Log in
NEWS
Campania, il Governo impugna la legge sulla sociologia del territorio Atitech, Palmeri: la Regione manterrà gli impegni assunti Cluster tecnologici, nuovo bando Miur: 393 milioni di euro alle Regioni del Sud Confindustria, Srm, Svimez: una rivoluzione è in atto Un'estate letteraria al Blu di Acciaroli Start up innovative, Campania prima regione del Sud con 547 attività Metro, inaugurata l'uscita San Giacomo. Delrio: Napoli città europea Sud, Alemanno (Mns): C'è il disegno di legge per la Macro Regione Confapi Napoli, Marrone contro l'abusivismo balneare: Grave danno alle imprese World top model, a Villa Parthenope 20 ragazze in passerella per il concorso internazionale Vita e Morte di un archeologo Al MANN “Oltre la Mostra” racconta Joachim Winckelmann I migranti del pensiero Garanzia Giovani, il Governo rifinanzia il programma con 1,3 miliardi Governo, 4,5 mln alla Campania per sicurezza edifici scolastici Rifiuti fino alla falda, sigilli a discarica di Casalnuovo In Dl Sud fondi per tribunale di Santa Maria Capua Vetere Pepe in Grani, a Caserta la migliore pizza d'Italia Fondazione Banco di Napoli, critiche interne all'operazione Brs Vodafone a quota 1,3 mld di ricavi. E porta il 4G a Napoli "Ritorno al Cilento", oltre 50mila visitatori per la mostra di Paestum Napoli, locali di via Falcone respingono le accuse Natalia Sanna eletta presidente della commissione regionale pari opportunità Banco di Napoli Fondazione risponde a istanze del ministero Dl Sud, 90 mln per ristrutturate le sedi giudiziarie di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia Regione, Consiglio convocato per il 24 e 25 luglio Nicaragua, nuove opportunità di investimento per le imprese campane Monumenti nell'"Iride": scatti in mostra al Consiglio regionale Da affittacamere a produttori di formaggi: la mappa delle imprese nei piccoli Comuni Bankitalia, sale il numero di ricorsi all'arbitro: record in Puglia e Campania Mdp, Todisco primo consigliere regionale: ma resterà in carica solo due mesi Giffoni Innovation Hub sigla intesa con iOS Academy di Napoli Vito Busillo confermato alla vicepresidenza di Anbi Nuovo procuratore di Napoli, la decisione ad agosto Anm, linea bus 621 al posto della funicolare di Mergellina Hub della Nato a Napoli, oggi la presentazione agli ambasciatori

kimbo shop ildenaro 016

Magistrati, protesta dei giudici pace: rinviati 50mila processi solo in Campania


"I giudici di pace sono da 5 mesi consecutivi in astensione. Da oggi e fino al 24 marzo si asterranno dalle udienze: 50.000 i processi rinviati solo in Campania, circa 200.000 in Italia". Lo dice Vincenzo Crasto, responsabile organizzativo dell'associazione nazionale dei giudici di pace di cui è presidente emerito, in una nota diffusa a Napoli. "I giudici di pace protestano poiché dopo 20 anni di esercizio delle funzioni viene ancora negato il riconoscimento delle più elementari tutele previdenziali ed assistenziali e la stabilità delle funzioni. I giudici di pace sono magistrati efficienti, che definiscono un processo in meno di un anno, magistrati - potremmo dire- a 'legge Pinto zero'. Su di essi grava circa il 40% dei procedimenti civili, il 25% dei processi penali e la materia dell'immigrazione". Secondo Crasto, "la riforma del Governo nel breve periodo accentuerebbe la precarizzazione, nel medio periodo metterebbe per strada 5.000 famiglie in Italia - 1.000 nella sola regione Campania - ma soprattutto il danno maggiore sarebbe per i cittadini: la riforma produrrebbe certamente ed in tempi brevi il collasso del sistema giustizia. Il ministero della Giustizia si propone di eliminare un magistrato efficiente per dequalificarlo. Si avrebbe la sostituzione dell'attuale figura del Giudice di pace e del Got con un 'giudice per caso', un soggetto chiamato ad operare con modalità puramente hobbistiche, privo di autonomia e indipendenza". Inoltre, per Crasto "la "polverizzazione" delle funzioni con la previsione generale dell'utilizzo del magistrato di pace ed onorario, al massimo per una sola volta alla settimana porrebbe irrisolvibili problemi organizzativi agli Uffici Giudiziari. Negli uffici maggiori quali ad es. quello di Napoli e di Roma dovrebbero essere previsti oltre 1000 giudici di pace. Ovviamente ciò è in concreto assolutamente irrealizzabile, in considerazione della logistica e del personale di cancelleria a disposizione. I tempi di definizione dei giudizi sarebbero quadruplicati". "E' patente lo spreco di danaro - sottolinea ancora Crasto - in quanto le decine di milioni di euro spesi per la formazione a cui sono tenuti i giudici di pace ed onorari sarebbero destinati a soggetti che lo Stato è destinato a perdere di lì a poco, in forza del turn over continuo previsto dal governo. Tale progetto, se fosse attuato, determinerebbe, a cagione della scarsissima qualità delle pronunce, un numero enorme di appelli dinanzi ai tribunali e il conseguente blocco della giurisdizione. Chiediamo al ministro Orlando di assicurare la stabilità delle funzioni e tutele previdenziali ed assistenziali, che l'Europa, con la pronuncia del Comitato europeo dei diritti sociali del 16 novembre scorso, ha imposto al nostro Paese".