Log in
NEWS
Incendi, da oggi a Torre del Greco tavolo permanente M5S Cooperazione scientifica nel Mediterraneo, a Napoli si presenta Prima Scenari economici e Milano Finanza 22 luglio 2017 LETTERA APERTA A TITO BOERI di Paolo Savona Incendi, domani audizione in Commissione Ambiente Contributi ai Partiti europei: domande entro il 30 settembre Al via Youth4Regions, contest Ue per giornalisti Start up sociali e under 35: 300mila € alle migliori idee Mozzarella surgelata, 56 parlamentari chiedono chiarimenti Metropolitana di Napoli, in parlamento il caso della "compatibilità" di Cascetta Siccità, la pioggia non basta. Solo l'11% "diventa" acqua Mutui, attesa media di 134 giorni. Il caso Campania Mostre, Biennale di San Leucio sceglie il tema "Terra Madre" Da Napoli un sistema che previene i danni da sisma agli edifici Rfi, in Campania nuovi sistemi informativi per i viaggiatori Giffoni Film Festival, Gubitosi: Ora collegamento Metro con Salerno Cooperazione scientifica nel Mediterraneo, a Napoli si presenta Prima Napoli, opposizioni diserteranno seduta consiliare su Bagnoli Tassa sui rifiuti, Napoli e Salerno tra le più esose in Italia System House cerca sede in Campania per i lavoratori ex Gepin Giffoni Film Festival, Gubitosi: Ora collegamento Metro con Salerno Intervista a Vincenzo Schiavo Siccità, danni per 2 miliardi di euro. Tutte le coltivazioni colpite Taxi, Città di Partenope denuncia: da lunedì costi più alti e meno chiarezza Acerra, Comune parte civile in tutti i processi su roghi dolosi Musica, a settembre torna Ethnos Festival Ottaviano, dopo i roghi riprende "Estate Medicea" Giornalisti, sindacato spara a zero contro De Luca Fca, sindacati chiedono attivazione del progetto Premium Università, martedì a Roma l'audizione di Oddati Cgil fa causa alla Nato per dipendenti nelle basi italiane Scuola, in arrivo mezzo miliardo per le paritarie Fs prevede 26 mln di passeggeri per estate 2017. Napoli snodo cruciale ll Sun toglie Napoli dalla lista delle città più pericolose del mondo Napoli, riapre la Funicolare Centrale Giffoni Experience, un festival tra grande cinema e legalità/sicurezza

kimbo shop ildenaro 016

Quando la rivalità politica sfocia nel ridicolo

Non essendoci più avversari ma nemici, chi vince le elezioni stravolge tutto ciò che il predecessore aveva deciso. Sta accadendo in USA e potrebbe succedere anche in Italia, se sulla pubblica utilità prevarrà il dispetto. Come se la precedente amministrazione non avesse fatto nulla di accettabile. Annullata la legge sull’assistenza sanitaria, oggi tutti debbono avere un’assicurazione per essere curati. Stravolte persino le norme che regolano l’accesso ai gabinetti nelle scuole. Per evitare il dileggio, gli alunni trans potevano usufruire dei servizi femminili. Ora dovranno usare quelli dei ragazzi. Molti i ricorsi. Coinvolta la Corte Suprema, saranno i super giudici a decidere dove pisciare.

Gli italiani ossessionati dal denaro degli altri

Vogliamo conoscere stipendi e redditi di tutti e saremmo felici di abbassarli. Da tanta stupida invidia non possono che scaturire ignoranza, mediocrità e inefficienza. Chiunque, scienziati e disoccupati, dovrebbero vivere allo stesso modo. Perché abbiamo tutti gli stessi diritti. Quindi, parlamentari e magistrati, ministri e imprenditori, professionisti e operai debbono avere lo stesso salario. Questo è il concetto di uguaglianza sociale, secondo la concezione populista di certa politica. Come avveniva 80 anni fa nell’Unione Sovietica, dove non c’era benessere e neppure libertà. Così ci ridurremo se, anziché provare a crescere, ci ostineremo a gioire solo se gli altri stanno peggio di noi.

