Log in
NEWS
Scossa di terremoto e crolli: tragedia ad Ischia Archeologia, a Ercolano i raggi X svelano il ritratto di una antica donna romana Fumetti, a Salerno rivive il mito di Trumoon Ap Campania, Barone: Le alleanze le decide Alfano Caso Loreto Mare, domani arrivano i Nas Onlus e Coop sociali, bando da 223 mln: domande a partire dal 7 novembre Incentivi per under 32: ecco le misure allo studio del Governo Isole minori, 15 milioni di euro per l'efficienza energetica Corti di lunga vita, via al contest: 2mila euro in palio per il primo classificato Fca, non solo Jeep: Great Wall punta all'intero gruppo Castel Volturno, si insedia il commissario straordinario Mar Mediterraneo, lo screening di Goletta Verde: in Lazio, Calabria e Campania i punti più inquinati Sal De Riso, piccoli, tondi e deliziosii: ecco i nuovi Cabochon D’Amalfi Acerra, il Comune con la Coldiretti: No al Ceta Scavi di Pompei, tour operator favorevoli all'aumento delle tariffe Cinema, primo ciak per il nuovo film con Rubini: set ad Apice Caso Loreto mare, si indaga per omicidio colposo Edilizia scolastica, via al bando Pon: 350 mln alle Regioni del Sud Ricerca, nuovo bando aerospazio: i progetti entro il 30 settembre Sponz Fest, la Scuola di tarantella montemaranese alla notte del tamburo Zootecnia, banca dati per la biodiversità: 93 milioni per allevatori e centri di ricerca Access City Award 2018: demande entro l'11 settembre Nocera, voto di scambio politico-mafioso: blitz dei carabinieri Scavi di Pompei, ricara il biglietto: da 11 euro passa a 15 Industria Italiana Autobus, giornata storica a Flumeri: l'8 settembre presentazione dei primi mezzi prodotti Caso Loreto mare, Codacons: Gli ispettori non bastano, denuncia a Lorenzin e De Luca Napoli, dopo la delibera primi tavolini a piazza Municipio Nerina Dirindin (Mdp): Caso Loreto mare, occorre riorganizzare il sistema Napoli, de Magistris: La sicurezza? Non si ottiene innalzando i muri Mafia, Dia: Sequestrati in un anno beni per 210 milioni Fca, cinesi di Great Wall interessati a Jeep Tommariello d’oro 2017, ecco i premiati: appuntamento il 26 a Montefusco Sarà il turismo lento e sostenibile il futuro dell’Italia? Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano

kimbo shop ildenaro 016

Infermiere "cucina" al Cardarelli, scoppia la polemica

Sta facendo il giro dei social e creando polemiche la foto di un infermiere dell'ospedale Cardarelli di Napoli, diffusa dal consigliere regionale dei Verdi, Francesco Borrelli: l'uomo ha in mano una cozza e in un'altra un pomodorino. Qualcuno, forse un amico la pubblica sul profilo Fb dell'infermiere. Si vede, accanto a lui, in camice bianco, una cucina e tutto l'occorrente per preparare un pranzo. "La foto che ritrae un infermiere del Cardarelli che cucina allegramente in una delle stanze dell'ospedale mettendosi addirittura in posa - secondo Borrelli, che è componente della commissione Sanità della Regione - è un insulto per tutti i suoi colleghi che ogni giorno svolgono questo delicatissimo ruolo con estrema professionalità. Dalla foto sembra emergere, inoltre, che la "postazione di cucina" sia tutt'altro che improvvisata facendo pensare che non si tratti di un episodio occasionale ma di una pessima consuetudine perpetrata in spregio alle più elementari norme igieniche e di sicurezza". "Non appena ho avvisato il direttore del più grande ospedale del Mezzogiorno, Ciro Verdoliva, immediatamente è scattata la verifica di quanto segnalato che ha confermato la presenza di materiale vario non idoneo al posto di lavoro e la contestuale apertura di un'indagine interna sull'accaduto - prosegue Borrelli - in modo da poter prendere gli opportuni provvedimenti per tutelare l'immagine dell'ospedale. L'ospedale non è un ristorante e mi auguro che cucinare non sia un modo per qualche dipendente per passare il tempo durante l'orario di lavoro o fuori orario ma in ogni caso in luoghi inidonei e dove ci vorrebbe il massimo dell'igiene". "Non sarà di certo questa foto a vanificare il duro lavoro che la Regione, insieme ai dirigenti delle Asl, ai medici e agli infermieri, sta facendo per dare ai cittadini un servizio sanitario di eccellenza - conclude Borrelli - ma proprio per questo simili atteggiamenti devono essere severamente sanzionati". Dal canto suo il Cardarelli - come riferisce la Repubblica nell'edizione napoletana - ha fatto sapere che l'ambiente adibito alla preparazione delle cozze si trova non in un reparto, e quindi vicino ai malati, ma in un luogo che si trova vicino, una palazzina dei servizi. Insomma, niente cucina in corsia ma un posto, appartato dove i sanitari trascorrono momenti di pausa dal lavoro. Sulla vicenda, interviene polemizzando con Borrelli, pur senza citarlo mai, l'eurodeputato di Forza Italia, Fulvio Martusciello. "La spiegazione data dalla direzione sanitaria del Cardarelli sulla foto dell'infermiere che cucina chiude l'ennesima inutile polemica aperta da chi cerca solo la ribalta. Il luogo dove e' stata ritratta la foto infatti, ha precisato la direzione, è una palazzina di servizi e non un reparto sgonfiando gli allarmi lanciati sulla mancanza di sicurezza per la salute dei pazienti. A causa però di questo allarmismo inutile ci sarà un padre di famiglia che rischia una sanzione e un ospedale umiliato nella sua professionalità".