n63

Log in
NEWS
Neurochirurgia, i viaggi della speranza cambiano direzione. A Castelvolturno centro eccellenza per scoliosi Ue, incubazione delle start up: 3 milioni di euro con Copernicus Generazione cultura: contributi per i talenti under 27 Napoli, duemila in piazza contro i tagli alle politiche sociali Qr Code Campania, c'è il bando dell'Istituto Zooprofilattico Antonio Parlati confermato alla guida della sezione Editoria di Unione Industriali Napoli Paolo Barrale nuovo presidente di Chic Radio e Tv locali: ecco come saranno ripartiti i contributi pubblici Ischia, il Comune premia 6 imprenditori "maestri di accoglienza" Regione, D’Amelio con De Luca alla stazione di Lioni: Entusiasmo per il ritorno del treno Battimelli, Vuolo e Gallo confermati nel consiglio nazionale Medici Cattolici Maison Signore sbarca a New York: trunk show da Kleinfeld, il tempio dell'alta moda sposa Caserta, si dimettono due assessori: sindaco verso il rimpasto Accurso verso la nomina a segretario generale Uilm Campania Sanità, De Luca: Miracoli per salvare ospedali e posti letto Medici, a Salerno asse con gli chef: via al secondo corso sulla dieta mediterranea Pd, Angelica Saggese nel coordinamento nazionale Mozione Renzi Gianvito Gioia neo comandante dei vigili di Minervino Murge Bullismo, sì a proposta di legge regionale Tarì presenta Jewellery Export Lab Napoli, riapre parcheggio di via Argine Al via ristrutturazione istituto Gentileschi Al via ristrutturazione istituto Gentileschi Humaniter, un concerto per celebrare i vent'anni della fondazione Pmi, segnali positivi nel Mezzogiorno: ecco il rapporto di Confindustria e Cerved Enginfo, tutte le novità per l'efficientamento energetico a EneryMed Mooks presenta i noir anomali di Bruno Pezzella FI inaugura scuola di formazione a Salerno con Gasparri Bando Ismea per giovani imprenditori, si parte Sciuscià nei guai, sequestro della Gdf Figlie di Maria Ausiliatrice, chiude l'istituto di Salerno Thailandia-Campania, asse sull'aerospazio FutureDem apre sede nel Sannio Pasquale Lamberti e Antonio Citro nuovi vertici di FdI-An a Pontecagnano Un geologo in ogni Comune: il piano anti rischio sismico

kimbo shop ildenaro 016

Quando Toscanini soggiornò a Casamicciola

1.

