Log in
NEWS
Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese Erasmus giovani imprenditori global: le domande entro il 30 agosto Scavi di Pompei, ieri guasto all'impianto di illuminazione: le visite notturne riprendono Anche questo sarà il nostro tempo La consistenza dell’intangibile Torre del Greco, sciolto il Consiglio: arriva il commissario Attentato Barcellona, a Napoli bandiere a mezz'asta a Palazzo S. Giacomo La lezione di Roosevelt: un New Deal per l'Italia Ad ogni opera d'arte il giusto tipo d'esposizione Attacco terroristico a Barcellona: furgone contro la folla sulla Rambla, morti e feriti Guardia Sanframondi, ordinanza del sindaco: No a cellulari e filmati per il rito dei Flagellanti Il volo dell'angelo della console Usa a Napoli Il consolato d'Australia porta "Troppo Napoletano" ad Adelaide Luigi Mercogliano nominato nella direzione regionale di Fdi-An Parco Archeologico di Ercolano, visitatori in aumento: + 16,70% rispetto al 2016

kimbo shop ildenaro 016

Inchiesta Caserta, stanotte Iovine libero ma arriva ordinanza

Un nuovo provvedimento di carcerazione è stato emesso dal Gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) a carico dell'ex direttore sanitario dell'ospedale di Caserta Carmine Iovine, cugino di Antonio Iovine, boss dei Casalesi oggi divenuto collaboratore di giustizia. L'ex dirigente ospedaliero era finito al carcere di Santa Maria Capua Vetere il 20 luglio scorso per vari reati, tra cui corruzione e turbata libertà degli incanti, ma sarebbe tornato libero dalla mezzanotte di oggi a causa dell'inefficacia della prima ordinanza. Era stato il Tribunale del Riesame di Napoli a dichiarare inefficace il provvedimento per ragioni formali, a causa di un difetto di notifica dell'udienza, da parte del carcere di Santa Maria Capua Vetere, ad uno dei difensori nominati da Iovine (difeso da Bernardino Lombardi ed Emilio Martino). Alla mezzanotte di oggi sarebbe scaduti i termini, e Iovine sarebbe tornato completamente libero. Ma già lunedì scorso, dopo l'udienza al Riesame, il pm Carlo Fucci, titolare dell'indagine insieme a Giorgia De Ponte, si è attivato subito presentando una nuova richiesta; ad occuparsene è stato il Gip Erminio Minio che, ravvisando la sussistenza delle stesse esigenze cautelari accertate dalla prima ordinanza, ha emesso in pochi giorni l'ordinanza bis scongiurando la scarcerazione di Iovine. L'ex direttore sanitario dell'ospedale di Caserta era stato arrestato dagli uomini della Dia nell'ambito di un'inchiesta che aveva accertato un giro di appalti truccati all'ospedale di Caserta in cambio di tangenti o favori, tra soldi, buoni benzina o assunzioni. "Dominus" del sistema, per gli inquirenti, era proprio Iovine, che già nei mesi scorsi aveva evitato il carcere dopo che per ben due volte il Gip aveva rigettato la richiesta di misura cautelare a suo carico. Nell'indagine risultano coinvolti oltre dieci tra funzionari e dipendenti dell'ospedale; la struttura sanitaria è reduce da due anni di commissariamento - terminati nello scorso mese di marzo - dopo lo scioglimento disposto nel 2015 per infiltrazioni camorristiche.