n63

Log in
NEWS
Neurochirurgia, i viaggi della speranza cambiano direzione. A Castelvolturno centro eccellenza per scoliosi Ue, incubazione delle start up: 3 milioni di euro con Copernicus Generazione cultura: contributi per i talenti under 27 Napoli, duemila in piazza contro i tagli alle politiche sociali Qr Code Campania, c'è il bando dell'Istituto Zooprofilattico Antonio Parlati confermato alla guida della sezione Editoria di Unione Industriali Napoli Paolo Barrale nuovo presidente di Chic Radio e Tv locali: ecco come saranno ripartiti i contributi pubblici Ischia, il Comune premia 6 imprenditori "maestri di accoglienza" Regione, D’Amelio con De Luca alla stazione di Lioni: Entusiasmo per il ritorno del treno Battimelli, Vuolo e Gallo confermati nel consiglio nazionale Medici Cattolici Maison Signore sbarca a New York: trunk show da Kleinfeld, il tempio dell'alta moda sposa Caserta, si dimettono due assessori: sindaco verso il rimpasto Accurso verso la nomina a segretario generale Uilm Campania Sanità, De Luca: Miracoli per salvare ospedali e posti letto Medici, a Salerno asse con gli chef: via al secondo corso sulla dieta mediterranea Pd, Angelica Saggese nel coordinamento nazionale Mozione Renzi Gianvito Gioia neo comandante dei vigili di Minervino Murge Bullismo, sì a proposta di legge regionale Tarì presenta Jewellery Export Lab Napoli, riapre parcheggio di via Argine Al via ristrutturazione istituto Gentileschi Al via ristrutturazione istituto Gentileschi Humaniter, un concerto per celebrare i vent'anni della fondazione Pmi, segnali positivi nel Mezzogiorno: ecco il rapporto di Confindustria e Cerved Enginfo, tutte le novità per l'efficientamento energetico a EneryMed Mooks presenta i noir anomali di Bruno Pezzella FI inaugura scuola di formazione a Salerno con Gasparri Bando Ismea per giovani imprenditori, si parte Sciuscià nei guai, sequestro della Gdf Figlie di Maria Ausiliatrice, chiude l'istituto di Salerno Thailandia-Campania, asse sull'aerospazio FutureDem apre sede nel Sannio Pasquale Lamberti e Antonio Citro nuovi vertici di FdI-An a Pontecagnano Un geologo in ogni Comune: il piano anti rischio sismico

kimbo shop ildenaro 016

Il "peccato sociale"

1.

Tiene banco, fra tutte le altre tristezze, la storia, che si ripete da noi ed in mezza Italia, dei “furbetti del cartellino”. Questa volta all’ospedale Loreto Mare e per un numero cospicuo di “replicanti”. Si studiano nuove forme per impedire questi abusi, fermo restando che il licenziamento è dietro l’angolo. Tuttavia è il caso di qualche ulteriore considerazione: il “proibizionismo” non ha evitato che si consumasse un solo bicchiere di whisky in meno, così come la lotta alla droga non ha impedito le forme più sofisticate di approvvigionamento, né la consapevolezza del danno che arreca il fumo non ha scoraggiato un solo fumatore dall’insistere nel vizio. Se non si ha una nuova coscienza dell’errore, se non si acquisisce un qualche valore sulla Bellezza della Vita e dei propri comportamenti si cercherà sempre qualche scappatoia per fare i propri “comodi”. “Filosofia” a parte, continuo a meravigliarmi di come Santa Madre Chiesa non prenda in considerazione la “fattispecie” del “peccato sociale”. Sarò sfortunato o poco attento, ma non ho mai sentito, nel tempo, che presentare qualche certificato medico pur in assenza di malattia, timbrare il cartellino e non lavorare, prendere lo stipendio senza aver fatto il proprio dovere è un furto, di cui al comandamento “Non Rubare”. Ma, in questi casi, è anche una violazione del precetto più grande: “Ama il Prossimo tuo come te stesso”. Il malato costretto a far ore di fila perché gli addetti hanno “marinato”, colui che viene trattato con sciatteria o disattenzione è il “Prossimo”, che si deve amare. Poi ci si sarebbe un altro Valore: quello del Dovere. Oppure quello della Gioia di rendere un servizio al meglio: lo dico da antico impiegato, per sedici anni, del Banco di Napoli. Ancora oggi, insieme a tanti colleghi, sono felice della stima di molti clienti, che si ricordano delle attenzioni e della disponibilità di cui a reciproca e bella umanità. Il dovere, il rispetto per i clienti era “sacro”: e non costava fatica perché la pratica di quei Valori, di per sé era una bella “ricompensa”. Ci pensi Santa Madre Chiesa, ma anche la Scuola con l’Educazione a Valori di Civiltà, a contribuire a creare nuova consapevolezza di Amore di Dovere. Due valori, insieme, religiosi e laici.

