Log in
NEWS
Carri di grano di Foglianise, successo per la sfilata dedicata alle zone terremotate Ravello for Africa, un concerto per il Burkina Faso Ferragosto, oltre 6200 visitatori al Museo di San Gennaro A Pompei nasce la "palestra per la legalità" Universiadi, delegazione campana a Taipei: presentato il report per Napoli 2019 Confapi Napoli, Falco: Male la Regione sui Fondi Ue Inchiesta Consip, torna libero Romeo: era ai domiciliari dal 4 luglio Regione, 10 milioni per i piani di efficientamento energetico delle Pmi: pubblicata la delibera Incendi: ancora fiamme sul Monte Faito, rogo a Maiori Libri, Amazon: Milano regina della lettura, male Napoli Ritorno alla Serenissima Pil, nel II trimestre +0,4% e +1,5% sull'anno: è l'aumento più alto da sei anni Eventi storici, una proposta di legge per valorizzare i più celebri palii italiani Napoli, De Magistris su Fb: Ferragosto giornata di solidarietà e integrazione Napoli, rifiuti e degrado in centro: la protesta dei residenti Ferragosto, boom di presenze al Museo di San Gennaro Ferragosto, più di 3mila alle visite guidate al S.Carlo Università, Sapienza prima in Italia: Federico II fuori dalla top 6 Regione, pubblicato il Piano strategico per l'internazionalizzazione: ecco il documento Quarto, presidio per riaprire Montagna Spacccata Canale 21, la programmazione per Napoli-Nizza Ambiente, 15 mln alle isoli minori per progetti di sostenibilità Miss Mondo Italia, tre napoletane sul podio della prima tappa regionale Meeting di Rimini, attesi sei ministri e tanti altri big: faccia a faccia Boccia-Furlan Torre del Greco, la maggioranza col sindaco arrestato: Dimostrerà la sua innocenza Reggia di Caserta, apertura straordinaria a ferragosto Ambiente, consumo del suolo e abusi: male la Campania Napoli, de Magistris su Fb: Azione forte e strutturale per la città Roghi, la condanna del Vescovo: Incendiari assassini, almeno l'Isis rivendica Teatro San Carlo, visite guidate e prove a Ferragosto Ambiente, un terzo della superficie bruciata nel 2017 è di valore naturalistico: Campania tra le più colpite Fca, cinesi pronti a rilevare l'azienda del Lingotto? Ddl Concorrenza, novità per professioni e imprese: ecco tutte le misure Pollena Trocchia, aperte le iscrizioni per l'asilo nido: struttura in funzione da metà settembre Capri, a ferragosto niente vetro ed alcol in spiaggia

kimbo shop ildenaro 016

Latte, da domani in vigore l'obbligo di etichettatura d'origine: la soddisfazione di Coldiretti

“Un passo avanti storico si compie domani con l’entrata in vigore dell’etichettatura di origine obbligatoria per latte e derivati. Una battaglia che Coldiretti ha portato avanti nell’interesse generale, per ottenere un giusto prezzo per gli allevatori e per garantire ai consumatori una scelta consapevole e informata su quello che mangiano”. È il commento di Gennarino Masiello, vicepresidente nazionale di Coldiretti e presidente della federazione regionale della Campania, alla vigilia dell’entrata in vigore del decreto “Indicazione dell'origine in etichetta della materia prima per il latte e i prodotti lattieri caseari, in attuazione del regolamento (UE) n. 1169/2011 firmato dai ministri delle Politiche Agricole Maurizio Martina e dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.15 del 19 gennaio 2017. “L’etichettatura di origine obbligatoria – spiega Masiello – consentirà di salvaguardare le nostre produzioni dalle truffe e dai falsi che arrivano sul mercato magari con tanto di marchio made in Italy. Oltre al latte, non basterà scrivere su una mozzarella o un formaggio ‘fatti in Italia’, ma sarà necessario indicare anche il paese di mungitura”.

Con l’etichettatura di origine obbligatoria per il latte a lunga conservazione e dei suoi derivati si realizza un altro passo importante nella direzione della trasparenza dell’informazione ai consumatori in una situazione in cui però 1/3 della spesa degli italiani resta anonima. L’Italia è diventato il più grande importatore mondiale di latte – precisa Coldiretti – e fino ad ora dalle frontiere italiane sono passati ogni giorno 24 milioni di litri di “latte equivalente” tra cisterne, semilavorati, formaggi, cagliate e polveri di caseina, per essere imbustati o trasformati industrialmente e diventare fino ad ora magicamente mozzarelle, formaggi o latte italiani, all’insaputa dei consumatori. L’assenza dell’indicazione chiara dell’origine del latte a lunga conservazione, dei formaggi o dello yogurt non ha consentito di conoscere un elemento di scelta determinante per le caratteristiche qualitative, ma impedisce anche ai consumatori di sostenere le realtà produttive nazionali e con esse il lavoro e l’economia del vero Made in Italy.