Log in
NEWS
Per i dirigenti di IBL Banca incontro con i giovani sui campi di calcio di Scampia Malazè 2017, nun vac 'e press ovvero slow experience Ansaldo Sts, contratto da 100 mln con Rfi Gepin, accordo trovato. Assessore Palmeri: Salvi 270 addetti Napoli, in commissione il caso delle emissioni acustiche aeree Agenzia beni confiscati, summit al consiglio regionale campano Giornalisti campani lanciamo "Radio Svago Web" Strategia del cambiamento e cambiamento della strategia Apple, il 28 la vicepresidente Jackson a Napoli Forza Italia, Caldoro: Centrodestra Ok anche al Sud, adesso unire Trenitalia, dal 4 settembre il Frecciargento Foggia-Roma: tappe a Benevento e Caserta Simona Capasso nominata vice presidente di Federmeccanica Pacco sospetto nella stazione metro Vanvitelli, Anm: Falso allarme Verdi Campania, Borrelli e Peretti: Torna a splendere il Sole che ride Europa, sfida tra città green: in palio fino a 350mila euro Confindustria, nasce la federazione unica Carta-Grafica: 23,7 mld di ricavi nel 2016 ExtraMann, l'Archeologico di Napoli "adotta" 9 siti Università Luigi Vanvitelli, dopo il cambio del nome un nuovo logo Fi, De Siano sul voto: Centrodestra unito è maggioranza in Campania Ischia Film Festival, a John Turturro l'IQOS Innovation Award Competitività, formazione dei lavoratori: bando Fondimpresa da 72 milioni di euro Chin8 Neri partner di Festival Show Torre Annunziata, anche De Luca l'inaugurazione della stazione Circum di Villa Regina--Antiquarium Stress: sette anni fa la nascita del distretto, domani la firma delll'ccordo col Ministero Pane tipo, Angri chiede marchio Igt Lions, Tesoro di San Gennaro primo museo "cardioprotetto" Confapi, Caccapuoti: Professionisti in crisi per il prelievo dell'Iva Unione Industriali Napoli, "100 anni di imprese" in una mostra a Palazzo Partanna Confindustria Salerno, domani a Fisciano la presentazione dell'accordo con Intesa San Paolo Premio Biagio Agnes: i big del giornalismo per la IX edizione, Fiorello mattatore Bacoli, Giovanni Picone è il nuovo sindaco di Bacoli: la spunta su Della Ragione Export, vendite in crescita nei mercati extra Ue: il made in Italy conquista Usa, Cina e Russia Piano periferie, sbloccati gli ultimi 800 mln Kimbo, il caffè made in Naples tra le eccellenze italiane in Usa Vaccino contro il tumore fegato, parte la sperimentazione al Pascale

