Log in
NEWS
Artriti croniche, ecco la nuova App per giovani pazienti Via al Reddito di inclusione: ecco come richiedere il sussidio Enpam, 30milioni di incentivi ai giovani medici per l'acquisto di un ambulatorio Regione, sostegno a investimenti nelle aziende agricole, Coldiretti chiede la proroga Cisl, Furlan: Oggi per la Campania scriviamo un nuovo libro Natale, Sos Confcommercio: rischio Napoli a luci spente Capodichino, cancellati 9 voli per la nebbia Regione, Cesaro (Fi): su Sma Bonavitacola assente, lavoratori a rischio 24Finance, acquisita Miafin M5S, consiglieri regionali si tagliano stipendi e donano attrezzature al Loreto Mare Doriana Buonavita eletta nuovo segretario della Cisl Campania Alis, Grimaldi: Realtà ormai riconosciuta a livello internazionale Unicredit, tour Champions League a Napoli: c'è anche Zola Blunauta inaugura una nuova boutique a Napoli Qatar, contratto da 9 mln di euro alla 3Ti Progetti per la Metro di Doha Clp, addetti sul piede di guerra: Nessun pagamento da settembre Atradius, studio su export e mercati di Asia e Pacifico: fatture pagate sempre in ritardo Ddl Falanga su sanatoria degli abusi edilizi in Campania torna alla Camera. Barricate del Wwf Groupon: I campani che vanno fuori a cena preferiscono le cucine giapponese e spagnola "Con gli occhi di Mario", al Maschio Angioino mostra fotografica dedicata a Berlinguer VelAccessibile, al via la campagna di crowdfunding con Meridonare per la velaterapia Inner Wheel, con Rivieccio per sorridere nel segno del sociale Russia-Ucraina, alta tensione Molestie sul lavoro, per combatterle le aziende avviano programmi di formazione Macedonia, da domani a Skopje appuntamento con il format del Giffoni Film Festival Psicologi, ecco la mappa degli iscritti all'Ordine in Campania Società Italiana di Oftalmologia Genetica, da domani il congresso nazionale a Napoli Tasse, indagine Cgia: ogni campano versa allo stato quasi 6mila euro l'anno Antico Setificio di San Leucio, speciale tour gastronomico con le tipicità casertane BabBarattolo, il dolce storico napoletano ora è in formato da viaggio Fca, a Pomigliano raccolta firme per far partire il nuovo piano industriale Libri, a Roma la presentazione della storia di Antonio Tessitore Cesare Moreno vince il Premio Napoli Cultura 2017 Confesercenti Salerno presenta un progetto sulle nuove strategie di vendita per i negozi di vicinato A Grazzanise le celebrazioni per i 50 anni del 9° Stormo dell'Aeronautica

kimbo shop ildenaro 016

Alla fine vince De Luca. Ma le incognite restano

Dai numeri non si sfugge. Vincenzo De Luca è il nuovo presidente della Regione Campania. I voti democristiani dell’Udc di De Mita (circa sessantacinquemila) e quelli dell’ex azzurro Enzo D’Anna ( poco più di trentacinquemila) sono stati determinanti. In verità sarebbero bastati anche solo quelli del leader avellinese per sancire la vittoria di uno dei due contendenti al trono di S.Lucia. Ed ora sono partite tutte le analisi dei politologi del giorno dopo. Lungi dal voler accodarci a tale schiera qualche riflessione la tentiamo anche noi. La decisione dell’expresidente del consiglio Dc è stata assunta a poche ore dalla presentazione delle liste, motivo del contendere la lotta ingaggiata con Pasquale Sommese, già assessore regionale, per la formazione delle liste dell’Udc. Nel braccio di ferro tra i due Angelino Alfano leader di Ncd ha sostenuto Sommese e l’exgovernatore Caldoro, come suo solito, ha agito da Ponzio Pilato lavandosene le mani. I risultati sono noti. Ma scavando ancor più profondamente c’è dell’altro. Da quando nel 2010 Stefano Caldoro fu eletto tranciò di netto i suoi contatti con il mondo esterno al Palazzo. Chiuso nella sua torre eburnea ha delegato quasi tutto al suo Capo di Gabinetto. Amministratori locali e rappresentanti di questa o quella realtà sociale o politica venivano ricevuti, dopo ore di attesa, dal funzionario scelto da Caldoro che ovviamente restava solo un funzionario e quindi ragionava da…ragioniere. I rarissimi fortunati che riuscivano a parlare col Presidente dovevano però recarsi a Roma dove venivano ricevuti per brevi incontri, spesso, senza esiti. Di più. La riorganizzazione della macchina burocratica, anche questa voluta da Sommese, ha creato scontenti e disagi a tutto il personale dell’Ente Regione che ha ricambiato il favore non votando Caldoro. Ma non basta. L’annuncio del trasferimento dell’intera amministrazione nella landa sperduta dell’ex sede Nato di Bagnoli è stato il colpo di grazia che ha creato una vera e propria rivolta antigovernatore. Con perizia, durante un incontro con i dipendenti regionali, De Luca affermò che, se eletto, avrebbe cancellato questa decisione. Insomma, che Caldoro abbia agito bene sul piano strettamente amministrativo tirando fuori dalle secche la Regione da bilanci disastrosi è un dato di fatto e va riconosciuto. Ma altrettanto va evidenziato che non si è comportato da buon politico. Non ha saputo equilibrare le urgenze di governo con le esigenze della politica. E se vi fosse bisogno di conferme basterebbe osservare che nessuno dei suoi uomini più fidati è stato eletto nel nuovo consiglio regionale pur raccogliendo il suo partito oltre il 7% dei votanti. Inoltre, Napoli che avrebbe dovuto sostenerlo più di tutti ha risposto con un astensionismo che non ha riscontri nella storia repubblicana: circa il 60 per cento non si è recato alle urne. Potremmo continuare ma per oggi basta. E le stelle….. continueranno a guardare.