n63

Log in
NEWS
De Luca allo stadio per Salernitana-Ascoli Confindustria incontra il territorio, venerdì appuntamento a San Marco dei Cavoti Scuola, si avvicina la pausa di Pasqua: stop alle lezioni dal 13 al 18 aprile Voucher, Confesercenti: Occupazione a rischio in 1 impresa su 2 Busitalia, in arrivo 10 nuovi mezzi a Salerno Letteratura, presentato premio nazionale Amerigo delle Quattro Libertà Verdi, continua l'Open space a Roma: c'è anche De Magistris Banco di Napoli Intesa Sanpaolo, Monte di Pietà in vendita: dove nacque la lotta alla usura Disarmiamo l'ignoranza, mostra d'arte a San Giorgio Confindustria, l’impasto che serve all’Europa Nozze d'argento per il Fai: 59 siti aperti solo in Campania Ap, Alfano: A Benevento il primo gruppo provinciale Vincenzo Schiavo eletto presidente di Confesercenri Campania-Molise Imprese di assicurazione, dati in calo ma mercato solido Comune di Napoli, lettera contro il rischiio crac: Dirigenti, recuperate risorse Magna Group assume gli ex Capaldo Ambiente, anche a Napoli iniziative per l'Ora della Terra Avvocati, i matrimonialisti si confrontano sulla nuova condizione dei padri Flora Beneduce (FI): La Regione accolga l'appello dei produttori a difesa dell’olio dei nostri territori Vincenzo Sbrescia (Fare Ambiente): L’Europa al crocevia della storia Chiamarsi Italiano e Cittadino d’Europa. Federalberghi Salerno, indagine sui B&B Fondi europei, un progetto per fare rete: da EUBE e LUPT mano tesa alle imprese Gli sperimentatori e la sindrome del "successo come al solito" Agenzie di stampa, 24 ore di sciopero Napoli, dopo Pasqua via a progetto Bagnoli Borsa mediterranea del Turismo, folla allo stand Blu Hotels per i calciatori del Napoli Confindustria Benevento, il 31 incontro con gli iscritti a San Marco dei Cavoti Mdp, sabato 1° aprile a Napoli la prima assemblea nazionale dei comitati promotori Fondi Ue, De Luca: Rendicontato il 104% del ciclo 2007-2013 Napoli, Bilancio 2017-2019: confermate le tariffe per rifiuti, Imu e Tasi Amministratori professionisti, la sicurezza in condominio: confronto tra categorie Ragazzi incattiviti: la legge del bullismo Credito delle Pmi, 225 mln ai Confidi: domande dal 2 maggio Afragola, sì ai progetti di riqualificazione nei quartieri dellarea Tav

kimbo shop ildenaro 016

Napoli, il progetto di bike-sharing fermo dal 2015


Circa 15mila utenti in un anno, per 51mila sessioni e circa 120mila km percorsi. I dati sono quelli del servizio di bike sharing ideato per la città di Napoli dall'associazione Cleanap e supportato da Comune e Anm (Azienda napoletana mobilità). Ma sono i dati relativi ai primi 9 mesi del 2015, perché oggi gli stalli per le biciclette disseminati nei punti nevralgici del centro città sono desolatamente vuoti: il progetto Bike Sharing Napoli ha infatti chiuso i battenti il 30 settembre 2015, quando cioè si è conclusa l'erogazione del cofinanziamento del Miur inerente il bando "Smart Cities and Communities and Social innovation" - Pon Ricerca e Competitività 2007-2013. Da allora è tutto fermo, nonostante il successo dell'iniziativa. E per ora "non ci sono novità al riguardo", spiegano da Cleanap, associazione fondata da un gruppo di giovani che si occupa di sostenibilità e social innovation, e che oggi promuove interventi di riqualificazione in città. Il progetto di bike sharing ideato da Cleanap e vincitore del bando del Miur, si legge sul sito di Bike Sharing Napoli ancora attivo, era caratterizzato da "una forte componente sperimentale, basata sulla simulazione di un servizio di trasporto pubblico realizzato ad hoc per le peculiarità del tessuto urbano, e corredato da un'app, motore innovativo e smart del progetto, tramite la quale l'utente può utilizzare il sistema e avere una serie di servizi informativi per fruire dei beni e delle evidenze culturali partenopee".
Il sistema si avvaleva di un sistema di biciclette e ciclostazioni "semplice, ecologico ed economico" con l'obiettivo di consentire "una più ampia fruizione della città e delle aree pedonali, a vantaggio dell'ambiente e della viabilità, ideale sia per cittadini che per turisti": Insomma "un vero e proprio sistema di trasporto pubblico per brevi spostamenti" per "integrare l'utilizzo dei tradizionali mezzi di trasporto". Bike Sharing Napoli, dopo alcuni mesi di test riservato a 200 utenti a fine 2014, è stato inaugurato a gennaio 2015 per concludersi a settembre dello stesso anno. Poi lo stop "a causa delle complicazioni burocratiche legate al bando", situazione che l'associazione Cleanap condivide con le altre 51 realtà under 30 del Mezzogiorno vincitrici del bando. A poco è servita la richiesta lanciata da Cleanap agli utenti di inviare al Miur messaggi sui social network con l'hashtag #savebikesharingnapoli, magari accompagnandoli con un selfie vicino a una ciclostazione vuota, così come le richieste avanzate da Cleanap e dal Comune di Napoli per la prosecuzione del progetto. "Nonostante l'obiettivo del bando fosse quello di fare in modo che le sperimentazioni realizzate venissero acquisite dalle pubbliche amministrazioni per diventare buone pratiche a vantaggio della collettività - conclude l'associazione Cleanap - le stazioni restano inutilizzate e il rischio che corriamo tutti è che il progetto non abbia futuro, facendo perdere così un'opportunità alla città di Napoli".