n63

Log in
NEWS
Unione Industriali di Napoli, seminario sugli investimenti in Russia La Farnesina incontra le imprese, Brancaccio (Coelmo): Ambasciate incidano sulle Pmi La Farnesina incontra le imprese, Zigon (Getra): Necessario fare rete Napoli, sì del consiglio comunale a delibera sulle partecipate Cantone a Napoli lancia l'allarme: Corruzione è aumentata Heroes, al via la Prize Competition Cnr, superati i ritardi per il fascicolo elettronico Eccellenze Campane riceve visita del ministro Alfano Unipegaso, nuovo processo tributario: successo per il dibattito a Padula Maurizio Maddaloni nel consiglio nazionale di Confcommercio Malta Business, Passariello: Isola partner strategico, altro che Panama d'Europa Donne lavoratrici, 20% smette dopo nascita primo figlio Contributi aggiuntivi per la formazione, il bando di Fondimpresa Capri, completata messa in sicurezza dell'Arco Naturale Ministro Alfano a Napoli: Italia super potenza della cultura e della bellezza Prodotti di seconda mano, Campania seconda in Italia Sbarchi migranti, Campania terza regione per accoglienza La Ciità di Salerno licenzia, insorge il sindacato Fnsi Festival dello Sviluppo Sostenibile, Franceschini: Investire in cultura, antidoto ai populismi Cinema, Giffoni FIlm Festival patrimonio dell'Unesco: al via la richiesta Confindustria, Boccia: Non esiste una questione meridionale ma una questione Italia Asse Pascale-Cina, a Napoli 450 oncologi cinesi Allo show room della Lamborghini gli studenti incontrano il mondo del lavoro. Polizze assicurative, anche le non obbligatorie rientrano nel calcolo del Teg Vetrerie Empoli presenta a Perigi il calice che gira Indagine Unimpresa: La crisi ci è costata 960 miliardi di euro Sviluppo sostenibile, da oggi a Napoli primo Festival italiano Arte e gusto, Pasquale Palamaro a Casa Morra tra Duchamp e Cage Borsa della Ricerca, Boccia: Imprese in prima linea Ap, Alfano a Napoli presenta candidati alle Amministrative Mostra d'Oltremare, Oliviero: Preoccupa futuro di New Edenlandia Assessore Fortini su dispersione scolastica: E' al 30% Ercolano, ritorno nel Pd per due esuli: è polemica Pd, Bassolino con le mucche "sfida" Berlusconi: Silvio che dici? Rc auto, in Campania il 24% dei veicoli senza assicurazione

kimbo shop ildenaro 016

Quattro amici al parco alla Reggia

  •  Antonio Arricale
  • Pubblicato in Tribuna

La Reggia di Caserta, ieri, giorno di Pasquetta, ha registrato quasi 9 mila visitatori. E’ stato, immagino, tra i monumenti e l’annesso parco più visitati d’Italia.
Se ancora so fare di conti, la gestione finalmente manageriale del “bene” ha incassato, in un solo giorno, oltre cento mila euro. La marea – va bè, diciamo fiumana – di persone che si è riversata nel parco avrà sicuramente lasciato traccia delle sua presenza, ma non se ne fa un dramma, oggi: ce n’è di che pagare gli spazzini. Non capisco perciò l’enfasi con la quale è stato commentato l’evento.
D’accordo, erano 25 anni che nel giorno del lunedì dell’Angelo non si aprivano i cancelli del parco al “popolo”, ma l’eccezione – a me sembra – non è stata tanto l’apertura di ieri, semmai la chiusura dei 25 anni precedenti.
Ieri, tutti i musei e i parchi d’Italia – salvo rare eccezioni, resistenza di un’antica cialtroneria gestionale che ancora qua e là sopravvive nella penisola – sono stati aperti al pubblico. Sarebbe stato grave se non lo fosse stato anche il nostro Massimo. E, nel caso, per quanto mi riguarda, oggi, invece che intonare il solito pianto greco, sarei stato pronto a stigmatizzare l’ennesimo errore, la perdurante mala-gestione pubblica, e forse an ch’io avrei attinto fino alla noia ai luoghi comuni, e mi sarei accodato alle imprecazioni contro le solite incrostazioni sindacali (che, poi, spesso sono soltanto un alibi all’insipienza dei dirigenti) buone soltanto a vietare, e via dicendo.
Insomma, oggi dovremmo – penso – brindare non alla “scommessa vinta” ma alla recuperata ordinarietà, alla ritrovata regola, non all’eccezione.
Negli anni addietro, peraltro, se non ricordo male, il parco veniva letteralmente invaso da un’orda: fino a cento mila persone, scrivono i cronisti dell’epoca, a cui i cancelli venivano letteralmente spalancati. Salvo constatare, il giorno dopo, l'amaro sapore della beffa, dal momento che per riparare i danni degli atti vandalici non c’erano nemmeno i soldi dell’incasso. Danni e beffa che si sarebbero ripetuti e forse addirittura raddoppiati – nella rassegnazione generale – con il rito tutt’altro che ortodosso della celebrazione in differita della pasquetta marcianisana e, più in generale, dell’hinterland del capoluogo.
Insomma, al confronto, quelli di ieri erano quattro amici al bar. Anzi, quattro amici al parco e anche paganti. Perciò, misura, colleghi, misura.