n63

Log in
NEWS
Camorra, Verdi: Per sconfiggerla serve una reazione dei cittadini Nuoto, festa al Grand Prix di Napoli per Federica Pellegrini San Vitaliano, veglia di preghiera di solidarietà ai lavoratori del salumificio Spiezia Pd, Simone Valiante: Si apra una riflessione vera sull'Industria Dl manovra, Boccia: Voucher? Il futuro dell'Italia non passa di qui Migranti, a Napoli la nave di Msf con 1500 persone Salerno, i Neri per caso chiudono"Porto di Parole": c'è anche De Luca Capri Watch. il marchio campano protagonista al Roland Garros con tre testimonial Cai, Napoli capitale della montagna: c'è l'assemblea nazionale Mann, flash mob per dire no alla sentenza del Tar Università di Salerno, occhialini 3D per il piano formativo in live surgery Napoli, il ministro Orlando a de Magistris: Noi attenti alla città Ariano International Film Festival, presentata a Cannes la V edizione Napoli, cambia la giunta. Il sindaco: non c'è giudizio politico Napoli, de Magistris: Governo garantisca più risorse Bcc Napoli, bilancio di solidità Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca

kimbo shop ildenaro 016

Quanto la politica era fede e ragione di vita

Ne farei volentieri a meno. Ma, come si fa?! Confesso: ho proprio fastidio ad accostarmi a tematiche, persone, presunti protagonisti di questo PD in cui si pensa solo a posizionarsi, a scindersi. In una guerra carica di odio e del desiderio di distruggersi l’un l’altro. In questi giorni molti hanno ricordato le grandi scissioni, che, purtroppo, tutte, hanno riguardato la Sinistra ed il Socialismo in particolare. Ma tutte avevano un’“anima”. C’era pathos, commozione, dolore vero, sofferenza visibile. Da qualche mese si era consumata l’ultima scissione socialista, quella seguita alla entusiasmante unificazione del 1966, ed alla cocente sconfitta del 1968, fra Socialisti e Socialdemocratici, tra Nenni e Saragat. Pietro Nenni, che aveva lavorato  venti anni per riparare al suo errore “frontista” del 1947, ed aveva portato i Socialisti al Governo e quindi alla Unificazione, nel settembre del 1969 sul balcone della sua stanza dell’Hotel Royal Sporting a Lacco Ameno, ospite di Angelo Rizzoli, rievocando il momento della scissione, mi disse, testualmente: “ Mi sentii raggelare quando vidi i compagni che si alzavano ed andavano via per riunirsi altrove”. Fu allora che disse, fra rabbia e delusione: “Nenni va a casa”. In quella che è stata, l’ultima lettera che ha scritto, (era il tempo di un contrasto profondo fra Craxi e la Sinistra di Lombardi e Signorile. Solo contrasto e non minaccia di scissione), datata Capodanno ’80, indirizzata a me, un privilegio, scrive: “ …il Paese va a rotoli e il Partito egualmente e forse più. Ne sono desolato. Sono cose del resto che avevo previsto nel ’69, quando non io solo fui battuto ma la prospettiva di un partito fattore di ordine e di progresso…”. Quanta sofferenza, quanto dolore vivo, quanta umanità: per Pietro Nenni la Politica, il Socialismo, erano una fede ed una ragione di vita. Qui ci troviamo di fronte ad uomini piccoli, senza “sangue”, senza entusiasmo, che agiscono prevalentemente in forza di meschini calcoli personali e non hanno nessuna preoccupazione al pensiero che a fronte della loro scelta scellerata ci sono Trump, Salvini, Le Pen e Brexit che si consolida. Mentre anche in Europa si costruiscono Muri e si tendono fili spinati. Dovremo… sperare nel Movimento 5 Stelle, che fra tante… amenità, almeno non parla di muri e filo spinato?! Pur tuttavia nel PD ci sono uomini seri, responsabili e pensosi, che proprio  per questo sono stati emarginati, come Sergio Chiamparino, che, in una intervista a Il Mattino di giovedì 23 febbraio, ha saputo esprimere un pathos di rara umanità e disegnare qualche prospettiva ancora positiva, invocando, ed il riferimento è a Renzi e ad alcuni dei suoi errori, la costruzione di una “Leadership inclusiva, che sappia ascoltare di più… per far partire una proposta positiva e credibile”. Se leggessero Pietro Nenni, lavorerebbero per costruire un “Partito fattore di Ordine e di Progresso”. Un Partito Socialista. Se poi guardassero fino alla Germania, si renderebbero conto che Schulz “rischia” di battere nientemeno che Angela Merkel con un programma Socialdemocratico. Altro che Jobs Act. Devo dire, comunque, che la candidatura di Orlando, molto di più di quella, davvero improbabile, di Emiliano, dà una prima impressione di un Partito plurale e crea qualche problema di… coscienza, ove mai l’avessero, agli scissionisti ed al malinconico e rancoroso D’Alema Massimo. Chi vivrà, vedrà.

 

Ho consigliato a Riccardo Nencini di organizzare un incontro, una grande “Assemblea” di tutti i Socialisti della “riserva”, quelli come me: senza nessuna ambizione di revanche, né di svolgere ancora qualche ruolo (abbiamo avuto già molto: dal Partito e dalla vita) ma solo per trasmettere qualche Valore, per aiutare a “rammendare” una Storia, che troppi hanno contribuito a sfilacciare. E per dire, con un pizzico di orgoglio, che quelli che pensarono di costruire il PD “fondendo”, molto a freddo, la cultura comunista e quella democristiana, e fecero a meno di quella Socialista – per la damnatio memoriae - hanno fallito. Se, invece di fuggire, di scindersi, di accapigliarsi, di odiarsi, pensassero di recuperare su errori personali e collettivi, se pensassero a “fare” Politica, quella alta, che è l’Unica, (la Politica o è Alta o non è!) forse si potrebbe ancora costruire un “Partito, fattore di Ordine e di Progresso”. Nencini, che ha il merito di mantenere in vita un Partito minuscolo, ma che si chiama Partito Socialista Italiano, ha la possibilità di contribuire a piantare un “seme”. Molti di noi ci starebbero: per aiutare la Politica ed il Partito. Nel segno del Socialismo. Quello senza aggettivi, quello saldamente ancorato al Partito del Socialismo Europeo.