n63

Log in
NEWS
Napoli, genitori dei trapiantati cuore su tetto Monaldi Il premier Gentiloni con i lavoratori del Pastificio Rummo: Un esempio per il Sud e per tutto il Paese Napoli, è allarme per la movida violenta Maurizio Sarri vince il premio "Enzo Bearzot" Accattonaggio: un esercito di minori all’angolo delle strade Istituto studi filosofici, l'appello del figlio del fondatore Marotta ai giovani: Salvatelo (VIDEO) Lavoro, Centri per l' Impiego aperti sabato 29 aprile Gentiloni nel Sannio: Il lavoro una priorità ossessiva, preoccupazione per Alitalia “Storie di Napoli. Nei vicoli del tempo”, il nuovo libro. 30 ragazzi innamorati di Napoli raccontano la città con storie Pd, il governatore De Luca: Voto Renzi ma il programma cambi Tv, i 50 anni di Telenapoli, la prima emittente via cavo in Italia Gentiloni nel Sannio: Anche al Sud si può fare impresa di qualità Consulenti del Lavoro, domani al via a Napoli il 9° congresso nazionale Gentiloni nel Sannio, Scudieri (Adler): Proseguiamo sulla strada dell’innovazione Gentiloni nel Sannio, il sindaco di Airola: Data storica Unicredit, accordo con Cdp per le popolazioni colpite da eventi calamitosi Pagamenti, imprese campane in difficoltà: una su quattro paga alla scadenza Ict Skills Lab, parte la sfida del lavoro 4.0 3 cose da sapere per farti amico il Fisco! Fs, con Busitalia Fast nuovo servizio su gomma in 15 regioni "Totò che tragedia!" al Trianon tra amori e rivista Pmi, fallimenti ancora in calo: Campania terza per attività chiuse nel 2017 Lavoro, disoccupati protestano nella cattedrale di Napoli: chiedono la mediazione di Sepe Curia, Sepe: Chiesi al Papa di non nominarmi vescovo nel giorno del pesce d'aprile Gentiloni nel Sannio, terminata la tappa alla Adler: visita al Pastificio Rummo H&M, per Business of Fashion è tra i migliori datori di lavoro nella moda Case Museo vs Grandi Strutture la partita dell'emozione Industria, da Napoli parte la sfida della Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico Ipertensione e malattie cardiovascolari: esperti internazionali in congresso a Napoli Gruppo VeGè fa il bis: piattaforma e-commerce anche per Isa Riccardo Dalisi a Pompei, in Floridiana le suggestioni del mondo antico Lavoro, alleanze delle abilità: i progetti entro il 2 maggio Blind Vision, il mondo "percepito" di Annalaura di Luggo Arte e cultura, con Lottomatica stage per 50 giovani talenti Nusco apre le porte alla sicurezza

kimbo shop ildenaro 016

Cure palliative, in Campania boom di contatti per Pronto Pain

Cinquemila e 32 contatti e 9.645 pagine visitate dell'Osservatorio regionale cure palliative e medicina del dolore in Campania da parte dei cittadini campani. "Le richieste giunte al sito web www.hospicecampania.it - sottolinea il direttore Sergio Canzanella - segnalano la difficile situazione del malato oncologico, che nel 10% dei casi vive solo. Poco più del 25% vive con un unico familiare, di solito il coniuge anziano, affrontando grossi cambiamenti nella propria vita per poter seguire il congiunto. Nella maggior parte dei casi, il cambiamento ha significato interrompere o modificare il proprio lavoro. Solo 30 persone su 100, sono a conoscenza dell'esistenza della terapia del dolore. Al contrario, 70 su 100 ne ignorano l'esistenza. E' questo, in sintesi, il quadro che emerge".
In generale, le persone ritengono che questo genere di cure siano rivolte a tutti i pazienti (40%), senza distinzioni rispetto alla patologia. Al contrario, tra le persone più informate prevale l'idea che essa sia rivolta prevalentemente ai malati cronici ed a quelli terminali (45%); il 48% ha risposto che le terapie sono rivolte solo ai malati terminali. Quanto alla conoscenza di centri e medici specializzati, l'80% ha rivelato di non avere notizia dell'esistenza di specialisti e di non conoscere ambulatori ad hoc per la terapia del dolore. "In caso di malattia grave, se si potesse scegliere di eliminare una delle sue conseguenze - afferma Canzanella - la maggioranza (60%) preferirebbe sottrarsi alla perdita dell'autosufficienza, giudicata la peggiore sofferenza. A questa seguono, nell'ordine, quella del dolore fisico (35%), quella dell'abbandono/solitudine (15%), la depressione (42%) e l'ansia (5%). Le cure palliative non devono essere quindi rivolte ai solo malati di cancro e non devono essere riservate solo agli ultimi giorni di vita. Pronto Pain - conclude Canzanella - ha dimostrato di essere un valido strumento di informazione ai sensi della legge n. 38/10 sulle cure palliative e la medicina del dolore".