n63

Log in
NEWS
Cai, Napoli capitale della montagna: c'è l'assemblea nazionale Mann, flash mob per dire no alla sentenza del Tar Università di Salerno, occhialini 3D per il piano formativo in live surgery Napoli, il ministro Orlando a de Magistris: Noi attenti alla città Ariano International Film Festival, presentata a Cannes la V edizione Napoli, cambia la giunta. Il sindaco: non c'è giudizio politico Napoli, de Magistris: Governo garantisca più risorse Bcc Napoli, bilancio di solidità Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto

kimbo shop ildenaro 016

Jobs act, Consulta dice no a referendum su art. 18, sì su voucher e appalti

La Consulta dice sì ai referendum proposti dalla Cgil sulla cancellazione dei voucher e sulla reintroduzione della piena responsabilità in solido di appaltante e appaltatore. La decisione dei giudici della Corte Costituzionale è arrivata dopo una riunione durata oltre due ore. Ammessi, dunque, due quesiti referendari su tre. Non ha passato l'esame dei giudici costituzionali, infatti, il quesito relativo all'articolo 18.

Solo nelle prossime settimane verranno pubblicate le motivazioni di questa sentenza, ma, a caldo, sono in molti a sospettare che la decisione sia stata influenzata da valutazioni di carattere politico. Il più esplicito a riguardo è il segretario della Lega Matteo Salvini che parla di "sentenza politica, gradita ai poteri forti e al governo". Roberta Lombardi twitta ironicamente: "Consulta boccia referendum su art.18. Ok, si vota nel 2018 quindi. Povera patria".

Difatti, se si fosse andati a votare sull’articolo 18, per molti sondaggi i «sì» avrebbero prevalso facilmente, e il governo in carica avrebbe rischiato di subire un’altra sconfitta, in grado di creare una crisi parlamentare paragonabile se non maggiore rispetto a quella successiva al referendum costituzionale. Anche per questo per evitare il referendum nel 2017 e rinviarlo di un anno si era pensato, come aveva rivelato involontariamente il ministro del lavoro Poletti, di ricorrere all'arma "atomica" delle elezioni anticipate. Questi ragionamenti politici sono stati di fatto completamente superati dalla sentenza. Senza più il quesito sull’articolo 18, particolarmente trainante, gli altri due referendum ammessi, sull’abolizione dei voucher e sulla responsabilità solidali in tema di appalti, rischiano perfino di non raggiungere il quorum di validità. E sugli stessi voucher, come aveva dichiarato il direttore dell'ispettorato nazionale del lavoro, Paolo Pennesi, lo stesso ministero sta pensando di praticare delle riforme.

Si esprimono favorevolmente alla decisione il PD, col senatore Andrea Marcucci che parla di "sentenza ineccepibile". Maurizio Lupi parla di "buona notizia", affermando che il quesito, così com'era formulato, avrebbe contribuito a far ritornare la legislazione sul lavoro "a un sistema rigido e senza flessibilità".

Significative le dichiarazioni della leader della CGIL, Susanna Camusso, che non considera chiusa la partita sull'articolo 18. “Continueremo la nostra iniziativa contrattuale e valuteremo di ricorrere alla Corte Europea, perché siamo convinti di aver rispettato le regole” per la presentazione del quesito referendario.