kimbo shop ildenaro 016

Napoli, documento della Valente sulle finanze del Comune: Il crac è evidente

"Non puntiamo allo sfascio ma incalzeremo il sindaco in un momento in cui anche la Corte dei Conti vuole vederci chiaro tra le carte del Comune di Napoli". Lo afferma Valeria Valente, parlamentare del Pd e consigliere comunale a Napoli, rispondendo ai cronisti che gli chiedono se il Pd chiede le dimissioni del sindaco di Napoli Luigi de Magistris. "Smascherando le sue bugie - spiega Valente - vogliamo dire al sindaco di raccontare la verità, perché noi penseremo sempre prima al bene di Napoli e dei napoletani, senza personalismi o posizionamenti del Pd. Siamo pronti a fare nostra parte ma il sindaco cambi atteggiamento". Valente ha preparato un documento in 22 punti da titolo "Un anno di promesse mancate del sindaco de Magistris" che parte dal "disavanzo effettivo aggiornato al 31 dicembre 2016: 1 miliardo e 900 milioni - si legge - in particolare tra il 2015 e il 2016 si è creato un ulteriore disavanzo di 173 milioni". "Di fatti - spiega Valente - la città sta messa peggio di un anno fa e il piano di riequilibrio pluriennale è già carta straccia, perché non viene rispettato da due esercizi". La parlamentare, affiancata dal segretario provinciale Pd Venanzio Carpentieri ma non dal capogruppo Pd in consiglio Federico Arienzo ("è in ritardo", spiega Carpentieri poco prima che finisca la conferenza stampa), attacca anche sul debito nei confronti dei privati: "Dice di averlo azzerato - spiega - ma in realtà ha solo contratto un debito uguale nei confronti di Cassa depositi e prestiti. In più tempi di pagamento non sono di 60-90 giorni, come afferma de Magistris, ma in media di 157, da quanto risulta dagli atti scritti dal Comune stesso. E per il settore del welfare si arriva anche a 600 giorni di attesa". Sui debiti, Valente ricorda che "rispetto a quanto scritto nel bilancio di previsione su 100 euro ne arrivano solo 51, per l'incapacità di riscuotere e che con la lotta all'evasione recupera solo il 5% dei crediti attesi. Mentre aspettiamo ancora la fantomatica 'Napoliriscossione'. E intanto Napoli è il capoluogo in cui la pressione fiscale è cresciuta più che in ogni altra città: da 423 euro a 871 euro pro capite". E slle tasse Valente attacca ancora: per recuperare una decina di milioni il Comune ha alzato la soglia di esenzione per l'esenzione dall'addizionale Irpef da 15mila a 8mila euro, penalizzando lavoratori dipendenti e pensionati poveri. Mentre si taglia l'occupazione di suolo pubblico per alcuni soggetti. Questa è una scelta politica, non dettata dai conti"". E anche sui tagli nei trasferimenti dallo Stato, la Valente è critica: "Per la bassa capacità fiscale - spiega - Napoli ha avuto 343 milioni sul fondo nazionale perequativo, quanti ne ricevono Roma e Torino insieme. De Magistris parla di città autonoma ma poi dipende dai trasferimenti statali". Sulle partecipate, Valente afferma che "sono state dismesse solo le partecipazioni in Autostrade Meridionali e Stoà, mentre per le altre ill Comune ha solo preso atto del fallimento", in particolare l'Anm: "ha accumulato circa 1100 milioni di deficit tra il 2014 e il 2016", ha detto Valente, che ha difeso la Regione Campania: "che ha versato - spiega - i 58 milioni dovuti, mentre il Comune di Napoli haa deciso un taglio di 40 milioni nei prossimi tre anni. Così si spiega l'arrivo di soli 12 bus nuovi sui 60 promessi, i ritardi sulla Funicolare Centrale e il mancato acquisto dei nuovi treni per la metropolitana". La parlamentare Pd attacca anche sulla mancata spesa dei Fondi Europei, elencando i fondi persi sulla programmazione 2007-13 dagli 87 milioni del Centro Storico, ai 64 della Mostra d'Oltremare, ai 185 milioni di Napoli Est. "Fondi - spiega Valente - slittati sulla nuova programmazione, ma comunque persi, perché avremmo avuto altri soldi se avessimo speso i precedenti". E sugli impianti di compostaggio, Valente ricorda che "de Magistris ne aveva promessi prima dieci piccoli, poi 8uno a Scampia, poi a Bagnoli, poi a Ponticelli. Ma ancora non ha recintato un cantiere. Attacco anche sugli impianti sportivi: "scelta folle - spiega Valente - per un Comune in predissesto accendere un mutuo da 25 milioni per lo stadio" e sulle dismissioni del patromonio immobiliare per le quali "a fronte di un incasso previsto di 80 milioni ne è arrivato solo 1, mentre a Scampia 40 nuovi alloggi sono stati murati per impedirne l'occupazione e alcuni sono stati assegnati a soggetti destinatari di provvedimenti giudiziari per associazione camorristica".