Log in
NEWS
Scossa di terremoto e crolli: tragedia ad Ischia Archeologia, a Ercolano i raggi X svelano il ritratto di una antica donna romana Fumetti, a Salerno rivive il mito di Trumoon Ap Campania, Barone: Le alleanze le decide Alfano Caso Loreto Mare, domani arrivano i Nas Onlus e Coop sociali, bando da 223 mln: domande a partire dal 7 novembre Incentivi per under 32: ecco le misure allo studio del Governo Isole minori, 15 milioni di euro per l'efficienza energetica Corti di lunga vita, via al contest: 2mila euro in palio per il primo classificato Fca, non solo Jeep: Great Wall punta all'intero gruppo Castel Volturno, si insedia il commissario straordinario Mar Mediterraneo, lo screening di Goletta Verde: in Lazio, Calabria e Campania i punti più inquinati Sal De Riso, piccoli, tondi e deliziosii: ecco i nuovi Cabochon D’Amalfi Acerra, il Comune con la Coldiretti: No al Ceta Scavi di Pompei, tour operator favorevoli all'aumento delle tariffe Cinema, primo ciak per il nuovo film con Rubini: set ad Apice Caso Loreto mare, si indaga per omicidio colposo Edilizia scolastica, via al bando Pon: 350 mln alle Regioni del Sud Ricerca, nuovo bando aerospazio: i progetti entro il 30 settembre Sponz Fest, la Scuola di tarantella montemaranese alla notte del tamburo Zootecnia, banca dati per la biodiversità: 93 milioni per allevatori e centri di ricerca Access City Award 2018: demande entro l'11 settembre Nocera, voto di scambio politico-mafioso: blitz dei carabinieri Scavi di Pompei, ricara il biglietto: da 11 euro passa a 15 Industria Italiana Autobus, giornata storica a Flumeri: l'8 settembre presentazione dei primi mezzi prodotti Caso Loreto mare, Codacons: Gli ispettori non bastano, denuncia a Lorenzin e De Luca Napoli, dopo la delibera primi tavolini a piazza Municipio Nerina Dirindin (Mdp): Caso Loreto mare, occorre riorganizzare il sistema Napoli, de Magistris: La sicurezza? Non si ottiene innalzando i muri Mafia, Dia: Sequestrati in un anno beni per 210 milioni Fca, cinesi di Great Wall interessati a Jeep Tommariello d’oro 2017, ecco i premiati: appuntamento il 26 a Montefusco Sarà il turismo lento e sostenibile il futuro dell’Italia? Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano

kimbo shop ildenaro 016

Magistrati, protesta dei giudici pace: rinviati 50mila processi solo in Campania


"I giudici di pace sono da 5 mesi consecutivi in astensione. Da oggi e fino al 24 marzo si asterranno dalle udienze: 50.000 i processi rinviati solo in Campania, circa 200.000 in Italia". Lo dice Vincenzo Crasto, responsabile organizzativo dell'associazione nazionale dei giudici di pace di cui è presidente emerito, in una nota diffusa a Napoli. "I giudici di pace protestano poiché dopo 20 anni di esercizio delle funzioni viene ancora negato il riconoscimento delle più elementari tutele previdenziali ed assistenziali e la stabilità delle funzioni. I giudici di pace sono magistrati efficienti, che definiscono un processo in meno di un anno, magistrati - potremmo dire- a 'legge Pinto zero'. Su di essi grava circa il 40% dei procedimenti civili, il 25% dei processi penali e la materia dell'immigrazione". Secondo Crasto, "la riforma del Governo nel breve periodo accentuerebbe la precarizzazione, nel medio periodo metterebbe per strada 5.000 famiglie in Italia - 1.000 nella sola regione Campania - ma soprattutto il danno maggiore sarebbe per i cittadini: la riforma produrrebbe certamente ed in tempi brevi il collasso del sistema giustizia. Il ministero della Giustizia si propone di eliminare un magistrato efficiente per dequalificarlo. Si avrebbe la sostituzione dell'attuale figura del Giudice di pace e del Got con un 'giudice per caso', un soggetto chiamato ad operare con modalità puramente hobbistiche, privo di autonomia e indipendenza". Inoltre, per Crasto "la "polverizzazione" delle funzioni con la previsione generale dell'utilizzo del magistrato di pace ed onorario, al massimo per una sola volta alla settimana porrebbe irrisolvibili problemi organizzativi agli Uffici Giudiziari. Negli uffici maggiori quali ad es. quello di Napoli e di Roma dovrebbero essere previsti oltre 1000 giudici di pace. Ovviamente ciò è in concreto assolutamente irrealizzabile, in considerazione della logistica e del personale di cancelleria a disposizione. I tempi di definizione dei giudizi sarebbero quadruplicati". "E' patente lo spreco di danaro - sottolinea ancora Crasto - in quanto le decine di milioni di euro spesi per la formazione a cui sono tenuti i giudici di pace ed onorari sarebbero destinati a soggetti che lo Stato è destinato a perdere di lì a poco, in forza del turn over continuo previsto dal governo. Tale progetto, se fosse attuato, determinerebbe, a cagione della scarsissima qualità delle pronunce, un numero enorme di appelli dinanzi ai tribunali e il conseguente blocco della giurisdizione. Chiediamo al ministro Orlando di assicurare la stabilità delle funzioni e tutele previdenziali ed assistenziali, che l'Europa, con la pronuncia del Comitato europeo dei diritti sociali del 16 novembre scorso, ha imposto al nostro Paese".