n63

Log in
NEWS
Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto Orizzonti di pace Wine&Thecity 2017, chiusura con danze e luci su Palazzo San Giacomo Sapa, workshop a Torino: fatturato da 130 mln, occhio a sicurezza e ambiente Contratti di Sviluppo, intesa da 325 milioni di euro Regione, Alfieri: Psr, entro l'estate bandi per 245 milioni di euro Kinder porta a Napoli il progetto S3 Volley Studio choc del Pascale: Chi non ha i soldi muore più facilmente di tumore dilizia non residenziale, affari d'oro in Campania nel 2016 Trenitalia, il supertreno da 900 posti esordisce sulla Napoli-Torino Trasporti, da giugno nuovi collegamenti Benevento-Roma Unione Industriali Napoli, missione ad Arezzo per i Giovani Imprenditori UniPegaso Spiderman protagonista della nuova campagna promozionale

kimbo shop ildenaro 016

Stefania Brancaccio prima firmataria di una lettera aperta contro la denatalità

Stefania Brancaccio Stefania Brancaccio

 

L'imprenditrice napoletana Stefania Brancaccio (Coelmo) continua la sua battaglia a sostegno delle donne e si fa portavoce di un appello al Governo e alle istituzioni per chiedere misure concrete contro la denatalità. "Noi firmatari di questa lettera aperta - dice la Brancaccio - chiediamo, nella giornata del 22 aprile dedicata alla salute della Donna, al Consiglio ed al Governo Regionale della Campania di voler assumere un impegno, al quale ciascuno di noi per le proprie competenze si dichiara sin d’ora pronto a cooperare, per l’analisi e la rimozione delle cause sociali, economiche, sanitarie e ambientali che, attualmente, non consentono a tante Donne della nostra Regione, di poter avere, in base alla loro libera scelta, dei figli".
La natalità in Italia mostra negli ultimi anni, dopo una ripresa legata quasi esclusivamente alla presenza degli immigrati, un calo drammatico con 1,35 figli/donna. Negli ultimi venti anni la Campania ha indicatori di fecondità in calo costante e come dimostrato dalla tabella ricavata dai dati ISTAT nel 2015 le donne campane hanno avuto in media 1,33 figli, per la prima volta al di sotto della media nazionale. Il preoccupante fenomeno di “denatalità” ha cause molteplici e non futili, quali le sfavorevoli condizioni socioeconomiche che si manifestano attraverso la difficoltà di accesso al mondo del lavoro e una nuova impetuosa tendenza migratoria, che spinge i giovani campani ad abbandonare il nostro territorio, oltre che un calo della fertilità di coppia per fattori ambientali e stili di vita, che in alcune aree critiche della nostra regione possono avere un importante impatto In passato le regioni meridionali e la Campania in particolare, sono state rappresentate come territori con una grande propensione per la creazione di nuclei familiari con molti figli. Questa idea è da affidare, ormai, all’iconografia cinematografica in quanto non corrispondente alla realtà attuale. Il dato è, a dir poco, allarmante, perché indica un declino della popolazione che, se non dovessero mutare le condizioni, porterebbe la nostra Regione al di sotto dei 5 milioni di abitanti entro il 2050, con un insostenibile invecchiamento della popolazione residente e le inevitabili conseguenze di carattere sociale, economico e sanitario.