Log in
NEWS
Terremoto a Ischia, Borrelli: 200 sfollati negli alberghi Terremoto a Ischia, Confedilizia: Necessari interventi strutturali Terremoto a Ischia, il vescovo: No a tempi biblici per la ricostruzione Terremoto a Ischia, Vinci (ingegneri): Le verifiche sugli edifici siano rapide Fca, Great Wall smentisce: Nessun negoziato o accordo Morto ad Airola Gennaro Melone, memoria storica della Dc sannita Terremoto a Ischia, chi sono le due donne morte. Bilancio definitivo dei soccorsi: 42 feriti, uno grave Caso Loreto Mare, ispezione di Nas e Ministero Terremoto a Ischia, Wwf contro la Regione: Non si strizzi l'occhio all'abusivismo Uova contaminate, due casi in Campania Terremoto a Ischia, il sindaco Castagna a Mattarella: Orgoglioso del Paese Terremoto a Ischia, Schiavo (Confesercenti): Gli alberghi dell'isola sono sicuri Terremoto a Ischia, partite le verifiche sismiche sugli edifici Terremoto a Ischia: frattura per Ciro, traumi per Mattias Terremoto a Ischia, ingegneri: Sì al piano di prevenzione sismica Terremoto a Ischia, Merkel al governo: Profonda vicinanza Gentiloni si congratula per il salvataggio dei bimbi Terremoto a Ischia, legato all'area vulcanica ma non ad un'eruzione Terremoto a Ischia, Turri (Filca Cisl): Serve edilizia di qualità Terremoto ad Ischia, decina di repliche ma deboli Negro Festival, i suoni della tradizione alle Grotte di Pertosa Rivoluzione Cristiana, Funaro: Sicilia, occorre allargare centrodestra Gianni Merlo (Aips): Universiadi grande occasione per Napoli Terremoto a Ischia, il Cardinale Sepe: Dolore e vicinanza alla popolazione Terremoto a Ischia, Legambiente: Occorre un riordino normativo Terremoto a Ischia, salvati i bimbi sotto le macerie. Bilancio grave: 2 morti, 39 feriti Il terrorismo jihadista in Italia. Esortazioni e profezie Efficienza energetica, altri 10 milioni per le Pmi campane Business del gioco, a Napoli record di imprese Terremoto a Ischia, i sindaci: Nessun legame crolli-abusivismo Terremoto a Ischia: i sindaci rassicurano i turisti Terremoto a Ischia, partenze per Casamicciola crollate del 60% Terremoto a Ischia, De Luca: Bilancio pesante. L'abusivismo è un'emergenza Ravello Festival, in scena i giovani talenti della Asian Youth Orchestra Terremoto a Ischia, Vigili del Fuoco: In Campania 55 unità da altre regioni

kimbo shop ildenaro 016

Quattro amici al parco alla Reggia

  •  Antonio Arricale
  • Pubblicato in Tribuna

La Reggia di Caserta, ieri, giorno di Pasquetta, ha registrato quasi 9 mila visitatori. E’ stato, immagino, tra i monumenti e l’annesso parco più visitati d’Italia.
Se ancora so fare di conti, la gestione finalmente manageriale del “bene” ha incassato, in un solo giorno, oltre cento mila euro. La marea – va bè, diciamo fiumana – di persone che si è riversata nel parco avrà sicuramente lasciato traccia delle sua presenza, ma non se ne fa un dramma, oggi: ce n’è di che pagare gli spazzini. Non capisco perciò l’enfasi con la quale è stato commentato l’evento.
D’accordo, erano 25 anni che nel giorno del lunedì dell’Angelo non si aprivano i cancelli del parco al “popolo”, ma l’eccezione – a me sembra – non è stata tanto l’apertura di ieri, semmai la chiusura dei 25 anni precedenti.
Ieri, tutti i musei e i parchi d’Italia – salvo rare eccezioni, resistenza di un’antica cialtroneria gestionale che ancora qua e là sopravvive nella penisola – sono stati aperti al pubblico. Sarebbe stato grave se non lo fosse stato anche il nostro Massimo. E, nel caso, per quanto mi riguarda, oggi, invece che intonare il solito pianto greco, sarei stato pronto a stigmatizzare l’ennesimo errore, la perdurante mala-gestione pubblica, e forse an ch’io avrei attinto fino alla noia ai luoghi comuni, e mi sarei accodato alle imprecazioni contro le solite incrostazioni sindacali (che, poi, spesso sono soltanto un alibi all’insipienza dei dirigenti) buone soltanto a vietare, e via dicendo.
Insomma, oggi dovremmo – penso – brindare non alla “scommessa vinta” ma alla recuperata ordinarietà, alla ritrovata regola, non all’eccezione.
Negli anni addietro, peraltro, se non ricordo male, il parco veniva letteralmente invaso da un’orda: fino a cento mila persone, scrivono i cronisti dell’epoca, a cui i cancelli venivano letteralmente spalancati. Salvo constatare, il giorno dopo, l'amaro sapore della beffa, dal momento che per riparare i danni degli atti vandalici non c’erano nemmeno i soldi dell’incasso. Danni e beffa che si sarebbero ripetuti e forse addirittura raddoppiati – nella rassegnazione generale – con il rito tutt’altro che ortodosso della celebrazione in differita della pasquetta marcianisana e, più in generale, dell’hinterland del capoluogo.
Insomma, al confronto, quelli di ieri erano quattro amici al bar. Anzi, quattro amici al parco e anche paganti. Perciò, misura, colleghi, misura.