Il PD, a Napoli, con le sue vicende tristi e malinconiche, occupa sempre di più lo spazio della cronaca e sempre meno quello della Politica. Da tempo. Intanto Antonio Bassolino, caparbia la sua capacità di resistenza al degrado, annuncia il consueto, in questi casi, incontro per “riflettere insieme sul PD e sulla Sinistra”. Già: riflettere! Mi auguro anche su se stesso e sulle sue responsabilità di leader assoluto del PDS – DS – PD dal 1993 al 2010. Un ventennio di gloria, di fasti, di lusso, anche… intellettuale, che sapeva tanto di esibizione. E di potere. E che riflessione sia, se molti aspettano gli esiti penali della vicenda dei “candidati a loro insaputa”, e molti altri sono in attesa delle decisioni delle varie commissioni sulla… qualità del tesseramento. Tessere, comunque, senza Partito, senza sezioni, senza territorio, senza dibattito, senza Politica. Tessere di appartenenza soli ai capi-bastone. Al 98%. Perché poi c’è l’eroico e coraggioso Biagio De Giovanni, che scommette su Renzi e sulla sua capacità di rinnovare il Partito, la Politica, il Paese. Naturalmente, se riesce a fare le primarie ed a vincerle. E c’è anche una minoranza sparuta, ma apprezzabile, della quale fa parte anche mio figlio Vito: tanti che credono in un Partito, che sia all’altezza del Partito del Socialismo Europeo, di cui è parte integrante. Ma quello che accade a Napoli non si capirà mai se non si avrà il coraggio di chiamare la vicenda con il suo nome più appropriato: si tratta di una grande questione morale. Ripeto: una grande questione morale. Ricordo ancora, fra la fine degli anni ‘80 e gli inizi degli anni ‘90, tanti di coloro, che ora tacciono, che guardavano noi socialisti con malcelato disprezzo anche se, bontà loro, riconoscevano qualche rara eccezione. Ci guardavano dall’alto della loro vantata “diversità”, di berlingueriana memoria. “Diversi” perché “moralmente” ineccepibili a fronte di noi socialisti, a loro dire, “rampanti e corrotti”. Poi arrivò Tangentopoli anche per molti dirigenti e quadri del PCI. E con essa Antonio Bassolino, che, fece “pulizia” molto “giacobbinamente”. Ed usò, allora sì, il “lanciafiamme”. Molti comunisti, vittime di quella “pulizia” lo ricordano ancora sulla loro carne viva. Cominciava la sua epopea su quelle macerie, che erano anche le macerie dei Partiti tradizionali. Su di esse nasceva il “Partito personale” per eccellenza: il suo. Il resto è storia recente pochi parlarono di tante “forzature”, a cominciare da quelle di Enrico Berlinguer, pochi si ribellarono ad una deriva, che era retta dall’euforia della tanto criminalizzata gestione del potere. Finalmente raggiunto da loro. Molti tacquero, molti altri si… accomodarono. Il tarlo nasce da lì ed arriva fino ai nostri giorni: con protagonisti molti del… “coro” di quei giorni. Riflettano ora. L’impressione è che sia troppo tardi per tutto e per tutti. Anche per coloro che fuggono dalla nave, invece di rispondere delle loro responsabilità, come il tristo Massimo D’Alema. So bene che tutto questo, comprese le mie povere riflessioni, appare, e forse è, una sorta di diatriba fra… “morti”. La Politica è andata da una altra parte. Ed i pochi superstiti sono tristemente condannati ad andare… a casa. Stretti nella morsa leghista-grillina, di cui ai populismi di ogni genere. Con l’elettorato spinto ed attratto da chi grida più forte. Lo spazio per la Ragione si è ristretto. E di molto. Intanto, dalle nostre parti, nessuno si indigna più. E Palazzo Marigliano è chiuso da tempo. Ultimo Commissario della Federazione Provinciale del PSI, alla fine del ’93, spensi per l’ultima volta la luce della gloriosa sede di via Marchese Campodisola, proprio mentre Antonio Bassolino diventava Sindaco di Napoli e cominciava la sua corsa, che doveva essere inarrestabile. Ora assisto a questa tragica nemesi. E non ne sono contento, perché dietro l’angolo non c’è un'altra Sinistra, ma la fine della Democrazia Rappresentativa. E, forse, anche della Politica.

2.

Il 25 di marzo del 1867 nasceva Arturo Toscanini. Quest’anno cade, quindi, il 150° della sua nascita. In tutto il Mondo si sono già avviate le celebrazioni, soprattutto in America, dove alla testa della NBC Symphony Orchestra, la prestigiosa orchestra da lui ”forgiata”, diede vita a memorabili esecuzioni, di cui a preziosi registrazioni. Ma il Teatro alla Scala, dove fu protagonista per decenni non sarà da meno. Antifascista severo, rifiutò più volte di eseguire l’inno fascista del tempo, Giovinezza, fu anche malmenato per questo a Bologna e fu costretto all’esilio. Tornò in Italia per dirigere il primo concerto nel Teatro alla Scala, restaurato, dopo un crudele bombardamento. Nel 1953, questo grande Direttore d’Orchestra venne sull’Isola d’Ischia, dimorò a Casamicciola, all’Hotel Suisse, se non erro, e fece le cure termali alle Terme Rita alla Sentinella. L’Europeo, allora fra le riviste più diffuse, diede conto di quel soggiorno, con fotografie ed un intera pagina. Quel soggiorno sarà un felice “pretesto” per ricordarlo anche qui. Sto lavorando con persone sensibili ed Istituzioni importante, quale è la Fondazione intestata a Susana e William Walton, con la sua Presidente, Alessandra Vinciguerra, per celebrarlo degnamente anche qui. Se poi le associazioni, Alberghiere e Termali, volessero cogliere questa occasione per ricavarne un formidabile Spot in favore del nostro termalismo, ne sarei felice. Soprattutto sul mercato Americano, ma anche su quello Europeo, far “sapere” che il grande Arturo Toscanini aveva fiducia nelle acque termali dell’Isola d’Ischia, in quelle di Casamicciola in particolare, costituirebbe una efficace, prestigiosa e… gratuita promozione.