n63

Log in
NEWS
Psicologi, da Napoli le linee guida nazionali per internet Apple, nuovo bando per la Developer Academy La bella favola di Macron Fiera agricola, successo per la 12° edizione. In ripresa il mercato dei trattori I segreti dell'energia vitale: vivere meglio, belli e a lungo Funder 35, via al nuovo bando: 2,65 mln per le imprese culturali no profit Sicurezza sul lavoro, Palmeri: In Campania pronto il bando sui fondi "morti bianche" Turismo, 5 mln di presenze per il ponte del 1° maggio: Napoli tra le mete più gettonate Napoli, de Magistris lancia spot 5 x mille per finanziare il welfare in città Scavi di Ercolano, riaprono tre Domus e le Terme maschili Consulenti del Lavoro, da Napoli parte lo sportello telematico per le segnalazioni di esecizio abusivo Boom accessi in pronto soccorso: al Cardarelli tornano le barelle Ntv celebra i 5 anni dal primo viaggio di Italo Comitato unitario delle Professioni, mercoledì 3 maggio incontro con Poletti Università, alla Parthenope nuovo corso di studi in Scienze nautiche Pd, Bassolino: Tempo perso tra congresso e primarie scontate Forum Project Games, contest per i giovani con fantabudget di 50mila euro Napoli, de Magistris: Su Bagnoli urge incontro non tecnico con De Vincenti Digital Magics, nuova call per le start up innovative: in palio 5mila euro Forza Italia, nominati i componenti del coordinamento cittadino Universiadi, A. Cesaro (Fi): Il silenzio del ministro è un'occasione persa Giovanni Francesco Russo nuovo coordinatore di Campania Libera Napoli Turismo, domani al Med Festival Experience la firma all'intesa con Russia, Serbia e Brasile Volontariato al Sud, contributi alle coop sociali Go Sud, un concorso di idee per valorizzare i luoghi della cultura Le verità, presentato il thriller psicologico ambientato a Napoli Dal consolato spagnolo l'omaggio al connubio culturale con Napoli Sicurezza sul lavoro, al via l’assegnazione degli incentivi: domande fino al 5 giugno Unione Industriali, fronte comune tra Regione e imprese sullo sviluppo urbano Capitale europea dell’innovazione: primo premio da 1milione di euro Centenario Unione Industriali Napoli, De Vincenti: In moto investimenti importanti Centenario Unione Industriali Napoli, Boccia: In Italia troppi esperti del passato Centenario Unione Industriali Napoli, Prezioso: Bagnoli? Servono interventi choc Abc, all'azienda del Comune di Napoli il Premio Natura 2017 Centenario Unione Industriali Napoli,Pan: Il Sud snodo geopolitico chiave per l'Ue

kimbo shop ildenaro 016

Napoli, il progetto di bike-sharing fermo dal 2015


Circa 15mila utenti in un anno, per 51mila sessioni e circa 120mila km percorsi. I dati sono quelli del servizio di bike sharing ideato per la città di Napoli dall'associazione Cleanap e supportato da Comune e Anm (Azienda napoletana mobilità). Ma sono i dati relativi ai primi 9 mesi del 2015, perché oggi gli stalli per le biciclette disseminati nei punti nevralgici del centro città sono desolatamente vuoti: il progetto Bike Sharing Napoli ha infatti chiuso i battenti il 30 settembre 2015, quando cioè si è conclusa l'erogazione del cofinanziamento del Miur inerente il bando "Smart Cities and Communities and Social innovation" - Pon Ricerca e Competitività 2007-2013. Da allora è tutto fermo, nonostante il successo dell'iniziativa. E per ora "non ci sono novità al riguardo", spiegano da Cleanap, associazione fondata da un gruppo di giovani che si occupa di sostenibilità e social innovation, e che oggi promuove interventi di riqualificazione in città. Il progetto di bike sharing ideato da Cleanap e vincitore del bando del Miur, si legge sul sito di Bike Sharing Napoli ancora attivo, era caratterizzato da "una forte componente sperimentale, basata sulla simulazione di un servizio di trasporto pubblico realizzato ad hoc per le peculiarità del tessuto urbano, e corredato da un'app, motore innovativo e smart del progetto, tramite la quale l'utente può utilizzare il sistema e avere una serie di servizi informativi per fruire dei beni e delle evidenze culturali partenopee".
Il sistema si avvaleva di un sistema di biciclette e ciclostazioni "semplice, ecologico ed economico" con l'obiettivo di consentire "una più ampia fruizione della città e delle aree pedonali, a vantaggio dell'ambiente e della viabilità, ideale sia per cittadini che per turisti": Insomma "un vero e proprio sistema di trasporto pubblico per brevi spostamenti" per "integrare l'utilizzo dei tradizionali mezzi di trasporto". Bike Sharing Napoli, dopo alcuni mesi di test riservato a 200 utenti a fine 2014, è stato inaugurato a gennaio 2015 per concludersi a settembre dello stesso anno. Poi lo stop "a causa delle complicazioni burocratiche legate al bando", situazione che l'associazione Cleanap condivide con le altre 51 realtà under 30 del Mezzogiorno vincitrici del bando. A poco è servita la richiesta lanciata da Cleanap agli utenti di inviare al Miur messaggi sui social network con l'hashtag #savebikesharingnapoli, magari accompagnandoli con un selfie vicino a una ciclostazione vuota, così come le richieste avanzate da Cleanap e dal Comune di Napoli per la prosecuzione del progetto. "Nonostante l'obiettivo del bando fosse quello di fare in modo che le sperimentazioni realizzate venissero acquisite dalle pubbliche amministrazioni per diventare buone pratiche a vantaggio della collettività - conclude l'associazione Cleanap - le stazioni restano inutilizzate e il rischio che corriamo tutti è che il progetto non abbia futuro, facendo perdere così un'opportunità alla città di Napoli".