Log in
NEWS
Accordi di Programma Quadro, oggi la firma per Campania e Calabria Unisa, accordo con l'Antimafia: da Salerno software innovativi contro la criminalità Napoli, approvato in Giunta l'assestamento di bilancio: da Imu e Consip maggiori entrate per 11 mln Evasione fiscale, Campania e Calabria regine del sommerso Marina d'Atechi crocevia della flotta mediterranea dei maxi yacht Histos, InSymbio e SpineSolution: tre startup campane in finale per il Premio Marzotto Rbd, nuovo cda per completare il piano di risanamento Lungo “i percorsi dell’anima” con l’Accademia Musicale Napoletana Povertà, in Campania e Puglia più del 45% delle famiglie a rischio esclusione Agenzia Cooperazione allo sviluppo: 4,8 mln per nuove idee imprenditoriali Bagnoli, nuova convocazione per la Cabina di regia: riunione il 4 agosto Torre Annunziata, nominata la nuova Giunta: vicesindaco Gaetano Veltro San Giovanni Bosco, nuova denuncia dei Verdi: pronto soccorso infestato dalle blatte Nuovo look per il Teatro Bracco: cult della tradizione e pièce nazionali Tra siccità e rete "colabrodo": la mappa dell'emergenza idrica in Campania Federterme, vertice a Roma per il rilancio di Castellamare di Stabia Camera di Commercio di Salerno, presentato il piano Trasparenza e Anticorruzione Ctp, via libera a ricapitalizzazione da 12 mln Alberghi, record di strutture all'asta. In Campania sono 13 Credito alle Pmi, Liverini: Benevento tra le prime provincie in Italia Bagnoli, la cabina di regia potrebbe slittare ad agosto Trenitalia lancia la card per visitare i musei Project managment, 5mila € alle migliori tesi di laurea Trasporti, Di Scala convoca in Commissione regionale le Compagnie di navigazione Umberto Vitiello nuovo presidente del Gruppo Giovani Acen Alberghi all'asta: impennata al Nord, in Campania cessioni dimezzate Giovani ricercatori, premi fino a 10mila € Opere incompiute, sprint della Campania Cise, battesimo ufficiale. Campania è Hub dello sviluppo Accordi di programma, domani la firma tra Governo e Campania Consiglio regionale approva documento di bilancio Confindustria, nasce “Campania digital Innovation Hub" Medici, c'è tempo fino al 28 luglio per recuperare Irap non dovuta Musica popolare, torna a Vallo della Lucania FestMed Imprese, +36 mila tra aprile e giugno: il bilancio migliore in Campania (+5.807)

kimbo shop ildenaro 016

Nuovo procuratore di Napoli, testa a testa Melillo-Cafiero De Raho

Si chiede ad entrambi, dalle opposte "fazioni", un passo indietro paventando future nomine, ma Federico Cafiero de Raho e Giovanni Melillo, sono due uomini vecchio stampo, magistrati che non amano i compromessi e dunque nessuno ha intenzione di mollare: e' cosi' che la corsa per la guida della Procura di Napoli diventa l'ennesimo rebus per il Consiglio Superiore della Magistratura. Due alti profili istituzionali, profondi conoscitori del territorio, per anni in servizio a Napoli prima da sostituti poi da aggiunti: entrambi coordinatori della Direzione distrettuale antimafia quando l'alloca capo dei pm Giovandomenico Lepore aveva deciso di distribuire le deleghe della malavita organizzata a seconda del territorio dove insistevano gli affari illeciti. Percorsi professionali comuni e indiscutibili che hanno preso strade diverse quando Federico Cafiero de Raho e' stato nominato Procuratore Capo a Reggio Calabria e Giovanni Melillo e' diventato invece capo gabinetto del Ministro della Giustizia Andrea Orlando, incarico poi lasciato per diventare sostituto procuratore generale presso la Corte d'appello di Roma. I due magistrati che ora vorrebbero guidare la Procura dove hanno trascorso anni e conseguito importantissimi risultati investigativi, sono testa a testa nel confronto che dovra' portare alla nomina. Nella quinta commissione del Csm, competente per l'assegnazione degl'incarichi direttivi, Cafiero De Raho ha ricevuto tre voti (Cananzi, Forciniti e Forteleoni) cosi' come Melillo (Fracassi, Zanettin e Balducci). Per risolvere lo stallo, a entrambi i candidati, in cambio di un passo indietro dell'uno o dell'altro, sarebbe stata assicurata la nomina a Procuratore Nazionale Antimafia, poiche' ad ottobre Franco Roberti lascera' per raggiunti limiti d'eta'. Nulla da fare, ne Melillo ne Cafiero intendono cedere su Napoli o stringere patti per il futuro, che tra l'altro potrebbero non essere rispettati per una serie di variabili e di altre candidature che pure arriveranno per la Dna. Come si risolve lo stallo? La ricerca dell'unanimita', utile a dare pieni poteri a un nuovo Procuratore, sara' di difficile attuazione, dunque le diplomazie sono a lavoro e a giorni e' atteso il verdetto finale che spettera' al plenum del Consiglio Superiore della Magistratura.