Log in
NEWS
Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve" Sinfonia d'inverno, grande successo per il charity gala a sostegno del Pausilipon L' Esercito di Terracotta dell'imperatore Quin: prima nazionale a Napoli Il sognatore sveglio, a Castel Nuovo la follia dell’Arte di Antonio Ligabue Sanità responsabile, dibattito con il ministro Lotti Top Italian Restaurant, i migliori chef del Belpaese all'estero per Gambero Rosso Agroalimentare: insetti a tavola dal 1º gennaio, ma il 54% degli italiani dice No Nuovi pianeti, un modello della Nasa per cercare ET Ambiente e lavoro, nuovo bando Uia: Bruxelles cerca città innovative Agroalimentare, Masiello (Coldiretti): Bene etichettatura per i derivati dal pomodoro Ravello, prorogato fino al 4 novembre lo spettacolo "Villa Rufolo mille anni di magia" Da bottega a museo: ecco il nuovo Ospedale delle bambole Città della Scienza, sos Cgil: Lavoratori allo stremo Premio Sepe a Orfeo, Grimaldi e allo show Made in Sud. Lavoro e corruzione i temi al centro della sesta De Luca sulla sanità: Stiamo preparando una grande rivoluzione Premio Sepe, Cutolo di Mcl: Un omaggio ai grandi personaggi di Napoli Debiti Pubblica amministrazione, valgono il 3% del Pil: il doppio della media Ue Mozzarella di bufala campana, nel mondo è conosciuta come Pino Daniele e Cannavaro Isa Yachts del gruppo Palumbo presenta in Florida le sue novità per il mercato mondiale

kimbo shop ildenaro 016

L'accerchiamento a Matteo e i sogni di rivincita del Cavaliere

1.

Diciamo la verità: Matteo Renzi ci manca. Un annuncio al giorno. E via a vedere l’effetto che fa con i sondaggi riservati, che spesso gli davano ragione. Aveva questo gran piacere, quasi infantile, di determinare … miracoli. Gli era riuscito con i famosi 80 euro al mese che effettivamente arrivarono nelle tasche degli Italiani e subito fu effetto devastante nelle urne. Oltre IL 40%al PD alle Europee del 2014. Dopo non è andata più così. Eppure, al netto del molto opinabile Jobs Act, alcuni provvedimenti potevano essere davvero efficaci, come quello, solo un esempio, della rottamazione delle cartelle esattoriali. Un po’ non si è spiegato bene, un poco non lo hanno capito, un poco ha fatto errori, almeno tattici, come quelli relativi al referendum costituzionale: bastava spacchettarlo, come consigliava un costituzionalista del calibro di Valerio Onida, e non personalizzarlo. Starebbe ancora a Palazzo Chigi. Invece ora c’è Paolo Gentiloni:  persona navigata, seria, senza capacità di voli miracolistici, posato, ma complessivamente non entusiasmante. L’apparente tranquilla navigazione del suo governo lo propone, agli antireazioni interni ed esterni al PD, quale candidato, più o meno obbligato, alla Presidenza del Consiglio. Matteo Renzi scalpita, si sente accerchiato. Riuscirà a rompere l’accerchiamento o, quanto meno, ad essere riconosciuto il Candidato per Palazzo Chigi dal suo Partito, a cominciare dallo stesso Gentiloni? Sarà il tema dei prossimi mesi convulsi. Intanto mi sembra francamente irrazionale l’obiettivo dello schieramento che fa capo a Pisapia, con i fuoriusciti del PD, Bersani e D’Alema, che schiumano rabbia non sempre repressa. Si legge nel comunicato emesso a conclusione dell’incontro di questi giorni di tutti i pro-Pisapia “babies” che l’obiettivo, a parte le giaculatorie su Centro Destra e Cinque Stelle, è quello di “costruire un centro-sinistra alternativo alle politiche sbagliate del PD di Renzi”. Con questi “avversari”, il fu Cavaliere può tranquillamente coltivare sogni di rivincita. Così come il nostro concittadino campano, Luigi Di Maio, può legittimamente aspirare a diventare Presidente del Consiglio. E così, ancora una volta, l’odio è più forte dell’amore. Se mai si può parlare di amore in politica. Mi domando dove sono gli anti berlusconiani viscerali, quelli che lo volevano in galera o addirittura morto?! Dimenticavo, loro pensano che Renzi equivalga al Cavaliere, con l’aggravante di essere molto più giovane e con la prospettiva, dovesse vincere, di durare a lungo. Allora, meglio che ritorni il Cavaliere: facendo gli scongiuri per lui, almeno non dovrebbe durare a lungo. Così è se vi pare, ci ammonisce Luigi Pirandello.

2.

“Beati i perseguitati a causa della giustizia, perché di essi è il Regno dei Cieli” Matteo 5.3. Ricordando questa promessa del Cristo, che Matteo ci riporta magistralmente nel Discorso della Montagna, ho pensato di “consolare” Clemente Mastella e sua moglie Sandra e gli altri imputati di un processo, che è durato ben nove anni per arrivare a questa sentenza, di assoluzione. E siamo ancora al primo grado. Naturalmente il “premio” che assicura nostro Signore dovrà essere “assegnato” anche a Romano Prodi, il cui governo nel 2008 cadde proprio a seguito di quella imputazione a Clemente Mastella, che si dimise da Ministro della Giustizia e tolse la fiducia al Governo, anche per la scarsa, a suo dire, solidarietà ricevuta. Ne beneficiò Silvio Berlusconi, che già stava lavorando di suo, e che “lavoro!”, per sottrarre Senatori alla risicata e rissosa maggioranza che sosteneva Romano Prodi. Conseguenze politiche a parte, che comunque segnarono il destino del Paese, chi mai ripagherà quegli imputati, quelle persone, per le sofferenze patite in questi anni, tra insulti e sberleffi?! Una storia antica, non solo quella riferita ai coniugi Mastella, di dolori e delegittimazioni, che prima che le sorti dell’Italia, hanno segnato la vita delle persone tante, troppe, prima distrutte e poi, nella maggior parte, assolte. Spesso troppo tardi per “rifarsi” una vita. Chi ha il dono della Fede  può rifugiarsi in quella promessa del Cristo: Saranno Beati e conseguiranno il regno dei Cieli. E così sia. Ma agli altri, ai “persecutori” quale sorte sarà riservata? Questo il Vangelo non ce lo dice, ma sappiamo che se si pentiranno, se riconosceranno le loro colpe, avranno di certo la Misericordia di Dio. Ma solo se si pentiranno e riconosceranno le loro colpe. Chi ci deve pensare, ci pensi.