Log in
NEWS
Canada, Calenda: Con l'accordo Ceta vantaggi per Pmi e cittadini europei Interporto Sud Europa, confronto tra aziende di logistica e Its: si punta sulla formazione Welfare, via al riparto del fondo sociale 2017: più di 28 mln alla Campania Agroalimentare, De Luca inaugura la Scuola del Gusto a Torrecuso Eav, da ottobre secondo agente sui bus a Bacoli e Castellammare Napoli, Palladino al sindaco: Rom, belle parole ma seguano i fatti L'ambasciatore algerino invita le aziende campane al Forum di Pescara L'Ambasciata italiana e i festeggiamenti di San Gennaro negli Usa Palumbo Group, Isa Yachts vende il nuovo superyacht di 65 metri Energie per l'Italia, parte il tour campano. Parisi: Pronta la squadra Criminalità, Gabrielli: Profondo senso di insicurezza sociale nel Paese Formazione manager, prosegue il corso in Campania Cultura, dal Mibact 132 mln per i Grandi progetti: fondi a Capodimonte, Reggia di Caserta e Catacombe di Napoli Napoli, da capitale morale a nobile fiaba San Giorgio a Cremano, i ritratti di Noschese e Troisi sui muri della Stazione Circum Allerta attentati, made in Campania l'app per gestire le operazioni di soccorso Prosciutto di Parma, in Giappone tutela per il marchio: è la prima volta di un prodotto straniero Gruppo Trevi, nuove commesse all'estero per 75 mln dollari Fondazione con il Sud, Nuove Generazioni: in arrivo il bando da 60 milioni E-Distribuzione, a Secondigliano componenti hi-tech per la rete Fincantieri, appello al Governo della Fim Cisl: Si salvaguardi l'industria italiana Mehta al San Carlo con "Fidelio", Bergamasco sul palco Lavoro, Inps: nei primi 7 mesi assunzioni stabili giù del 4,6% Porto Marina d'Arechi, a Genova con numeri record: +22%. Gallozzi: Avanti così Ciclofficina solidale, in bici alla scoperta dell'Oasi di Frassineto Test di Architettura al Politecnico di Milano, dall'Università della Campania record di candidati idonei Un esoscheletro in 3D al posto del gesso: il Santobono di Napoli fra i vincitori dell'Innova S@lute 2017 Almaviva Napoli, elezioni delle Rsu: la Cgil conquista la maggioranza La periferia di Napoli su "Le Monde": Scampia lontana dai cliché mafiosi Mdp, dal 27 settembre a Napoli la prima festa: è dedicata al lavoro Sepe alla messa per San Matteo, patrono della Guardia di Finanza Porto Marina d'Arechi, Boccia ospite dello stand al Salone Nautico di Genova "Veleno", a Casal di Principe la presentazione del film sulla vera storia della Terra dei Fuochi Olio Dante partecipa all'Atelier della Salute per promuovere uno stile di vita sano Alessandro Paola nuovo comandante dei Vigili del Fuoco di Livorno

kimbo shop ildenaro 016

Vertenza Whirlpool, comitato dei lavoratori sul piede di guerra:

Dopo le proteste alla Whirlpool di Carinaro del maggio scorso, che portarono ad un accordo con l'azienda per un impiego a rotazione di 130 operai, il comitato di salvaguardia dei diritti dei lavoratori è nuovamente sul piede di guerra. I motivi sono spiegati con un comunicato che recita: “Dopo le nostre veementi proteste, l'azienda il 15 maggio u.s. presso confindustria Caserta, si rese disponibile a far ruotare anche noi esclusi che ci troviamo a CIGS a 0 ore, dal 1 giugno. Questa operazione doveva concludersi al massimo, come si legge dal comunicato, entro ottobre.
Ad oggi, sono stati integrati solo una decina, sempre amici degli amici, senza criterio alcuno, lasciando al palo gli altri. Senza spiegazioni e senza stipendio. 
L'unica spiegazione che danno, almeno i sindacati, è la classica “alzata di spalle”. Ora la sottile pressione, va verso il Gruppo Seri, che dovrebbe, almeno sulle carte, re-industrializzare il sito di Teverola, assorbendo una parte degli esuli Whirlpool ed una parte anche di coloro che adesso già sono occupati a Carinaro. I sindacati e l'azienda, si sono trovati di fronte però, la diffidenza dei lavoratori, che in massa hanno detto no al passaggio, chiedendo il rispetto dei patti, e linee chiare per questa re-industralizzazione. A questo punto l'azienda ha rinnegato il patto per la rotazione, ha mandato in frantumi l'accordo con il sindacato, esautorandolo di ogni potere, subordinando il tutto al passaggio dei lavoratori alla Seri. Minaccia questa, ben poco velata. Quindi noi “panchinari” restiamo alla mercè di accordi beceri e di poco valore, restando sempre esclusi da ogni coinvolgimento lavorativo". 
Il comitato denuncia scelte considerate poco trasparenti e attacca: "Tutte le porte ci sono state chiuse. L'azienda è solo protesa a dare l'immagine di una bella famiglia, ma in realtà non è cosi. Non ammette proteste ne accordi democratici. Non vuole sentire ragioni, e stanno pressando, vertici aziendali e sindacati, affinché si accetti o il licenziamento volontario o il trasferimento alla Seri. Noi questo non lo accettiamo, entro la fine di ottobre agiremo legalmente, abbiamo già dato mandato ad un noto giuslavorista aversano, per tutelare i nostri diritti, lesi da questi comportamenti corporativi”.