2.

Ho visto Jackie. Un film di emozioni. Per un intera generazione. E per me. A prescindere dalla verità storica e da ogni valutazione sulla qualità del film, che comunque è ben congegnato e benissimo interpretato. Non solo dalla intensa Natalie Portman. Era il novembre del 1963, Anna, ci saremmo sposati nel 1966, era appena arrivata in America. A Philadelphia. Ospite, alla pari, della famiglia Sargentini. L’ingegnere Sargentini, dirigente della Olivetti, il cui mitico fondatore, Adriano, aveva acquistato una “fabbrica” di macchine da scrivere in America, la Underwood, era stato “mandato” in America, appunto, quale manager e voleva conservare per i figli educazione e lingua italiana. Anna era stata “selezionata” per questo. John Kennedy fu ucciso a Dallas il 22 di novembre del 1963. Anna, che era arrivata da poco, mi scrisse della emozione, della paura, del dolore diffuso. Di lì a qualche mese sarebbe andata, come tanti, a rendere omaggio alla sua tomba ad Arlington. A quel tempo ero al collegio Augustinianum dell’Università Cattolica a Milano. Era i giorni dei “Ludi”, il periodo di “educazione” che gli “anziani” riservavano alle “matricole”. Alla notizia della uccisione di Kennedy, un collega del mio anno, l’ultimo degli studi universitari, propose di sospendere i “Ludi” con la motivazione, ingenua ma genuina, che Kennedy era il primo Presidente cattolico degli USA. Nonostante la forte emozione continuammo quei “Ludi”, ma l’uccisione di Kennedy, il Presidente della “Nuova frontiera”, segnò per tutti noi, per la nostra generazione, la fine del “tempo dell’innocenza”. Per sempre. Cominciava un tempo nuovo, molto più drammatico: dopo l’entusiasmo del ’68 arrivò il terrorismo, di destra e di sinistra, si consumarono attentati, ancora oggi misteriosi, fino all’assassinio di Aldo Moro. Quel “maledetto” 1963: il 3 di giugno era morto Papa Giovanni XXIII, il Papa del Concilio e della Enciclica “Pacem In Terris”. Un altro della “triade” che aveva fatto sperare in un Mondo migliore: Papa Giovanni, Kennedy, Kruscev. Questo bel film ha “riaperto” mille emozioni, legate ad un tempo irripetibile, quello della “Speranza”, come lo definì in un bel saggio, quel’altro uomo di grande fascino, che è Pierre Carniti. E parlarne in questi giorni di degrado disperante fa molto bene. Spero non solo a me. Senza dimenticare una… civetteria localistica: Jaqueline Kennedy, nei primi anni del matrimonio con Aristotele Onassis, sbarcò sull’Isola d’Ischia e volle venire a Forio per acquistare dei collages di “Peperone”, pittore bravo e personaggio simpatico, intelligente ed estroverso, di cui gli aveva parlato sua sorella Lee Radziwill, ammiratrice dell’arte davvero originale del nostro “Peperone”.

3.

Finora nessun arbitro ha sentito il fascino di un titolo a tutta pagina: “Clamoroso errore arbitrale… contro la Juventus”. Al netto di questa “utopia”, penso che la stampa napoletana sarebbe stata molto più credibile se, insieme alla denuncia degli errori arbitrali, questa volta davvero meno clamorosi di tanti altri perpetrati nel tempo lungo a favore della Juventus, avesse detto con chiarezza degli errori della difesa del Napoli e di Sarri, che non aveva capito che quella del secondo tempo era un'altra Juventus e “meritava” un altro Napoli. Anche sul piano tattico.