Log in
NEWS
Alla fine è sempre la povera gente, credulona e sprovveduta, a pagare il conto Tech day Ischia 4.0, tra realta aumentata e Li-Fi startup a confronto sul futuro del turismo Vertenza Ericsson, corsa contro il tempo per evitare 29 licenziamenti Vertenza Ericsson, l'assessore Palmeri all'azienda: Faccia dietrofront sui licenziamenti Pd, l'associazione Campania Domani di David Lebro aderisce al partito Anm, lunedì 2 ottobre stop di 24 ore al trasporto pubblico locale Osterie d’Italia 2018, a Riardo 400 osti a raccolta per la presentazione del volume Marotta nominato commissario di Alternativa Popolare a Salerno Eav, De Gregorio: Altro sciopero che non capisco A Marcianise "Carrefour in piazza" per sostenere iniziative benefiche Asi Caserta ospita il primo corso sulla prevenzione della corruzione Formazione Rsu e Tas, da venerdì via al corso Cisl a Napoli Premio Penisola Sorrentina, riconoscimenti a De Rossi e Branchetti Modelli 3D per testare le terapie antitumorali: ricercatrice campana premiata con l’Erc Starting Grant Ristorazione, in Campania 30mila imprese attive: vincono tradizione e qualità MozArt Box alla Reggia borbonica di Portici: apre Stefano Bollani Giornalisti, in Campania via al premio Ferrara: scadenza prorogata al 2 ottobre Docce fredde e pasti non graditi: protesta dei migranti a Salerno Ex Gepin, Palmeri: Un successo frutto di un grande lavoro di squadra Università Parthenope, a Napoli il Biwaes 2017: confronto sulla sostenibilità ambientale Sant'Antimo, udienza dal Papa per 17 allievi del Pestalozzi e il musicista Salvetti "Agente OO11" al via a Napoli: 5 giovani youtubers in missione per salvare il pianeta Java Academy, Innovaway alla ricerca di 100 tra analisti e programmatori Protom, più del 15% del fatturato 2011-2017 investito in progetti di ricerca Confindustria Salerno, domani la presentazione del programma Elite Regione, De Luca: Immigrati? Non dobbiamo aspettare che muoia qualcuno Media, 48mila imprese in Italia: Napoli terza con 2mila attività Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv Napoli: l'opposizione garantisce il numero legale, ricordata Adriana Tocco Abusi edilizi, De Luca propone legge in 5 articoli con carcere e sanzioni Aeffe lancia la nuova etichetta "Birra Margherita" Banca di Credito Popolare, porte aperte a Torre del Greco per la XVI edizione di “Invito a Palazzo” Canottaggio, Cambridge batte Oxford alla Reggia di Caserta "Capri, Hollywood": l'edizione 2017 è dedicata a Liz Taylor Festa della Ricerca: al Pascale porte aperte per una notte

kimbo shop ildenaro 016

Il falegname che salvò la navi inglesi e ispirò il primo viaggio sulla luna

Invitiamo gli abitanti del Bazar, piano piano, in punta di piedi, a intraprendere un viaggio in quattro tappe. Cominciamo con l’entrare nell'Inghilterra del '700.
Abbiamo tutti, sottobraccio, un libro scritto anni fa da una bravissima scrittrice di New York, Dava Sobel, e il libro si chiama “Longitudine - la storia di un genio solitario che risolse il più grande problema scientifico del '700”. L'Inghilterra allora era padrona dei mari, ma non padroneggiava il calcolo della longitudine.
 La misura era imperfetta, le navi affondavano, i carichi dispersi e il bilancio in vite umane era molto, molto pesante. Fu allora che il governo inglese decise di lanciare una gara.
Il vincitore, chi avesse trovato la soluzione adeguata, avrebbe ricevuto parecchi milioni di euro di oggi. Naturalmente, si presentarono alla competizione le persone dotate di grande conoscenza: gli astronomi, anzitutto. Nevil Maskelyne, l'astronomo reale,  fu l'arbitro della gara. Tutti i partecipanti dotati di tanta istruzione erano anche provvisti di un forte senso di responsabilità, preoccupati di commettere errori e  delle loro conseguenze.
Compulsavano le mappe della conoscenza acquisita, conducevano analisi e ricerche.
Non risolsero, però, il problema. Gli astronomi ritenevano che osservando le stelle, il movimento dei pianeti e dei satelliti fosse possibile rinvenire la soluzione.
Non fu così.
Tra i concorrenti c'era una persona formalmente poco istruita, un falegname che amava molto i meccanismi degli orologi del tempo. Si chiamava John Harrison. 
Ebbene, fu lui a trovare la soluzione, col cronometro marino: ma ci vollero decenni per ammettere che Harrison era dal lato giusto.
 Per gli astronomi, Harrison era persona poco istruita, un ignorante; non si poteva dargli credito. La forza dei fatti fu tale che Harrison vinse: intanto le navi affondavano. Neil Armstrong, non molti anni fa, in un bel discorso tenuto alla Casa Bianca in presenza del Presidente, affermava che senza Harrison e il suo cronometro non saremmo mai arrivati sulla Luna.
Quest'aneddoto, mirabilmente raccontato da Dava Sobel, porta a dire che probabilmente c'è della ragione in quello che sosteneva il grande critico e scrittore inglese William Hazlitt, che visse peraltro a cavallo tra '700 e '800.
Lui diceva che le persone poco istruite sono dotate di un'inventiva esuberante, sono libere da pregiudizi e hanno una varietà di concetti, doti che lui attribuiva a Shakespeare, persona formalmente poco istruita che fece cose mirabili; e contrapponeva Shakespeare a John Milton, l'autore del Paradiso Perduto, persona con grande sapere accademico, al pari degli astronomi che avevano perso la competizione con Harrison. 
 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.