Log in
NEWS
Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte La cultura meridionale nel mondo, si presenta a Napoli "American Friends of Capodimonte"

kimbo shop ildenaro 016

Il Pd e la ragione smarrita: la lezione che arriva da Parigi

  •  Franco Iacono
  • Pubblicato in Punti di vista

Al secondo turno delle elezioni regionali in Francia, hanno votato quasi 4 milioni di elettori in più rispetto al primo turno. E così ha perso Marine Le Pen ed il suo sogno di vittoria, coltivato dopo il clamoroso successo di quindici giorni prima. “È scattata una difesa repubblicana, che va oltre i Partiti” ha dichiarato Jean Noel Schifano. Ha ragione! Certo, i Partiti, in particolare quello Socialista con grande senso di responsabilità democratica, hanno fatto la loro parte, anche con generosità: hanno costituito una sorta di CLN, di antica memoria italiana al tempo della Resistenza, contro il pericolo fascista, ma il popolo ha risposto, andando anche… oltre. Quando si recupera identità, molti degli astenuti, che spesso non vanno a votare perché non si riconoscono in nessuno dei Partiti in lizza, tornano alle urne. In Francia, la “chiamata alle armi” nel segno della Democrazia e dell’Anti-fascismo ha trovato risposta positiva in tanti elettori, soprattutto socialisti, che non si riconoscevano più nella deriva omologante di Hollande, soprattutto sul versante delle sue scelte verso la tragedia dei migranti. Il resto, sul piano della pura tecnica elettorale, lo ha fatto la rinuncia dei canditati Socialisti in alcune regioni a favore dei centristi di Sarkozy, meglio piazzati dopo il primo turno. Peccato che nei commenti dei vincitori sia mancato un riferimento all’Europa, il cui spirito una vittoria di Le Pen avrebbe seriamente minato. In Italia, lo fanno anche i sondaggisti, non si dà molto valore alle altissime percentuali di astenuti, ormai oltre il 50 percento, perché da tutti i Partiti sono ritenuti ormai “persi”. Ed invece, la partita delle elezioni, sicuramente di quelle Politiche , si gioca proprio sul recupero di quell’elettorato. Di più: se Renzi riesce ad avere un “colpo di reni”, che lo induca a recuperare non tanto i transfughi alla Civati-Fassina, quanto quegli elettori della “Sinistra di Governo”, che non si riconoscono nella deriva da “Partito della Nazione” ed aspettano una chiara collocazione del PD nel segno del Partito del Socialismo Europeo e dell’antico, ma sempre attuale, Riformismo Italiano, allora molti ritroveranno la ragione per tornare a votare. Certo, ma qui sono me- no fiducioso che accada, se i vari Vendola, Landini, Camusso, Epifani capiscono che il problema vero non è far perdere Renzi, quanto battere l’asse Salvini-Berlusconi-Meloni, allora anche in Italia può accadere il “miracolo” francese. Naturalmente, tenendo sullo sfondo il Movimento Cinque Stelle, la cui tenuta, comunque, non è stata ancora sperimentata appieno rispetto ad una radicalizzazione dello scontro DestraSinistra. Dubito, conoscendo uomini e cose, che nella Sinistra oltre il PD, al netto delle responsabilità di Renzi, si costruisca questo clima positivo, nel segno dei Valori della Democrazia, della Solidarietà, della Giustizia Sociale e del recupero dell’Idea di Europa, secondo il disegno dei Padri Fondatori. Il tempo perché la Ragione si affermi c’è: si tratta di saperlo e volerla usare! In- tanto, sono certo che un recupero di identità riporterebbe alle urne molti elettori delusi da questo PD, arginando il pericolo destro-leghista, della cui entità daranno conto le prossime Elezioni Amministrative. A PARIGI la Conferenza sul Clima si è conclusa in modo positivo, aprendo il cuore a larghe speranze di “salvezza” del Mondo, della sua Natura e dei suoi Abi- tanti! Sempre che gli impegni assunti vengano mantenuti nel tempo. In questa vittoria, per ora, solo della Speranza c’è molto dell’impegno di Papa Francesco. La sua Enciclica “Laudato si…” ha lasciato il segno. E così sia !