Log in
NEWS
Artriti croniche, ecco la nuova App per giovani pazienti Via al Reddito di inclusione: ecco come richiedere il sussidio Enpam, 30milioni di incentivi ai giovani medici per l'acquisto di un ambulatorio Regione, sostegno a investimenti nelle aziende agricole, Coldiretti chiede la proroga Cisl, Furlan: Oggi per la Campania scriviamo un nuovo libro Natale, Sos Confcommercio: rischio Napoli a luci spente Capodichino, cancellati 9 voli per la nebbia Regione, Cesaro (Fi): su Sma Bonavitacola assente, lavoratori a rischio 24Finance, acquisita Miafin M5S, consiglieri regionali si tagliano stipendi e donano attrezzature al Loreto Mare Doriana Buonavita eletta nuovo segretario della Cisl Campania Alis, Grimaldi: Realtà ormai riconosciuta a livello internazionale Unicredit, tour Champions League a Napoli: c'è anche Zola Blunauta inaugura una nuova boutique a Napoli Qatar, contratto da 9 mln di euro alla 3Ti Progetti per la Metro di Doha Clp, addetti sul piede di guerra: Nessun pagamento da settembre Atradius, studio su export e mercati di Asia e Pacifico: fatture pagate sempre in ritardo Ddl Falanga su sanatoria degli abusi edilizi in Campania torna alla Camera. Barricate del Wwf Groupon: I campani che vanno fuori a cena preferiscono le cucine giapponese e spagnola "Con gli occhi di Mario", al Maschio Angioino mostra fotografica dedicata a Berlinguer VelAccessibile, al via la campagna di crowdfunding con Meridonare per la velaterapia Inner Wheel, con Rivieccio per sorridere nel segno del sociale Russia-Ucraina, alta tensione Molestie sul lavoro, per combatterle le aziende avviano programmi di formazione Macedonia, da domani a Skopje appuntamento con il format del Giffoni Film Festival Psicologi, ecco la mappa degli iscritti all'Ordine in Campania Società Italiana di Oftalmologia Genetica, da domani il congresso nazionale a Napoli Tasse, indagine Cgia: ogni campano versa allo stato quasi 6mila euro l'anno Antico Setificio di San Leucio, speciale tour gastronomico con le tipicità casertane BabBarattolo, il dolce storico napoletano ora è in formato da viaggio Fca, a Pomigliano raccolta firme per far partire il nuovo piano industriale Libri, a Roma la presentazione della storia di Antonio Tessitore Cesare Moreno vince il Premio Napoli Cultura 2017 Confesercenti Salerno presenta un progetto sulle nuove strategie di vendita per i negozi di vicinato A Grazzanise le celebrazioni per i 50 anni del 9° Stormo dell'Aeronautica

kimbo shop ildenaro 016

Napoli, il progetto di bike-sharing fermo dal 2015


Circa 15mila utenti in un anno, per 51mila sessioni e circa 120mila km percorsi. I dati sono quelli del servizio di bike sharing ideato per la città di Napoli dall'associazione Cleanap e supportato da Comune e Anm (Azienda napoletana mobilità). Ma sono i dati relativi ai primi 9 mesi del 2015, perché oggi gli stalli per le biciclette disseminati nei punti nevralgici del centro città sono desolatamente vuoti: il progetto Bike Sharing Napoli ha infatti chiuso i battenti il 30 settembre 2015, quando cioè si è conclusa l'erogazione del cofinanziamento del Miur inerente il bando "Smart Cities and Communities and Social innovation" - Pon Ricerca e Competitività 2007-2013. Da allora è tutto fermo, nonostante il successo dell'iniziativa. E per ora "non ci sono novità al riguardo", spiegano da Cleanap, associazione fondata da un gruppo di giovani che si occupa di sostenibilità e social innovation, e che oggi promuove interventi di riqualificazione in città. Il progetto di bike sharing ideato da Cleanap e vincitore del bando del Miur, si legge sul sito di Bike Sharing Napoli ancora attivo, era caratterizzato da "una forte componente sperimentale, basata sulla simulazione di un servizio di trasporto pubblico realizzato ad hoc per le peculiarità del tessuto urbano, e corredato da un'app, motore innovativo e smart del progetto, tramite la quale l'utente può utilizzare il sistema e avere una serie di servizi informativi per fruire dei beni e delle evidenze culturali partenopee".
Il sistema si avvaleva di un sistema di biciclette e ciclostazioni "semplice, ecologico ed economico" con l'obiettivo di consentire "una più ampia fruizione della città e delle aree pedonali, a vantaggio dell'ambiente e della viabilità, ideale sia per cittadini che per turisti": Insomma "un vero e proprio sistema di trasporto pubblico per brevi spostamenti" per "integrare l'utilizzo dei tradizionali mezzi di trasporto". Bike Sharing Napoli, dopo alcuni mesi di test riservato a 200 utenti a fine 2014, è stato inaugurato a gennaio 2015 per concludersi a settembre dello stesso anno. Poi lo stop "a causa delle complicazioni burocratiche legate al bando", situazione che l'associazione Cleanap condivide con le altre 51 realtà under 30 del Mezzogiorno vincitrici del bando. A poco è servita la richiesta lanciata da Cleanap agli utenti di inviare al Miur messaggi sui social network con l'hashtag #savebikesharingnapoli, magari accompagnandoli con un selfie vicino a una ciclostazione vuota, così come le richieste avanzate da Cleanap e dal Comune di Napoli per la prosecuzione del progetto. "Nonostante l'obiettivo del bando fosse quello di fare in modo che le sperimentazioni realizzate venissero acquisite dalle pubbliche amministrazioni per diventare buone pratiche a vantaggio della collettività - conclude l'associazione Cleanap - le stazioni restano inutilizzate e il rischio che corriamo tutti è che il progetto non abbia futuro, facendo perdere così un'opportunità alla città di Napoli".