n63

Log in
NEWS
Neurochirurgia, i viaggi della speranza cambiano direzione. A Castelvolturno centro eccellenza per scoliosi Ue, incubazione delle start up: 3 milioni di euro con Copernicus Generazione cultura: contributi per i talenti under 27 Napoli, duemila in piazza contro i tagli alle politiche sociali Qr Code Campania, c'è il bando dell'Istituto Zooprofilattico Antonio Parlati confermato alla guida della sezione Editoria di Unione Industriali Napoli Paolo Barrale nuovo presidente di Chic Radio e Tv locali: ecco come saranno ripartiti i contributi pubblici Ischia, il Comune premia 6 imprenditori "maestri di accoglienza" Regione, D’Amelio con De Luca alla stazione di Lioni: Entusiasmo per il ritorno del treno Battimelli, Vuolo e Gallo confermati nel consiglio nazionale Medici Cattolici Maison Signore sbarca a New York: trunk show da Kleinfeld, il tempio dell'alta moda sposa Caserta, si dimettono due assessori: sindaco verso il rimpasto Accurso verso la nomina a segretario generale Uilm Campania Sanità, De Luca: Miracoli per salvare ospedali e posti letto Medici, a Salerno asse con gli chef: via al secondo corso sulla dieta mediterranea Pd, Angelica Saggese nel coordinamento nazionale Mozione Renzi Gianvito Gioia neo comandante dei vigili di Minervino Murge Bullismo, sì a proposta di legge regionale Tarì presenta Jewellery Export Lab Napoli, riapre parcheggio di via Argine Al via ristrutturazione istituto Gentileschi Al via ristrutturazione istituto Gentileschi Humaniter, un concerto per celebrare i vent'anni della fondazione Pmi, segnali positivi nel Mezzogiorno: ecco il rapporto di Confindustria e Cerved Enginfo, tutte le novità per l'efficientamento energetico a EneryMed Mooks presenta i noir anomali di Bruno Pezzella FI inaugura scuola di formazione a Salerno con Gasparri Bando Ismea per giovani imprenditori, si parte Sciuscià nei guai, sequestro della Gdf Figlie di Maria Ausiliatrice, chiude l'istituto di Salerno Thailandia-Campania, asse sull'aerospazio FutureDem apre sede nel Sannio Pasquale Lamberti e Antonio Citro nuovi vertici di FdI-An a Pontecagnano Un geologo in ogni Comune: il piano anti rischio sismico

kimbo shop ildenaro 016

Quanto la politica era fede e ragione di vita

Ne farei volentieri a meno. Ma, come si fa?! Confesso: ho proprio fastidio ad accostarmi a tematiche, persone, presunti protagonisti di questo PD in cui si pensa solo a posizionarsi, a scindersi. In una guerra carica di odio e del desiderio di distruggersi l’un l’altro. In questi giorni molti hanno ricordato le grandi scissioni, che, purtroppo, tutte, hanno riguardato la Sinistra ed il Socialismo in particolare. Ma tutte avevano un’“anima”. C’era pathos, commozione, dolore vero, sofferenza visibile. Da qualche mese si era consumata l’ultima scissione socialista, quella seguita alla entusiasmante unificazione del 1966, ed alla cocente sconfitta del 1968, fra Socialisti e Socialdemocratici, tra Nenni e Saragat. Pietro Nenni, che aveva lavorato  venti anni per riparare al suo errore “frontista” del 1947, ed aveva portato i Socialisti al Governo e quindi alla Unificazione, nel settembre del 1969 sul balcone della sua stanza dell’Hotel Royal Sporting a Lacco Ameno, ospite di Angelo Rizzoli, rievocando il momento della scissione, mi disse, testualmente: “ Mi sentii raggelare quando vidi i compagni che si alzavano ed andavano via per riunirsi altrove”. Fu allora che disse, fra rabbia e delusione: “Nenni va a casa”. In quella che è stata, l’ultima lettera che ha scritto, (era il tempo di un contrasto profondo fra Craxi e la Sinistra di Lombardi e Signorile. Solo contrasto e non minaccia di scissione), datata Capodanno ’80, indirizzata a me, un privilegio, scrive: “ …il Paese va a rotoli e il Partito egualmente e forse più. Ne sono desolato. Sono cose del resto che avevo previsto nel ’69, quando non io solo fui battuto ma la prospettiva di un partito fattore di ordine e di progresso…”. Quanta sofferenza, quanto dolore vivo, quanta umanità: per Pietro Nenni la Politica, il Socialismo, erano una fede ed una ragione di vita. Qui ci troviamo di fronte ad uomini piccoli, senza “sangue”, senza entusiasmo, che agiscono prevalentemente in forza di meschini calcoli personali e non hanno nessuna preoccupazione al pensiero che a fronte della loro scelta scellerata ci sono Trump, Salvini, Le Pen e Brexit che si consolida. Mentre anche in Europa si costruiscono Muri e si tendono fili spinati. Dovremo… sperare nel Movimento 5 Stelle, che fra tante… amenità, almeno non parla di muri e filo spinato?! Pur tuttavia nel PD ci sono uomini seri, responsabili e pensosi, che proprio  per questo sono stati emarginati, come Sergio Chiamparino, che, in una intervista a Il Mattino di giovedì 23 febbraio, ha saputo esprimere un pathos di rara umanità e disegnare qualche prospettiva ancora positiva, invocando, ed il riferimento è a Renzi e ad alcuni dei suoi errori, la costruzione di una “Leadership inclusiva, che sappia ascoltare di più… per far partire una proposta positiva e credibile”. Se leggessero Pietro Nenni, lavorerebbero per costruire un “Partito fattore di Ordine e di Progresso”. Un Partito Socialista. Se poi guardassero fino alla Germania, si renderebbero conto che Schulz “rischia” di battere nientemeno che Angela Merkel con un programma Socialdemocratico. Altro che Jobs Act. Devo dire, comunque, che la candidatura di Orlando, molto di più di quella, davvero improbabile, di Emiliano, dà una prima impressione di un Partito plurale e crea qualche problema di… coscienza, ove mai l’avessero, agli scissionisti ed al malinconico e rancoroso D’Alema Massimo. Chi vivrà, vedrà.

 

Ho consigliato a Riccardo Nencini di organizzare un incontro, una grande “Assemblea” di tutti i Socialisti della “riserva”, quelli come me: senza nessuna ambizione di revanche, né di svolgere ancora qualche ruolo (abbiamo avuto già molto: dal Partito e dalla vita) ma solo per trasmettere qualche Valore, per aiutare a “rammendare” una Storia, che troppi hanno contribuito a sfilacciare. E per dire, con un pizzico di orgoglio, che quelli che pensarono di costruire il PD “fondendo”, molto a freddo, la cultura comunista e quella democristiana, e fecero a meno di quella Socialista – per la damnatio memoriae - hanno fallito. Se, invece di fuggire, di scindersi, di accapigliarsi, di odiarsi, pensassero di recuperare su errori personali e collettivi, se pensassero a “fare” Politica, quella alta, che è l’Unica, (la Politica o è Alta o non è!) forse si potrebbe ancora costruire un “Partito, fattore di Ordine e di Progresso”. Nencini, che ha il merito di mantenere in vita un Partito minuscolo, ma che si chiama Partito Socialista Italiano, ha la possibilità di contribuire a piantare un “seme”. Molti di noi ci starebbero: per aiutare la Politica ed il Partito. Nel segno del Socialismo. Quello senza aggettivi, quello saldamente ancorato al Partito del Socialismo Europeo.