Log in
NEWS
Canada, Calenda: Con l'accordo Ceta vantaggi per Pmi e cittadini europei Interporto Sud Europa, confronto tra aziende di logistica e Its: si punta sulla formazione Welfare, via al riparto del fondo sociale 2017: più di 28 mln alla Campania Agroalimentare, De Luca inaugura la Scuola del Gusto a Torrecuso Eav, da ottobre secondo agente sui bus a Bacoli e Castellammare Napoli, Palladino al sindaco: Rom, belle parole ma seguano i fatti L'ambasciatore algerino invita le aziende campane al Forum di Pescara L'Ambasciata italiana e i festeggiamenti di San Gennaro negli Usa Palumbo Group, Isa Yachts vende il nuovo superyacht di 65 metri Energie per l'Italia, parte il tour campano. Parisi: Pronta la squadra Criminalità, Gabrielli: Profondo senso di insicurezza sociale nel Paese Formazione manager, prosegue il corso in Campania Cultura, dal Mibact 132 mln per i Grandi progetti: fondi a Capodimonte, Reggia di Caserta e Catacombe di Napoli Napoli, da capitale morale a nobile fiaba San Giorgio a Cremano, i ritratti di Noschese e Troisi sui muri della Stazione Circum Allerta attentati, made in Campania l'app per gestire le operazioni di soccorso Prosciutto di Parma, in Giappone tutela per il marchio: è la prima volta di un prodotto straniero Gruppo Trevi, nuove commesse all'estero per 75 mln dollari Fondazione con il Sud, Nuove Generazioni: in arrivo il bando da 60 milioni E-Distribuzione, a Secondigliano componenti hi-tech per la rete Fincantieri, appello al Governo della Fim Cisl: Si salvaguardi l'industria italiana Mehta al San Carlo con "Fidelio", Bergamasco sul palco Lavoro, Inps: nei primi 7 mesi assunzioni stabili giù del 4,6% Porto Marina d'Arechi, a Genova con numeri record: +22%. Gallozzi: Avanti così Ciclofficina solidale, in bici alla scoperta dell'Oasi di Frassineto Test di Architettura al Politecnico di Milano, dall'Università della Campania record di candidati idonei Un esoscheletro in 3D al posto del gesso: il Santobono di Napoli fra i vincitori dell'Innova S@lute 2017 Almaviva Napoli, elezioni delle Rsu: la Cgil conquista la maggioranza La periferia di Napoli su "Le Monde": Scampia lontana dai cliché mafiosi Mdp, dal 27 settembre a Napoli la prima festa: è dedicata al lavoro Sepe alla messa per San Matteo, patrono della Guardia di Finanza Porto Marina d'Arechi, Boccia ospite dello stand al Salone Nautico di Genova "Veleno", a Casal di Principe la presentazione del film sulla vera storia della Terra dei Fuochi Olio Dante partecipa all'Atelier della Salute per promuovere uno stile di vita sano Alessandro Paola nuovo comandante dei Vigili del Fuoco di Livorno

kimbo shop ildenaro 016

Appalti per Tangenziale di Napoli ai clan, 5 arresti

 

 I carabinieri del Noe di Caserta e del Ros di Napoli hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare a carico di 5 persone indagate per turbata libertà degli incanti e intestazione fittizia di beni con l'aggravante mafiosa in relazione a gare d'appalto per la manutenzione del tronco autostradale della tangenziale di Napoliper un valore di 1,6 milioni di euro. Si tratta di un imprenditore ritenuto vicino al clan dei Casalesi, due suoi figli e di due funzionari della Tangenziale di Napoli Spa. Per quattro persone sono stati disposti i domiciliari, e per una il carcere. Ai domiciliari sono finiti due funzionari della Società Tangenziale di Napoli Spa, Francesco Caprio (tecnico di gestione dei contratti) e Paola Ciccarino (addetta alla segreteria dell'unità affari societari e legali della società) che avrebbero agito fraudolentemente nella formazione degli atti di gara al fine di favorire l'impresa edile CO.GE.PI. srl dei fratelli Piccolo, ritenuti vicini al clan Zagaria; l'azienda si aggiudicò i lavori appaltati nel 2015. L'unica misura in carcere ha riguardato l'imprenditore ritenuto titolare di fatto della Cogepi, Antonio Piccolo, già detenuto dopo essere stato arrestato due anni fa nell'ambito dell'inchiesta della Dda di Napoli sui lavori di metanizzazione eseguiti in Campania dalla Cpl Concordia; in particolare Piccolo, come riferito anche dal collaboratore di giustizia Antonio Iovine, ex capoclan dei Casalesi, si aggiudicò i lavori nel comune di Casapesenna. Ai domiciliari sono poi finiti i figli poco più che ventenni dell'imprenditore, Michele e Iolanda Piccolo, che rispondono di intestazione fittizia di beni risultando come i formali proprietari della Cogepi. Quest'ultima, è emerso, fu creata nel luglio 2013 e assorbì la Coigas srl di Antonio Piccolo e la Agm Costruzioni Spa di Giovanni Piccolo, fratello di Antonio, deceduto nel settembre 2015. Il Ros ha sottoposto a sequestro preventivo quote sociali della Cogepi per un valore di 700mila euro.