Log in
NEWS
Legge di Bilancio, De Vincenti: confermati e rafforzati gli impegni per coesione e Sud Ambrogio Prezioso nuovo Presidente di Confindustria Campania InterArtes 2017, dialoghi tra le arti: si parte con Erri De Luca Lilì Marlene, e la musica si tinge di rosa Anm, conto alla rovescia per la procedura di licenziamento collettivo: domani assemblea dei lavoratori Cisl, Furlan: Da domani una donna alla guida del sindacato in Campania Mozzarella Dop congelata alla conquista dei mercai esteri: nuove polemiche sull'oro bianco campano "Mutui usurari", ecco i dettami della Cassazione Chirurgia, al via oggi a Napoli il Congresso nazionale "Pallottole d'argento" contro il mal di testa: nuova sperimentazione all'Università Vanvitelli di Napoli Camera di Commercio di Napoli, appuntamento con l'Alternanza Day Bnl promuove la "Diversity and inclusion week", eventi gratuiti a Napoli Giocare a pallone allunga la vita delle cellule: lo studio dei ricercatori di Napoli e Copenhagen Gianpiero Falco (Confapi Napoli): Legge Bassanini da rivedere, frena la spesa Ue Rimadesio, il design made in Italy sbarca in Giappone Agroalimentare, da oggi scatta l'obbligo di etichetta per il latte made in Italy Povertà, Italia peggior Paese dell'Europa Occidentale: a rischio quasi uno su tre Campania, si rompe una condotta: stop all'acqua in cinque comuni tra Napoli e Salerno "Carlo Poerio e l'Europa", da oggi via alla mostra dedicata al patriota napoletano Musica, De Sica canta Napoli nella stagione Ico Magna Grecia Una piattaforma digitale per i malati di Sm: il progetto della Federico II vince il Premio Merck Cisl, Annamaria Furlan al congresso regionale della Campania Anche i liberali marciano Terna e Fondazione Cariplo portano anche a Napoli il roadshow per cercare talenti Rfi sigla un protocollo sulla legalità con la Prefettura di Napoli Sailitalia ripropone l'evento Wine & Sail Unicocampania, oltre 107mila richieste di abbonamenti gratis per studenti Porti di Napoli e Salerno, entro fine mese il decreto sulle zone economiche speciali Napoli, Mara Carfagna all'attacco: Via Marina, che disastro Maratona della Salute, Borsacchi vince la Prevention Race Garanzia giovani: 1,2 mln di iscritti, 172 mila lavorano Sindaci donna, maglia nera alla Campania: solo 5 su 100 Forza Italia, parte in Campania la scuola di formazione dei Seniores Credit crunch, prestiti alle aziende giù di oltre 42 mld in un anno Napoli, Bassolino lancia l'hashtag #deMagistrisdicaalsindaco

kimbo shop ildenaro 016

Ma, allora, a che cosa serve un re?

Ha abdicato troppo presto Juan Carlos, sottovalutando la funzione obsoleta ma talvolta insostituibile del sovrano. Ci vorrebbe uno come lui sul trono per far sentire spagnoli i catalani e risolvere i problemi che mettono a repentaglio l’unità nazionale. Si auspica l’intervento dell’Europa, che, invece, esaspera il fanatismo dei separatisti. È compito del re riunire i cittadini sotto la stessa bandiera. Come nel 1975 quando fu miracoloso il passaggio dalla dittatura alla democrazia. Come pure nel 1981 quando la guardia civil tentò di stravolgere le istituzioni con un golpe che fallì grazie alla personalità del capo dello stato. Oggi non c’è più Juan Carlos a spiegare ai catalani che le divisioni indeboliscono.

L'olio di ricino è un antico purgante, ma anche un mezzo di persuasione
Credo che Di Maio intenda darlo ai sindacalisti per convincerli a riformare l'istituzione. Minaccia, infatti: "Se no, lo faremo noi". Tra le tante cose che non sa questo giovanotto, con la presunzione di gestire il paese, c'è la natura del sindacato. Ritiene erroneamente che sia un organo dello stato e non una libera associazione di cittadini, come i partiti politici, come il suo movimento stesso. È, invece, un interlocutore del datore di lavoro per difendere la parte più debole tra i due contraenti. Insomma, seppure così sprovveduto e privo di esperienza e istruzione, il ragazzo ha le idee chiare. Se fossimo così incoscienti da consentirglielo, è deciso a imporci le sue regole di vita. Se no, ci pensa lui!

Al tempo dei Baroni la cultura progrediva
Non è vero che è sempre stato così. Chi non si è sorpreso delle denunce ai prof non ricorda o non sa. L'Università funzionava un tempo, come pure gli ospedali e le strutture sanitarie. Non si proteggevano parenti e amici ignoranti, né si consentiva l'intromissione della politica nella cultura. Il sapiente si attorniava degli allievi migliori e ne favoriva giustamente le carriere, tutelandoli da pressioni indebite. Allora andava avanti chi meritava ed era degno di stima e fiducia. Tanto che sui biglietti da visita si leggeva "aiuto del primo (o secondo o terzo) assistente del Prof Tal dei Tali". Non è giusto assimilare l'Italia che ci fece risorgere dalle macerie della guerra col marciume e la corruzione di oggi.

Quando le piaghe sociali sono provvidenziali
Peccato che non ci sia la mafia in Catalogna. Non ci sarebbero voglie indipendentiste. O verrebbero subito sedate. La verità è che, seppure biasimata e perseguita, la criminalità organizzata è più moderna e progressista della cosiddetta società civile, conservatrice e involuta. Ha preferito espandersi, precorrendo l'immensità della globalizzazione, piuttosto che limitare le frontiere, che restringono il territorio dello stato e anche le loro attività. Ecco perché sono retrogradi i paesi che ne sono privi. Nell'immediato dopoguerra un movimento separatista voleva staccare la Sicilia dall'Italia. Fu la mafia a stroncare l'iniziativa. Che prospettive di sviluppo avrebbe avuto nei ristretti confini dell'isola?

È crollata anche l’ultima frontiera
L’argine era la cultura. Ci ha traditi anche lei. Non è più colpa della sinistra né della destra per cui ci combattiamo da anni (è la guerra tra poveri). È tutto il paese bacato da un’immoralità in continua espansione. Oggi è arrivata persino all’università. Sono corrotti pure i docenti, che credevamo un punto di riferimento fermo. Ha ceduto anche questo baluardo. Per illuderci che la colpa sia degli altri ce la prendiamo con i migranti, con i gay, con gli assenteisti, persino con l’Euro. Invece, il marcio è in ognuno di noi, che, per inseguire ricchezza, potere, sesso e visibilità vendiamo onore e dignità, rubando il futuro ai figli, che fingiamo di amare. Sono loro le vittime della nostra disonestà e stupidità.

Diario Liberale di Roberto Tumbarello

Roberto Tumbarello, giornalista professionista, laureato in Giurisprudenza, ha tre figli e sei nipoti. Medaglia “pro merito” del Consiglio d’Europa, di cui è stato portavoce in Italia per tanti anni, è esperto in Comunicazione e Diritti umani. È stato redattore e inviato speciale di diversi quotidiani e periodici a vasta tiratura. Ha chiuso la carriera come direttore del “Giornale di Napoli”. Tra le sue ultime pubblicazioni di successo: “Gesù era di destra o di sinistra?” (Sapere 2000, 2009), “Si salvi chi può” (Edizioni Radici, 2012), “O la borsa o la vita” (Armando, 2014), attualmente in libreria.