Log in
NEWS
Legge di Bilancio, De Vincenti: confermati e rafforzati gli impegni per coesione e Sud Ambrogio Prezioso nuovo Presidente di Confindustria Campania InterArtes 2017, dialoghi tra le arti: si parte con Erri De Luca Lilì Marlene, e la musica si tinge di rosa Anm, conto alla rovescia per la procedura di licenziamento collettivo: domani assemblea dei lavoratori Cisl, Furlan: Da domani una donna alla guida del sindacato in Campania Mozzarella Dop congelata alla conquista dei mercai esteri: nuove polemiche sull'oro bianco campano "Mutui usurari", ecco i dettami della Cassazione Chirurgia, al via oggi a Napoli il Congresso nazionale "Pallottole d'argento" contro il mal di testa: nuova sperimentazione all'Università Vanvitelli di Napoli Camera di Commercio di Napoli, appuntamento con l'Alternanza Day Bnl promuove la "Diversity and inclusion week", eventi gratuiti a Napoli Giocare a pallone allunga la vita delle cellule: lo studio dei ricercatori di Napoli e Copenhagen Gianpiero Falco (Confapi Napoli): Legge Bassanini da rivedere, frena la spesa Ue Rimadesio, il design made in Italy sbarca in Giappone Agroalimentare, da oggi scatta l'obbligo di etichetta per il latte made in Italy Povertà, Italia peggior Paese dell'Europa Occidentale: a rischio quasi uno su tre Campania, si rompe una condotta: stop all'acqua in cinque comuni tra Napoli e Salerno "Carlo Poerio e l'Europa", da oggi via alla mostra dedicata al patriota napoletano Musica, De Sica canta Napoli nella stagione Ico Magna Grecia Una piattaforma digitale per i malati di Sm: il progetto della Federico II vince il Premio Merck Cisl, Annamaria Furlan al congresso regionale della Campania Anche i liberali marciano Terna e Fondazione Cariplo portano anche a Napoli il roadshow per cercare talenti Rfi sigla un protocollo sulla legalità con la Prefettura di Napoli Sailitalia ripropone l'evento Wine & Sail Unicocampania, oltre 107mila richieste di abbonamenti gratis per studenti Porti di Napoli e Salerno, entro fine mese il decreto sulle zone economiche speciali Napoli, Mara Carfagna all'attacco: Via Marina, che disastro Maratona della Salute, Borsacchi vince la Prevention Race Garanzia giovani: 1,2 mln di iscritti, 172 mila lavorano Sindaci donna, maglia nera alla Campania: solo 5 su 100 Forza Italia, parte in Campania la scuola di formazione dei Seniores Credit crunch, prestiti alle aziende giù di oltre 42 mld in un anno Napoli, Bassolino lancia l'hashtag #deMagistrisdicaalsindaco

kimbo shop ildenaro 016

Differenziazione dell'offerta turistica: dalla parte del visitatore, sempre

Rullo di tamburi, un sorriso per la stampa pronti via. Siamo ufficialmente diventati i super eroi del turismo e della cultura. La strategia vincente è scritta nero su bianco dallo scorso gennaio e accende i riflettori sulla differenziazione dell’offerta turistica. La D, quarta lettera dell’alfabeto della gestione, risplende su tutta l’Italia dei Musei. A cascata saranno declinate tutte le altre lettere del dizionario. Speranza. La diversificazione cui si è scelto di riferirsi è però quella delle mete turistiche per indirizzare i flussi turistici verso territori ricchi di potenzialità ancora inespresse, quali aree rurali, piccole e medie città d’arte, parchi naturali e marini. Dalla parte degli operatori turistici.Tanta nuova carne al fuoco, chi più ne ha più ne metta, i pacchetti per turisti diventano sempre più golosi. Buono. Ottimo. Così così. Avere nel paniere una mercanzia varia garantisce al venditore maggiori probabilità di vendita. Se però il prodotto è liquido e non ci sono bicchieri, è pieno di sugo e non ci sono tovaglioli di carta, il cliente dopo qualche tentativo si allontanerà…”...e mai più ritornerà”. Se nel paniere del venditore ci fosse un numero inferiore di prodotti, ma ognuno fosse accompagnato dall’utensile adatto alla sua fruizione, il venditore terminerebbe tutte le scorte molto velocemente. I supermercati da qualche tempo hanno capito che se vogliono vendere le insalate pronte o i cibi monoporzione per veloci colazioni devono aggiungere al prodotto anche le posate, i condimenti, il tovagliolo. Differenziano. Differenziare l’offerta turistica è saper dare dello stesso prodotto una versione appetibile per oggi tipologia turistica. Lo studioso deve poter approfondire, il bambino sperimentare, la famiglia vivere il museo serenamente a propria dimensione. L’attenzione deve quindi essere spostata dall’operatore turistico al turista.Quest’ultimo, infatti, desidera un esperienza che è attrattiva, servizi, modalità d’accesso, d’immagine e d’informazione. Se poi c’è abbondanza tanto meglio. Il produttore di servizi turistici focalizza la propria attenzione sulle fasi della filiera di produzione del prodotto offerto: numero, ristorazione, pernottamento. A ognuno il proprio ruolo, certo, ma la differenziazione turistica deve badare a costruire diverse possibilità di utilizzo dello stesso bene prima di aggiungere altri beni.Sono quattro le magiche paroline della differenziazione turistica: eccitazione, svago, contemplazione, apprendimento. Grazie ad esse l’offerta museale sarà diversificata anche rispetto ad altre attività per il tempo libero. Wlliamsburg in Virginia o il Castello di Windsor in Inghilterra sono un esempio di come nello stesso luogo si possano soddisfare diverse esigenze per ogni tipologia di pubblico. La visita permette di trascorrere il tempo con la famiglia, di vedere cose importanti arricchendo il patrimonio di conoscenze. Diventa introspettiva perché permette il risveglio di ricordi e immagini d’altri tempi che suscitano senso d’appartenenza e legame spirituale. Ha una funzione didattica a più livelli. L’esperienza che il turista vive cimentandosi in prima persona in attività inerenti alla vita di quei luoghi è differenziata: tanto i bambini che gli adulti potranno avere la propria esperienza “su misura”. La scelta della tipologia di esperienza da offrire spetta alla gestione: non tutte le esperienze possono coesistere e si adattano a tutte le strutture. Una buona gestione deve saper scegliere e differenziare. Per il pubblico, non per gli operatori.