Log in
NEWS
Ambiente, Premio San Michele a "L' Oro di Capri" Enel avvia la produzione in Brasile dei due parchi solari più grandi del Sud America Piano ospedaliero e territorio, lunedì a Napoli il ministro Lorenzin Infezioni cutanee, la scoperta made in Italy: così l'organismo le combatte in due mosse Capodimonte, riaprono i prati della Reggia per le Giornate Europee del patrimonio Boom ecobonus: 2,8 milioni di italiani pronti a ristrutturare casa Napoli, via al Bilancio consolidato 2016: stop al divieto di assunzioni Baroque Park, a Villa Bruno viaggio nel mondo dei libri Treno storico Napoli-Pietrelcina, De Luca e Moretti al viaggio inaugurale: Mantenuti gli impegni Incendi, nasce la filiera della prevenzione Aib Confapi Napoli, Falco: serve un'Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno Napoli, successo per gli Itinerari Unesco al Wtu di Siena Capri, referendum per il futuro di via Krupp: via alla raccolta firme Cooperazione interregionale, nuovo bando Ue da 60 milioni Forza Italia, entra l'ex Idv Di Nardo: Nessun tradimento, torno a casa Festival di Bari sulle buone pratiche delle città europee. C'è anche Napoli Ryanair cerca il riscatto. In inverno nuovi collegamenti Napoli-Malta Conti pubblici: così i derivati possono affossare il bilancio dello Stato Musica, parata di stelle a Roma per "Napoli nel Cuore" Francesco Todisco (Mdp): Eolico, bene i sequestri della Gdf Fisco, indagine Cgia: Campania tra le regioni meno tartassate Cura dei pazienti fragili, a Roma un convegno organizzato da Lucio Romano Moda, nascono 6 imprese al giorno: record di giovani a Napoli Confindustria, Robiglio si candida alla presidenza di Piccola Industria Test di Medicina, boom di irregolarità: 5 atenei nel mirino. C'è anche Napoli Targa in memoria di Giancarlo Siani: un Qr Code per far conoscere la sua storia ai più giovani Mostre, quasi 1.500 persone al Madre per la videoinstallazione di Cerami "Mai Soli", a Salerno il primo gruppo-appartamento per anziani Capri, nasce il Comitato "Via Krupp aperta e pubblica" Trasporti, De Luca annuncia arrivo del bigliettaio a bordo dei bus Trofeo Pulcinella, cento pizzaioli in gara a Napoli Evasione fiscale da 1,5 mln: sequestrata coop che lavora per le Fs Palasport delle Fiamme Oro di Roma intitolato al napoletano Aurelio Santoro Rossi, Viesti, Laterza e le vexata questio M Provinciali a Caserta, in corsa sei liste e due candidati alla presidenza

kimbo shop ildenaro 016

Diabete, De Luca: Un centro ogni 100mila abitanti, saranno 59 più 3

Fonte foto: Omninapoli Fonte foto: Omninapoli
"Abbiamo iniziato a lavorare per far fronte ad un quadro oggettivo preoccupante con 300.000 malati di diabete in Campania la percentuale è superiore alla media nazionale". Lo dice il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante il forum Insieme per il diabete. "Abbiamo tassi di mortalità che sono preoccupanti con quella maschile che ci porta ad essere penultimi in Italia e quella femminile ultimi in Italia - spiega De Luca Abbiamo centinaia di mutilazioni per piede diabetico". 
Il governatore spiega le mosse della Regione. "Abbiamo definito il fabbisogno poiché per 15 anni siamo stati a ragionare sulla base di un fabbisogno storico non definito su base scientifica" dice. "Noi abbiamo riunito una commissione regionale che ha lavorato alcuni mesi per definirlo - continua - Sulla base del lavoro di questa commissione abbiamo deciso di creare un centro diabetico ogni 100.000 abitanti quindi in Campania ne avremo 59 più tre in deroga sia pubblici che privati. Abbiamo verificato con le Asl quanti centri siamo in grado di attivare con le risorse pubbliche, con il personale previsto per le varie Asl e per il resto copriamo con l'offerta privata. Noi non abbiamo problemi ideologici è ovvio che abbiamo in primo luogo la necessità di valorizzare l'offerta pubblica ma non se c'è una struttura privata accreditata di grande qualità ed efficienza possiamo andare avanti tranquillamente" 
Per il governatore il primo obiettivo è quello di realizzare queste strutture. "Nell'ambito della struttura commissariale ci sarà qualcuno che seguirà specificatamente i centri antidiabete - aggiunge De Luca - dobbiamo definire entro l'anno la rete di medicina territoriale poiché è evidente che se non ce l'abbiamo diffusa sul territorio il lavoro di prevenzione è più difficile e arriviamo più rapidamente alle mutilazioni che invece in larga misura potremmo evitare con un percorso diagnostico adeguato. Abbiamo definito due centri regionali di Diabetologia pediatrica, uno alla Federico II e l'altro a Vanvitelli e li abbiamo dotati di tecnologie e di risorse per collegarsi con tutti gli altri centri e favorire i passaggi dai centri pediatrici a quelli di cura per gli adulti. Abbiamo costituito la Commissione regionale per ridefinire i percorsi diagnostico-terapeutici e seguire con continuità l'evoluzione delle patologie nei vari territori campani abbiamo iniziato con l'utilizzo di tecnologie all'avanguardia sia per migliorare la vita dei pazienti mettendo in distribuzione gratuita dei microchip con i quali i pazienti vengono esonerati dall'obbligo di andare quotidianamente a verificare la propria condizione. Hanno 15 giorni di tempo di autonomia e un controllo quotidiano sulle proprie condizioni. Proseguiremo con le tecnologie d'avanguardia per i pazienti di diabete Abbiamo avviato in questo campo un lavoro molto interessante che dovrà trovare entro quest'anno prime forme di conclusione organizzativa". 
Il presidente non risparmia stoccate alla stampa. "Ricordo che siamo in Piano di rientro quindi dobbiamo fare sempre i conti con le compatibilità finanziaria del nostro sistema, ma credo saremo in grado di fare un lavoro eccellente se manteniamo la concentrazione rispetto agli obiettivi" precisa. "Vi chiedo di darci una mano - continua - Il lavoro in cui siamo impegnati è gigantesco e potrà avanzare se ci sarà il coinvolgimento prima emotivo e morale di centinaia di persone e poi medico-scientifiche e organizzativo. Credo che questa consapevolezza sia scattata, c'è la passione di professionisti, medici, infermieri e amministrativi che capiscono che è cominciata in Campania una vera e propria rivoluzione". 
Da qui la stoccata ai giornalisti. "Una sola raccomandazione - ha chiosato - non leggete i giornali anziché comprare i giornali comprate una pastiera o un babbà così evitate di intossicarvi il fegato e di leggere bestialità, parliamo di gente che spara titoli ad capocchiam conoscete gli ultimi episodi ma procederemo come dovuto soprattutto rispetto al presunto cadavere abbandonato al Cardarelli - conclude - E' una vergogna".