Log in
NEWS
Trasportatore di glucosio e rischio diabete: la scoperta di un team italiano Vincenzo Scatola nominato commissario di FareAmbiente per Napoli e provincia Premio Troisi 2017, tre mesi di eventi nel segno della sobrietà Lotta al tabagismo, approvata la nuova legge regionale Trasporti, via libera della Regione alle agevolazioni per gli studenti di Ischia Lavoro, presidio degli Lsu fuori alla sede del Consiglio regionale Mobbing, approvata in Consiglio la nuova legge regionale Campania, definite le aree di crisi industriale complessa. Lepore: Grande opportunità per la ripresa Consorzi Asi Avellino e Salerno, via libera del Consiglio regionale al nuovo regolamento Giovani ingegneri, c'è l'intesa per i tirocini al Comune di Scisciano Neuromed, a Caserta il primo polo di robotica sanitaria del Sud Fincantieri, consegnata la nave militare di nuova generazione alla Marina Usa Obesity day, in Campania bimbi in sovrappeso: giornata di prevenzione al Santobono-Pausilipon Paola De Martini nuova group head of tax di Msc Giuseppe Menna nuovo comandante della Capitaneria di Porto di Salerno Il colonnello Andrea Mazzotta a capo delle operazioni dell'Esercito in Campania e Terra dei Fuochi Quando il gioco si fa duro gli italiani iniziano a giocare Come creare un logo risparmiando denaro e tempo C come comunicazione: irrinunciabile principio della buona gestione Alla fine è sempre la povera gente, credulona e sprovveduta, a pagare il conto Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani

kimbo shop ildenaro 016

Camorra, scarcerato Carmine Zagaria: paura a Casal di Principe

Casal di Principe a due volti, oggi: la memoria per l'anniversario dell'assassinio del parroco Peppe Diana, avvenuto 23 anni fa, e i timori per la scarcerazione, avvenuta ieri, di Carmine Zagaria, fratello del capoclan dei Casalesi Michele Zagaria. Carmine Zagaria è tornato in libertà perché ha scontato la pena a 8 anni di carcere per associazione mafiosa. A suo carico non ci sono altre pendenze, se si eccettua l'appello promosso dalla Dda contro l'assoluzione ricevuta nel processo per l'estorsione all'imprenditore Roberto Battaglia; il fratello del boss, qualche mese fa, è stato inoltre assolto nell'ambito del processo per le infiltrazioni del clan Zagaria nel centro commerciale Jambo di Trentola Ducenta (Caserta). Il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, oggi a Casal di Principe per l'anniversario dell'omicidio di don Diana, commenta: "La scarcerazione è un segnale negativo per questo territorio e per i tanti cittadini che si battono contro i clan, che si aggiunge alla decisione di chiudere la caserma della Squadra Mobile a Casal di Principe e alla circostanza che molti familiari di vittime innocenti dei clan non abbiano ottenuto il riconoscimento dello Stato. Non credo che una scarcerazione possa far rialzare la testa al clan, perché sono certo che i magistrati e le forze dell'ordine interverranno, come hanno sempre fatto. È lo Stato che deve andare nella direzione di rendere più repressive le pene attraverso leggi ad hoc. Purtroppo ciò non sta accadendo, anzi le maglie si allargano". Molto preoccupato è l'ex sindaco di Casapesenna Gianni Zara, che Michele Zagaria avrebbe voluto far uccidere dai propri uomini nel 2009; il progetto di attentato è emerso due settimane fa durante il processo in corso al tribunale di Santa Maria Capua Vetere in cui Zara è parte offesa, mentre gli imputati sono il boss e un altro ex sindaco di Casapesenna ritenuto legato alla cosca, Fortunato Zagaria (solo omonimo del capoclan). "Sono molto preoccupato - afferma Zara - perché questa scarcerazione potrebbe portare ad una riorganizzazione di un clan che sembrava quasi sconfitto. Gli Zagaria hanno distrutto questo territorio e lo stanno ancora rovinando". "Siamo preoccupati - sostiene il referente di Libera Caserta Gianni Solino - ma credo e spero che la cosca non si ricostituisca dopo i tanti arresti di questi anni".