Log in
NEWS
Regione, Lepore a Caserta: A breve il via libera al Piano energetico regionale Area Med, dalle crisi nascono nuove opportunità: a Napoli Atenei alleati per sviluppo Gesac, incontro con De Luca: verso la rete integrata degli aeroporti Campagna Nastro Rosa, a Napoli controlli senologici gratuiti Presidio medico di primo soccorso nella Stazione di Napoli Centrale Smartup Optima, via al bando della terza edizione: in palio 5mila euro Anche la Russia ha la sua criptomoneta Banca di Credito Popolare, via libera al piano indistriale 2019-2020 Gruppo Grimaldi, finanziato il restauro di due chiese napoletane Infertilità di coppia: il kit della napoletana KronosDNA riduce tempi e costi della diagnosi Coca-Cola Hbc, giornata di formazione dedicata ai giovani campani Da Salerno a Washington, Giffoni Experience diventa un caso di studio Osservatorio Gei: ripresa in corso, nel 2018 Pil del Mezzogiorno cresce dell'1,1% Bando Donne, 2 milioni al Sud per progetti contro la violenza di genere Graded e Protom entrano nel Programma Elite Costalli (Mcl) al Premio Sepe: Per una vera ripartenza servono politiche chiare e proposte forti Ministero obbliga i genitori ad accompagnare e prelevare i figli a scuola fino ai 14 anni Premio Salernitani Doc, ecco i 35 riconoscimenti assegnati Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve"

kimbo shop ildenaro 016

Equo compenso degli avvocati, termina la riunione del Cdm: ecco la bozza

Intervenire per tutelare "l' equità del compenso degli avvocati iscritti all'albo" quando concludono convenzioni che hanno ad oggetto lo svolgimento, anche in forma associata, delle attività cui gli stessi sono istituzionalmente deputati. Questo l'obiettivo, in sintesi, di un ddl sul tavolo del Consiglio dei ministri di questo pomeriggio, terminato poco fa a Palazzo Chigi. La riunione è durata poco più di mezz'ora. Una bozza presa in visione da Public Policy prevede una stretta sulle clausole vessatorie contenute nelle convenzioni attraverso la nullità delle stesse, qualora presenti. 
 
 
Ecco, in sintesi, cosa prevede il provvedimento. 
 
COMPENSO IN PROPORZIONE A QUALITÀ/QUANTITÀ LAVORO 
L' equo compenso degli avvocati è determinato nelle convenzioni "quando risulta proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, nonché al contenuto e alle caratteristiche della prestazione legale". In sostanza, come si legge nella relazione illustrativa della bozza presa in visione, l'equo compenso viene individuato nella corresponsione di un corrispettivo proporzionato alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, al contenuto, alle caratteristiche della prestazione legale, tenendo conto dei parametri dei compensi previsti dal decreto del ministro della Giustizia 'Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense'. 
Il provvedimento interviene, infatti, "a tutela l equità del compenso degli avvocati iscritti all'albo" quando concludono convenzioni che hanno ad oggetto lo svolgimento, anche in forma associata, delle attività cui gli stessi sono istituzionalmente deputati - attività relative all assistenza, rappresentanza e difesa in ambito giurisdizionale nonché di assistenza legale in ambito stragiudiziale e di consulenza legale. 
 
STOP CLAUSOLE VESSATORIE
Nelle convenzioni per lo svolgimento di attività di avvocato si considerano "vessatorie" quelle clausole che "determinano, anche in ragione della non equità del compenso pattuito, un significativo squilibrio contrattuale a carico dell avvocato". In particolare, si considerano vessatorie, salvo che siano state oggetto di specifica trattativa, le clausole che consistono: nell attribuzione al cliente della facoltà di rifiutare la stipulazione in forma scritta degli elementi essenziali del contratto; nell anticipazione delle spese della controversia a carico dell avvocato; nella previsione di clausole che impongono all avvocato la rinuncia al rimborso delle spese; nella previsione di termini di pagamento superiori ai sessanta giorni dalla data di ricevimento da parte del cliente della fattura o di una richiesta di pagamento di contenuto equivalente.
E ancora: nella previsione che, in ipotesi di liquidazione delle spese di lite in favore del cliente, al legale sia riconosciuto solo il minore importo previsto in convenzione, anche nel caso in cui le spese liquidate siano state in tutto o in parte corrisposte o recuperate dalla parte; nella previsione che, in ipotesi di nuova convenzione sostitutiva di altra precedentemente stipulata con lo stesso cliente, la nuova disciplina sui compensi si applichi, se inferiore a quella prevista nella precedente convenzione, anche agli incarichi pendenti o, comunque, non ancora definiti o fatturati. Si considerano vessatorie, anche se oggetto di trattativa: la riserva al cliente della facoltà di modificare unilateralmente le condizioni del contratto; l attribuzione al cliente della facoltà di pretendere prestazioni aggiuntive che l avvocato deve prestare a titolo gratuito. In caso di presenza di tutte queste clausole, si legge nella relazione illustrativa della bozza presa in visione, si prevede una presunzione di vessatorietà, sino a prova contraria.
 
NULLITÀ SE CLAUSOLE VESSATORIE IN ACCORDO 
La bozza di ddl prevede la sanzione della nullità nei casi di stipula di clausola o patto vessatorio che prevedano un compenso non equo degli avvocati. Se nella convenzione è presente una delle clausole vessatorie elencate dal provvedimento scatta la nullità. "Si tratta - si legge nella relazione illustrativa - di nullità parziale che non coinvolge la validità della convenzione. La nullità svolge funzione di protezione ed è previsto che operi soltanto a vantaggio dell avvocato, che è legittimato a rilevarla". Il ddl stabilisce ancora che qualora il giudice, una volta accertata la non equità del compenso e rilevata la vessatorietà di una clausola della convenzione, ne dichiari la nullità e intervenga sulla determinazione del compenso da corrispondere all avvocato, ossia, di quei parametri individuati per la quantificazione del corrispettivo dovuto da applicare nelle ipotesi di mancata determinazione del compenso in forma scritta o in ogni caso di mancata determinazione consensuale.