n63

Log in
NEWS
Getra, Zigon e Cesaro presentano "Terra dei Valori": Patrimonio culturale e umano fondamentale per l'impresa Confindustria, Boccia: Al via una fase di confronto serrato con la politica Corecom, Zaccaria, Avviato percorso per le deleghe di seconda fase Giovanni Sannino eletto presidente della sezione Industria alimentare di Unione Industriali Napoli Vincenzo Napolitano confermato alla guida della sezione Utilities di Unione Industriali Napoli Vittime innocenti della camorra, il cardinale Sepe ricorda Annalisa Durante Governo, a Palazzo Chigi vertice tra Gentiloni e i governatori Pd, dati Youtrend: Renzi sbanca in Campania (83,7%) Rifiuti, cresce la raccolta di organico. Nord più virtuoso del Sud, ma la Campania è quarta tra le Regioni Sud 4.0: la nuova rivoluzione industriale parte dal Mezzogiorno El Cafè Bar, a Pomigliano d'Arco il primo caffè alla cannabis Corecom Campania, record di conciliazioni e iniziative per minori Università, a Tirana la quinta edizione di "Studiare in Italia" Vincenzo Schiavo nuovo presidente di Confesercenti Campania e Molise Addio voucher, l'allarme delle imprese: A rischio l'occupazione per 300mila persone Def, Boccia al Governo: La politica economica guardi alle imprese Pasta Chirico, il 31 la premiazione dei vincitori di Racconti di Grano Teatro Stabile, chiusura del Mercadante: il 3 aprile il cda per nuova struttura Cosap, 100 milioni per trasformare l'ex Peroni in un complesso polivalente Giorgio Starace nuovo ambasciatore a Tokyo Ue, Tremonti: Così il Sud è affidato a Bruxelles Napoli, il sindaco: Non pagheremo i debiti ingiusti del passato Medici Napoli, l'Ordine celebra gli iscritti da 50 anni Nuovo Piano paesaggistico, Campania divisa in 15 macroaree Felicita Delcogliano nuovo assessore a Istruzione e Mobilità a Benevento De Luca allo stadio per Salernitana-Ascoli Confindustria incontra il territorio, venerdì appuntamento a San Marco dei Cavoti Scuola, si avvicina la pausa di Pasqua: stop alle lezioni dal 13 al 18 aprile Voucher, Confesercenti: Occupazione a rischio in 1 impresa su 2 Busitalia, in arrivo 10 nuovi mezzi a Salerno Letteratura, presentato premio nazionale Amerigo delle Quattro Libertà Verdi, continua l'Open space a Roma: c'è anche De Magistris Banco di Napoli Intesa Sanpaolo, Monte di Pietà in vendita: dove nacque la lotta alla usura Disarmiamo l'ignoranza, mostra d'arte a San Giorgio Confindustria, l’impasto che serve all’Europa

kimbo shop ildenaro 016

Magistrati, protesta dei giudici pace: rinviati 50mila processi solo in Campania


"I giudici di pace sono da 5 mesi consecutivi in astensione. Da oggi e fino al 24 marzo si asterranno dalle udienze: 50.000 i processi rinviati solo in Campania, circa 200.000 in Italia". Lo dice Vincenzo Crasto, responsabile organizzativo dell'associazione nazionale dei giudici di pace di cui è presidente emerito, in una nota diffusa a Napoli. "I giudici di pace protestano poiché dopo 20 anni di esercizio delle funzioni viene ancora negato il riconoscimento delle più elementari tutele previdenziali ed assistenziali e la stabilità delle funzioni. I giudici di pace sono magistrati efficienti, che definiscono un processo in meno di un anno, magistrati - potremmo dire- a 'legge Pinto zero'. Su di essi grava circa il 40% dei procedimenti civili, il 25% dei processi penali e la materia dell'immigrazione". Secondo Crasto, "la riforma del Governo nel breve periodo accentuerebbe la precarizzazione, nel medio periodo metterebbe per strada 5.000 famiglie in Italia - 1.000 nella sola regione Campania - ma soprattutto il danno maggiore sarebbe per i cittadini: la riforma produrrebbe certamente ed in tempi brevi il collasso del sistema giustizia. Il ministero della Giustizia si propone di eliminare un magistrato efficiente per dequalificarlo. Si avrebbe la sostituzione dell'attuale figura del Giudice di pace e del Got con un 'giudice per caso', un soggetto chiamato ad operare con modalità puramente hobbistiche, privo di autonomia e indipendenza". Inoltre, per Crasto "la "polverizzazione" delle funzioni con la previsione generale dell'utilizzo del magistrato di pace ed onorario, al massimo per una sola volta alla settimana porrebbe irrisolvibili problemi organizzativi agli Uffici Giudiziari. Negli uffici maggiori quali ad es. quello di Napoli e di Roma dovrebbero essere previsti oltre 1000 giudici di pace. Ovviamente ciò è in concreto assolutamente irrealizzabile, in considerazione della logistica e del personale di cancelleria a disposizione. I tempi di definizione dei giudizi sarebbero quadruplicati". "E' patente lo spreco di danaro - sottolinea ancora Crasto - in quanto le decine di milioni di euro spesi per la formazione a cui sono tenuti i giudici di pace ed onorari sarebbero destinati a soggetti che lo Stato è destinato a perdere di lì a poco, in forza del turn over continuo previsto dal governo. Tale progetto, se fosse attuato, determinerebbe, a cagione della scarsissima qualità delle pronunce, un numero enorme di appelli dinanzi ai tribunali e il conseguente blocco della giurisdizione. Chiediamo al ministro Orlando di assicurare la stabilità delle funzioni e tutele previdenziali ed assistenziali, che l'Europa, con la pronuncia del Comitato europeo dei diritti sociali del 16 novembre scorso, ha imposto al nostro Paese".