Log in
NEWS
Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese Erasmus giovani imprenditori global: le domande entro il 30 agosto Scavi di Pompei, ieri guasto all'impianto di illuminazione: le visite notturne riprendono Anche questo sarà il nostro tempo La consistenza dell’intangibile Torre del Greco, sciolto il Consiglio: arriva il commissario Attentato Barcellona, a Napoli bandiere a mezz'asta a Palazzo S. Giacomo La lezione di Roosevelt: un New Deal per l'Italia Ad ogni opera d'arte il giusto tipo d'esposizione Attacco terroristico a Barcellona: furgone contro la folla sulla Rambla, morti e feriti Guardia Sanframondi, ordinanza del sindaco: No a cellulari e filmati per il rito dei Flagellanti Il volo dell'angelo della console Usa a Napoli Il consolato d'Australia porta "Troppo Napoletano" ad Adelaide Luigi Mercogliano nominato nella direzione regionale di Fdi-An Parco Archeologico di Ercolano, visitatori in aumento: + 16,70% rispetto al 2016 Intesa Sanpaolo, a ferragosto oltre 4.000 visitatori a Palazzo Zevallos Aeroporti, l'Enac va avanti con la certificazione: Ok il 40% degli scali, c'è Napoli Morte garante detenuti, Palmieri: Amica delle persone fragili Morte Garante detenuti, E. Russo: Con lei la detenzione ha fatto progressi Periti industriali, Sansone: Pronti a collaborare per l’adeguamento degli impianti sportivi di Scampia Riforma Madia, altro stop sulla soppressione del Corpo Forestale: parola alla Corte Costituzionale Morte garante detenuti, Dap: Donna di grande valore Scavi di Pompei, al via il cantiere: entro il 2019 area interamente consolidata Regione, Caldoro: No agli aumenti gli stipendi dei manager della Sanità

kimbo shop ildenaro 016

Pianificazione e libertà individuale: l’innovazione aperta al bivio

 

I dirigenti del Bazar pianificano tutto. Non fanno di certo eccezione la ricerca e l’innovazione. Dietro la pianificazione dell’innovazione si cela l’istituzionalizzazione della ricerca. L’una e l’altra predeterminano agende di lavoro che restringono il campo di libertà dei ricercatori e degli innovatori. Come ha scritto Geoffrey E. R. Lloyd, professore emerito di Filosofia antica e della scienza presso il Needham Research Institute dell'Università di Cambridge,

….più la ricerca è istituzionalizzata, meno spazio ha l’individuo per produrre idee genuinamente innovative. Più il programma di ricerca gode della benedizione e dell’approvazione delle autorità, maggiore è la pressione ad operare in modo conforme al programma. L’ovvio pericolo è […..] che gli individui trovino sempre più difficile introdurre nuove idee, nonché suggerire nuove direzioni per il programma in sé (Lloyd, La curiosità nei mondi antichi, Donzelli Editore, 2003).

Sulla scia delle ricerche condotte da Lloyd, l’innovazione aperta è circoscritta da due culture: l’una è quella dell’antica Grecia più orientata verso la libertà della ricerca; l’altra, prevalente nell’antica Cina, più propensa verso l’istituzionalizzazione (il “supporto statale”, nelle parole di Lloyd).

Istituzionalizzare, quindi sottoporre a procedure burocratiche l’innovazione e sottomettere l’abilità degli individui alla devozione ai capi, corre il serio rischio di sboccare in risultati stagnanti: proprio l’opposto di ciò che s’intende perseguire con l’innovazione aperta. A quest’ultima è congeniale una comunità priva dell’autorità dei canoni in cui da dibattiti senza paletti sorgono conflitti cognitivi. I portatori di idee antagoniste competono tra loro per affermare il prestigio personale, ma nello stesso tempo contribuiscono a valorizzare la cooperazione affinché l’antagonismo non porti alla stagnazione. L’egoismo della competizione convive con l’altruismo della cooperazione. In questo loro operare, i protagonisti dell’innovazione aperta sono mossi dalla consapevolezza che, se decidessero di agire in isolamento, le loro idee potrebbero finire insabbiate. La defezione dalla cooperazione restringerebbe, infatti, i loro margini di manovra.