Log in
NEWS
Nicola Caputo (Pd): Archiviate tutte le indagini a mio carico Alilauro, torna Batò Naples Ciro a Mergellina, querelle col Comune: dipendenti in protesta Assoagenti, visita all'Interporto Sud Europa: Risposte immediate al mercato merci Centro Democratico, c'è Bersani: Basta personalismi, non lasciamo campo alla destra Anm, possibili disagi per stasera Gepin, lunedì al Mise ultima chiamata per i lavoratori Pd, Bassolino: Partito è solo la parte più grande del centrosinistra Confapi, Marrone: 100 mln dalla Regione per le bonifiche, bene così Trasporto locale, lunedì sit in dell'Usb in Prefettura Turismo, da oggi tassa di soggiorno anche su affitti Estate 2017: 7 mln di visitatori negli agriturismo Siccità, ministro Galletti: Investiremo sui bacini idrografici Pil pro capite, Campania perde oltre il 5% dal 2007 Musei, nel 2018 a Napoli apre quello dedicato a Darwin e Dohrn Scoperto dal Tigem meccanismo che regola la crescita dei tumori Crescita, buone notizie dal territorio Ambasciata del Kosovo a caccia di investitori campani nel settore eolico La diplomazia Usa riporta a Napoli la statua di Zeus Winckelmann al Mann: la star è il Cavallo Mazzocchi Gruppo Onorato rafforza la flotta con la Superfast Baleares Bonifiche in Campania, in arrivo 100 milioni Garanzia Giovani, a 509 mila giovani proposta almeno una misura Asi, ecco la rete campana: più servizi e meno burocrazia Torre del Greco, domani il Green Day: laboratori su energie Pil a +2,4%, De Luca: Campania prima regione per crescita Imprese, nel Mezzogiorno una su 4 è donna Lepore sui dati del Pil campano: Siamo alla svolta Nel fine settimana visite didattiche a Cappella San Severo e Madre Napoli, è pronto il progetto di trasformazione dell'ex base Nato Premio Biagio Agnes da oggi a Sorrento Eastwest e Europeye portano a Napoli il Digital Challenge Adler Pelzer Group, nuovo sito a Bratislava: previsto un fatturato annuo di 47 milioni Rc auto, Codacons: Prezzi ancora alti, divario Nord-Sud abnorme Festival Ville Vesuviane, sabato al via nella dimora del Leopardi

kimbo shop ildenaro 016

Quattro amici al parco alla Reggia

  •  Antonio Arricale
  • Pubblicato in Tribuna

La Reggia di Caserta, ieri, giorno di Pasquetta, ha registrato quasi 9 mila visitatori. E’ stato, immagino, tra i monumenti e l’annesso parco più visitati d’Italia.
Se ancora so fare di conti, la gestione finalmente manageriale del “bene” ha incassato, in un solo giorno, oltre cento mila euro. La marea – va bè, diciamo fiumana – di persone che si è riversata nel parco avrà sicuramente lasciato traccia delle sua presenza, ma non se ne fa un dramma, oggi: ce n’è di che pagare gli spazzini. Non capisco perciò l’enfasi con la quale è stato commentato l’evento.
D’accordo, erano 25 anni che nel giorno del lunedì dell’Angelo non si aprivano i cancelli del parco al “popolo”, ma l’eccezione – a me sembra – non è stata tanto l’apertura di ieri, semmai la chiusura dei 25 anni precedenti.
Ieri, tutti i musei e i parchi d’Italia – salvo rare eccezioni, resistenza di un’antica cialtroneria gestionale che ancora qua e là sopravvive nella penisola – sono stati aperti al pubblico. Sarebbe stato grave se non lo fosse stato anche il nostro Massimo. E, nel caso, per quanto mi riguarda, oggi, invece che intonare il solito pianto greco, sarei stato pronto a stigmatizzare l’ennesimo errore, la perdurante mala-gestione pubblica, e forse an ch’io avrei attinto fino alla noia ai luoghi comuni, e mi sarei accodato alle imprecazioni contro le solite incrostazioni sindacali (che, poi, spesso sono soltanto un alibi all’insipienza dei dirigenti) buone soltanto a vietare, e via dicendo.
Insomma, oggi dovremmo – penso – brindare non alla “scommessa vinta” ma alla recuperata ordinarietà, alla ritrovata regola, non all’eccezione.
Negli anni addietro, peraltro, se non ricordo male, il parco veniva letteralmente invaso da un’orda: fino a cento mila persone, scrivono i cronisti dell’epoca, a cui i cancelli venivano letteralmente spalancati. Salvo constatare, il giorno dopo, l'amaro sapore della beffa, dal momento che per riparare i danni degli atti vandalici non c’erano nemmeno i soldi dell’incasso. Danni e beffa che si sarebbero ripetuti e forse addirittura raddoppiati – nella rassegnazione generale – con il rito tutt’altro che ortodosso della celebrazione in differita della pasquetta marcianisana e, più in generale, dell’hinterland del capoluogo.
Insomma, al confronto, quelli di ieri erano quattro amici al bar. Anzi, quattro amici al parco e anche paganti. Perciò, misura, colleghi, misura.