Come mai dura due anni un’inchiesta sull’assenteismo?

Dopo interminabili indagini, in un ospedale napoletano in 55 – tra medici e infermieri – sono finiti agli arresti domiciliari. Anche altrove molti statali studiano il modo per poter marinare il lavoro, pur figurando presenti. Qualcuno timbra per loro il cartellino. C’è l’omertà di dirigenti che non controllano. La complicità di sindacati che non proteggono i lavoratori sani, denunciando coloro che delinquono. Ma soprattutto la lentezza della magistratura. Ci si chiede perché sia necessario tanto tempo per accertare chi è indegno di ricoprire la funzione che gli è affidata e smascherare i complici. È proprio necessaria una nuova legge – altre lungaggini – per cacciare i parassiti?

Paese che vai, civiltà che trovi

Clamoroso equivoco alla consegna degli Oscar. Non era mai successo. Dopo avere esultato e festeggiato, la doccia fredda. Regista e cast di “La La Land” hanno dovuto restituire la statuetta e consegnarla a quelli di “Moonlight”. Sorprendente la signorilità con cui, seppure la delusione emergesse dai loro volti, i falsi vincitori si sono congratulati con gli antagonisti. Anzi, si sono detti felici che l’ingiustizia sia stata scoperta subito. Solo gentilezze, la rabbia era ben celata. Prevaleva il rispetto. Adesso chiudiamo gli occhi e proviamo a immaginare un’analoga situazione in Italia. Riusciamo a visualizzare la reazione di chi, nonostante l’errore accertato, si riteneva, comunque, legittimo vincitore?

Chissà che mi credevo!

Il problema di certa politica non è la disoccupazione né la violenza e neppure la giustizia sociale. Il popolo è ormai assillato dall’esagerato compenso e dal vitalizio dei parlamentari. In effetti, sono troppi. Ne basterebbero la metà, sia alla Camera, sia al Senato. Li vorrebbero retribuiti come tutti gli altri cittadini. Mentre sono personaggi che gestiscono le nostre vite. Adesso apprendiamo che il loro stipendio annuo lordo si aggira mediamente sui centomila euro. Non c’è mediocre professionista che non raggiunga quel reddito. Sarebbe meglio che fossero più preparati, onesti, efficienti e con maggiore esperienza. I populisti, invece, li vorrebbero ignoranti, purché guadagnino di meno. 

C’è ancora chi non si dichiara ostaggio della giustizia

Finalmente una novità. Uno che non grida al complotto. Anzi, se colpevole lo condannino al doppio della pena. Finora “non potendolo sconfiggermi nelle urne ricorrono alla magistratura”. Da 20 anni sentiamo questa scusa. Adesso anche i delinquenti comuni si rifugiano dietro l’attacco di giudici politicizzati. Tra i nuovi statisti ci sono gli sciacalli che eccitano un popolo disperato. Vorrebbero vedere tutti in galera. Non importa se colpevoli. Anche agli innocenti un po’ di carcere fa bene. L’odio, non la verità, è il lievito dei messaggi. Parlano alla pancia, più ricettiva del cervello. Tentano di imitarci in Francia. Però, gli elettori non abboccano. Lì, anche gli ignoranti pensano ai figli.

Queste riflessioni sono di costume e anche politiche, ma sempre al di sopra delle ideologie e dei partiti. Se ti piacciono – anche se non le condividi – divulgale liberamente, trasmettendole ai tuoi amici o pubblicandole, senza doverne chiedere l’autorizzazione né citare la fonte. Magari, facendocelo sapere per ringraziarti. L’importante è che tutti, di qualsiasi tendenza, siano stimolati a riflettere per evitare di farsi manipolare. Se, invece, non ti interessano o addirittura ti disturbano, non avere l’imbarazzo di farcelo sapere francamente con una email.

Un caro saluto, Roberto