Log in
NEWS
Edilizia sostenibile nell'era digitale, Stress presenta libro bianco Anche il Sannio ed il Fortore guardano a Matera 2019 E' di Torre del Greco il Primo Console Italiano in Giappone nel 1939 Terrorismo, Roberti: Una sciocchezza dire che la mafia ci protegge Ballottaggi, in Campania affluenza alle urne a mezzogiorno al 13,12% Ischia Global, il 9 luglio il via: apre "L'inganno di Sofia Coppola" Agro Solidale, il bando di concorso finisce sotto accusa Angelo Vitaliano scelto dalla Rai per le celebrazioni di Pirandello Suolo, in 6 mesi Campania perde oltre 10% della risorsa Napoli, intitolata a Ciro Esposito villa comunale di Scampia Turismo, Governo lancia coordinamento delle città d'arte Premio Agnes, ecco i vincitori Cinema, taglio del nastro per Ischia Film Festival Mostre, a Palazzo Zavallos in scena Le Vele di Scampia Energie per l'Italia, il 3 luglio lancio ufficiale a Napoli Anm, Maglione si scusa per i disagi Nicola Caputo (Pd): Archiviate tutte le indagini a mio carico Alilauro, torna Batò Naples Ciro a Mergellina, querelle col Comune: dipendenti in protesta Assoagenti, visita all'Interporto Sud Europa: Risposte immediate al mercato merci Centro Democratico, c'è Bersani: Basta personalismi, non lasciamo campo alla destra Anm, possibili disagi per stasera Gepin, lunedì al Mise ultima chiamata per i lavoratori Pd, Bassolino: Partito è solo la parte più grande del centrosinistra Confapi, Marrone: 100 mln dalla Regione per le bonifiche, bene così Trasporto locale, lunedì sit in dell'Usb in Prefettura Turismo, da oggi tassa di soggiorno anche su affitti Estate 2017: 7 mln di visitatori negli agriturismo Siccità, ministro Galletti: Investiremo sui bacini idrografici Pil pro capite, Campania perde oltre il 5% dal 2007 Musei, nel 2018 a Napoli apre quello dedicato a Darwin e Dohrn Scoperto dal Tigem meccanismo che regola la crescita dei tumori Crescita, buone notizie dal territorio Ambasciata del Kosovo a caccia di investitori campani nel settore eolico La diplomazia Usa riporta a Napoli la statua di Zeus

kimbo shop ildenaro 016

Tumore al polmone, dalla Camoania arriva farmaco per la cura

In Campania un farmaco all’avanguardia per la cura del tumore del polmone. «E’ davvero un gran passo in avanti nella cura di alcuni tipi di neoplasie polmonari», spiega Danilo Rocco, dell’unità operativa complessa di pneumologia oncologica all’Ospedali del Colli e responsabile nazionale dell’Associazione italia pneumologi ospedalieri (AIPO). «L’utilizzo di questo farmaco – dice – consente a una fetta di ammalati con cancro non a cellule squamose di allungare la fase in cui la patologia non avanza, circa dieci mesi e mezzo, rispetto ai sette mesi con la chemioterapia. Ma è evidente anche il passo in avanti nella qualità di vita dei pazienti, più tollerabilità, decisamente meno effetti collaterali». L’ultimo step della cura si chiama crizotinib, anche in Campania adottato in prima linea, primo inibitore orale mirato al recettore della tirosin chinasi che ha come bersaglio la proteina derivata dal riarrangiamento del gene ALK (Anaplastic Lymphome Kinase, per pazienti adulti con carcinoma polmonare non a piccole cellule ALK positivo in stadio avanzato), già disponibile in Italia per il trattamento di seconda linea. E da febbraio anche in prima linea, con l’AIFA che ha ne ha autorizzato a febbraio la rimborsabilità. In Campania, dove su alcuni territori tristemente noti si registra un’incidenza di tumori più alta che altrove, aumenta l’importanza di un identikit genetico per innalzare la qualità della cosiddetta “medicina di precisione”, con terapie più efficaci e tollerate. In questo contesto si inserisce questa una nuova opzione di trattamento di prima linea per i pazienti Alk positivi (che rappresentano il 3-5% dei pazienti con cancro del polmone). Ecco perché in Italia e in particolar modo in Campania c’è un focus itinerante sul tumore al polmone, il “big killer” (quasi 1,4 milioni di casi diagnosticati l’anno al mondo, 41 mila nel 2015 nel nostro Paese). L’uso del crizotinib, il ruolo della medicina personalizzata, terapie target e test genetici per il miglioramento dei protocolli di cura sono stati al centro di un recente incontro “cROSs tALK – Percorsi e prospettive nella gestione del NSCLC ALK+ e ROS1” a a Roma, presenti i principali esperti nazionali di oncologia polmonare per discutere delle più recenti innovazioni in questo campo. Tra cui, l’importanza dei test molecolari per la migliore gestione dei tumori del polmone, esami non garantiti in modo uniforme a tutti i pazienti sul territorio nazionale e per cause molteplici, dai problemi organizzativi alle difficoltà tecniche di esecuzione dei test, fino alla mancanza di percorsi diagnostico-terapeutico-assistenziali (PDTA) strutturati.