Log in

kimbo shop ildenaro 016

Sisma, Ciboinscatola.it: I produttori di sughi devolvano una quota per i terremotati

Ciboinscatola.it, blog magazine italiani sul mondo del cibo in scatola, invita, con una nota tutti i produttori di sughi pronti all'amatriciana a devolvere una quota delle vendite dei propri prodotti alla ricostruzione della città di Amatrice, distrutta dal terremoto del 24 agosto. ''L'amatriciana, infatti, che deve il suo nome al comune rietino - si sottolinea - è uno dei cibi in scatola più diffusi. Seconda solo al ragù e al sugo pomodoro e basilico tra i sughi pronti è uno dei cibi in scatola più apprezzati. Tante le aziende famose in Italia che la producono. E', senza dubbio, uno dei preparati più famosi e preferiti dai consumatori. Presente in tante dispense è immancabile sugli scaffali dei supermercati così come di tante gastronomie e negozi di prodotti tipici. Il sugo pronto, facilmente trasportabile è anche tra i souvenir gastronomici più scelti dai turisti in visita a Roma di cui è diventato uno dei piatti simbolo,e ovviamente di tanti comuni del Centro Italia''.
"Sarebbe un bel gesto se una o più aziende che producono questo sugo decidessero di devolvere una parte del ricavato della vendita alla città di Amatrice" - affermano Giancarlo Panico e Gennaro Cirillo di ciboinscatola.it - "Abbiamo pensato di lanciare questo appello perché la cucina italiana deve molto a questa città. I territori sono fondamentali per l'identità del patrimonio gastronomico italiano e riteniamo che sia urgente dare un segnale forte da parte di quelle aziende che in qualche modo traggono benefici da prodotti, piatti e ricette legate divenuti patrimonio di tutti. Questa è vera sostenibilità. I fondi raccolti o devoluti dalle aziende potrebbero essere destinati al recupero, la ricostruzione o il restauro di edifici pubblici o di interesse danneggiati dal sisma". Ciboinscatola.it, annuncia la nota, ''racconterà le iniziative adottate dalle aziende e ne seguirà lo sviluppo nel tempo e, dove necessario, si candida a farsi intermediario con le zone colpite dal sisma''.