Log in
NEWS
Scuola del gusto di Torrecuso, De Luca: Pil campano cresciuto grazie all'agricoltura Giappone, il sistema Italia al Tourism Expo 2017 Alimentare, De Luca: Nessuna disputa, la mozzarella è campana Scuola del gusto di Torrecuso, Del Basso De Caro: Facciamo cose concrete Regione, De Luca: A S. Agata dei Goti un polo oncologico d'eccellenza Puliamo il mondo, per il progetto di Legambiente chiusura sul Vesuvio Imbavagliati, dal festival del giornalismo civile l'appello per Giulio Regeni e Ilaria Alpi M5s, Fico: Di Maio non è il capo del Movimento Università, Verdi: invalidare il test di ingresso in Medicina La filosofia incontra il cinema in Floridiana Confagricoltura, confronto a Benevento sul caso cinghiali: passare dall'emergenza alla gestione ordinaria Salerno, De Luca a Minniti: Invii gli agenti dei corpi speciali Avvocati, prima vittoria del sannita Lizza nel ricorso del Corpo Forestale contro la legge Madia M5s, inizia l'era Di Maio: eletto candidato premier, sarà anche il leader del movimento Ap, Barone: in Campania pronti con qualunque sistema elettorale Sacrificio di Salvo D'Acquisto, i carabinieri commemorano il 74° anniversario Ambiente, Premio San Michele a "L' Oro di Capri" Enel avvia la produzione in Brasile dei due parchi solari più grandi del Sud America Piano ospedaliero e territorio, lunedì a Napoli il ministro Lorenzin Infezioni cutanee, la scoperta made in Italy: così l'organismo le combatte in due mosse Capodimonte, riaprono i prati della Reggia per le Giornate Europee del patrimonio Boom ecobonus: 2,8 milioni di italiani pronti a ristrutturare casa Napoli, via al Bilancio consolidato 2016: stop al divieto di assunzioni Baroque Park, a Villa Bruno viaggio nel mondo dei libri Treno storico Napoli-Pietrelcina, De Luca e Moretti al viaggio inaugurale: Mantenuti gli impegni Incendi, nasce la filiera della prevenzione Aib Confapi Napoli, Falco: serve un'Agenzia per lo sviluppo del Mezzogiorno Napoli, successo per gli Itinerari Unesco al Wtu di Siena Capri, referendum per il futuro di via Krupp: via alla raccolta firme Cooperazione interregionale, nuovo bando Ue da 60 milioni Forza Italia, entra l'ex Idv Di Nardo: Nessun tradimento, torno a casa Festival di Bari sulle buone pratiche delle città europee. C'è anche Napoli Ryanair cerca il riscatto. In inverno nuovi collegamenti Napoli-Malta Conti pubblici: così i derivati possono affossare il bilancio dello Stato Musica, parata di stelle a Roma per "Napoli nel Cuore"

kimbo shop ildenaro 016

Incendi, in fiamme un terzo dell'Oasi Astroni

"L'incendio iniziato mercoledì scorso nell'oasi di Astroni a Napoli ancora non è domato: il tesoro di natura custodito nel cratere continua a bruciare". E' quanto denuncia in una nota il Wwf Italia. "Dopo giorni di fuoco e di tentativi di spegnimenti le fiamme hanno divorato più di un terzo della Riserva ed in particolare la parte più alta, che è caratterizzata da macchia mediterranea e da un'importante lecceta - continua - Adesso le fiamme si stanno pericolosamente avvicinando verso la parte bassa del cratere che è anche l'area più pregiata, che si trova man mano che si scende verso il fondo del crarere, dove è presente anche un lago. Nel cratere, infatti, la distribuzione altitudinale della vegetazione si presenta invertita (inversione vegetazionale) rispetto a quanto avviene normalmente: risalendo dal fondo verso la sommità del cratere l’umidità diminuisce sensibilmente, dando origine a condizioni di aridità che consentono lo sviluppo della macchia mediterranea dominata da leccio, mirto, lentisco, fillirea, ginestra e alaterno.A differenza di ieri quando sono stati impiegati un canadair e un elicottero pesante oggi, a causa dell'indisponibilità di velivoli, sulla riserva sta operando solo un elicottero più piccolo che non riesce a fare interventi risolutivi sull'incendio. È stato quindi richiesto nuovamente l'invio almeno di un canadair".  L'Oasi degli Astroni, in prossimità di Pozzuoli e dei Campi Flegrei, è un giardino segreto nel cuore di Napoli. Il grande cratere vulcanico (generato da una serie di sette eruzioni vulcaniche avvenute tra 4.100 e 3.800 anni fa) è l'ultima testimonianza dell'antico manto forestale che avvolgeva la provincia di Napoli e il bosco secolare che ne ricopre il fondo rappresenta oggi un importante polmone verde alle porte della città, dove nidificano 5 specie di rapaci.