne che dei problemi reali dei cittadini che gli pagano lo stipendio».
Così Armando Coppola, ex presidente della IV Municipalità e presidente dell’associazione “Napoli in Sinergia” in merito all’aggressione dei militari italiani da parte di un nutrito gruppo di extracomunitari che volevano impedire l’arresto di uno spacciatore in evidenti condizioni di ubriachezza a via Firenze.
«Quello che è accaduto a via Firenze è una sconfitta per lo Stato e per le finte politiche di accoglienza del sindaco di Napoli. Quando governavamo la Municipalità avevamo chiesto a gran voce lo sgombero del finto mercato etnico gestito dagli immigrati a via Bologna, una delle “basi operative” da dove parte l’illegalità che attanaglia il quartiere. La delibera è rimasta bloccata per anni per la contrarietà espressa dal primo cittadino che non ha assolutamente tenuto conto del parere vincolante della Municipalità su un tema di nostra stretta competenza. Il non-lavoro dell’attuale presidente Perrella – prosegue Coppola – che continua a millantare crediti che non gli competono, ha completato l’opera e ha trasformato un quartiere fiorente in un ghetto urbano dal quale gli italiani vogliono scappare.
 Sto seguendo con vivo interesse il lavoro del comitato civico Vasto – continua ancora il presidente di Napoli in Sinergia – anche se mi dispiace vedere cittadini così attenti e così impegnati per il bene del loro quartiere chiedere aiuto a de Magistris e Perrella, quelli che di fatto sono i veri e propri carnefici del Vasto. Scene del genere – conclude Armando Coppola – sono ormai all’ordine del giorno sia nel quartiere Vasto che, più in generale, in tutta l’area orientale della città individuata da de Magistris come luogo all’interno del quale confinare centinaia di immigrati disperati e senza prospettiva destinati a diventare manovalanza della criminalità organizzata»