Log in
NEWS
Terzo settore, finanziamenti agevolati: domande dal 7 novembre Startup Booster 2018, nuovo bando per Pmi e spinoff hi-tech Impact Connected Car: fino a 60mila euro a fondo perduto per 60 Pmi Agroalimentare campano in Mostra a Gustus, via al bando per le Pmi: domande entro il 31 ottobre Dai giovani alle imprese: ecco la Manovra del Governo per il Sud Zone economiche speciali, De Vincenti: Campania molto avanti nelle proposte Fondazione Idis, Cgil: Regione assente, salta L'incontro Anm, De Luca: Regione darà 58 mln per i prepensionamenti De Luca su codice Anticorruzione: E' una vergogna Porto di Salerno, Gallozzi: Preoccupati dal blocco delle opere Unione Industriali di Napoli, lunedì la presentazione della partnership con Elite Mediterraneo, Rapporto Srm: crescono i Paesi dell'area Mena, nuove opportunità per le Pmi del Sud Il “guastatore” e l'instabilità del sistema di potere L'importanza di un'Europa unita dall'industria E-Distribuzione porta la rete elettrica hi-tech in provincia di Avellino Carceri, il Garante dei detenuti: In Campania mancano 400 agenti L'apertura culturale dell'innovazione aperta Cpl, convenzioni con Consip per la fornitura di energia a Campania e Lazio Intimissimi sbarca negli Usa: primo store a New York Dario Oropallo rappresentante del Comune nella Fondazione Banco Napoli Confindustria, Boccia: Uniti con i nostri colleghi tedeschi nel chiedere politiche di sviluppo L'ambasciatore giapponese sui piani di Hitachi Rail, interesse crescente per la Campania All'ambasciata spagnola di Roma il punto sul conflitto con la Catalogna Real Sito di Carditello, accordo con il Touring Club per la promozione della Reggia Busitalia si rinnova: da oggi 24 nuovi mezzi per la flotta di Salerno Anm, accordo raggiunto "con riserva" dei sindacati Suor Orsola Benincasa, oltre 700 partecipanti alla prima edizione dei Job Days Campi Flegrei, individuata la “zona calda” che causò i terremoti degli anni Ottanta BL è a mille, successo per il nuovo store di Claudia Catapano Penisola Sorrentina, riconoscimento speciale all’artista sannita Giuseppe Leone Totò, a New York un docufilm dedicato al principe della risata "Fantasy Day", quattro giorni di eventi a Villa Bruno Ettore Mocella riconfermato alla guida di Confartigianato Campania Confindustria Benevento, successo per "Visit Beneventum" al Ttg di Rimini Il mercato del gioco online: i trend del 2017

kimbo shop ildenaro 016

Inchiesta Caserta, stanotte Iovine libero ma arriva ordinanza

Un nuovo provvedimento di carcerazione è stato emesso dal Gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) a carico dell'ex direttore sanitario dell'ospedale di Caserta Carmine Iovine, cugino di Antonio Iovine, boss dei Casalesi oggi divenuto collaboratore di giustizia. L'ex dirigente ospedaliero era finito al carcere di Santa Maria Capua Vetere il 20 luglio scorso per vari reati, tra cui corruzione e turbata libertà degli incanti, ma sarebbe tornato libero dalla mezzanotte di oggi a causa dell'inefficacia della prima ordinanza. Era stato il Tribunale del Riesame di Napoli a dichiarare inefficace il provvedimento per ragioni formali, a causa di un difetto di notifica dell'udienza, da parte del carcere di Santa Maria Capua Vetere, ad uno dei difensori nominati da Iovine (difeso da Bernardino Lombardi ed Emilio Martino). Alla mezzanotte di oggi sarebbe scaduti i termini, e Iovine sarebbe tornato completamente libero. Ma già lunedì scorso, dopo l'udienza al Riesame, il pm Carlo Fucci, titolare dell'indagine insieme a Giorgia De Ponte, si è attivato subito presentando una nuova richiesta; ad occuparsene è stato il Gip Erminio Minio che, ravvisando la sussistenza delle stesse esigenze cautelari accertate dalla prima ordinanza, ha emesso in pochi giorni l'ordinanza bis scongiurando la scarcerazione di Iovine. L'ex direttore sanitario dell'ospedale di Caserta era stato arrestato dagli uomini della Dia nell'ambito di un'inchiesta che aveva accertato un giro di appalti truccati all'ospedale di Caserta in cambio di tangenti o favori, tra soldi, buoni benzina o assunzioni. "Dominus" del sistema, per gli inquirenti, era proprio Iovine, che già nei mesi scorsi aveva evitato il carcere dopo che per ben due volte il Gip aveva rigettato la richiesta di misura cautelare a suo carico. Nell'indagine risultano coinvolti oltre dieci tra funzionari e dipendenti dell'ospedale; la struttura sanitaria è reduce da due anni di commissariamento - terminati nello scorso mese di marzo - dopo lo scioglimento disposto nel 2015 per infiltrazioni camorristiche.