Log in
NEWS
Consiglio regionale: manca numero legale, seduta sospesa Prevenzione rischio sismico in Campania, via libera del Consiglio alle Misure di semplificazione Regione, Todisco in aula al posto di Iannace: aderisce a Mdp Terra dei fuochi, Confapi: Sindaci parte civile nei processi contro i piromani Incendi, De Luca: Applicato il vecchio piano, ora va rafforzato Incendi, De Luca: Chiederemo una base canadair in Campania Beni immobili a imprese e coop under 40: on line la prima gara di "Cammini e Percorsi" Terra dei Fuochi, c'è l'intesa: stanziati 40 milioni Morto il pittore Marcello Mariani. Esordì a Napoli "Baraonda" ad Ariano Irpino: in scena il Festival della Solidarietà Tari, rincaro dell'1,1% in quattro anni: tassa più salata a Benevento e Salerno Napoli, su Bagnoli opposizioni all'attacco Terra dei Fuochi, caso in consiglio regionale. Espulsi i membri del M5S Eav, De Luca: Miracolo della giunta. Ma Forza Italia accusa Pietrelcina, "Jazz sotto le Stelle" tra musica e innovazione Napoli "incompiuta": per Restart Scampia lavori in corso dal 2006 Credito: in Campania cresce la richiesta di prestiti, giù i mutui Napoli, piano Bagnoli: salta il Consiglio comunale Incendi, da oggi a Torre del Greco tavolo permanente M5S Cooperazione scientifica nel Mediterraneo, a Napoli si presenta Prima Scenari economici e Milano Finanza 22 luglio 2017 LETTERA APERTA A TITO BOERI di Paolo Savona Incendi, domani audizione in Commissione Ambiente Contributi ai Partiti europei: domande entro il 30 settembre Al via Youth4Regions, contest Ue per giornalisti Start up sociali e under 35: 300mila € alle migliori idee Mozzarella surgelata, 56 parlamentari chiedono chiarimenti Metropolitana di Napoli, in parlamento il caso della "compatibilità" di Cascetta Siccità, la pioggia non basta. Solo l'11% "diventa" acqua Mutui, attesa media di 134 giorni. Il caso Campania Mostre, Biennale di San Leucio sceglie il tema "Terra Madre" Da Napoli un sistema che previene i danni da sisma agli edifici Rfi, in Campania nuovi sistemi informativi per i viaggiatori Giffoni Film Festival, Gubitosi: Ora collegamento Metro con Salerno Cooperazione scientifica nel Mediterraneo, a Napoli si presenta Prima Napoli, opposizioni diserteranno seduta consiliare su Bagnoli

kimbo shop ildenaro 016

Fondazione Con il Sud finanzia progetti per l'inclusione di immigrati

 

L’Iniziativa si rivolge a partnership composte da almeno tre organizzazioni di Terzo Settore - a cui potranno aggiungersi il mondo delle istituzioni, dell’università, della ricerca, dell’economia – per la presentazione di progetti in uno dei seguenti ambiti: inclusione lavorativa degli immigrati, attraverso inserimento professionale o avvio di esperienze di lavoro autonome; contrasto a tratta e sfruttamento sessuale, attraverso iniziative che affianchino e sostengano chi ne è vittima e permetta loro di raggiungere piena inclusione e integrazione sociale. Gli interventi dovranno prevedere il pieno coinvolgimento degli immigrati, valorizzandone competenze, relazioni e capacità di agire nella comunità in cui vivono. I progetti dovranno essere presentati entro il 15 settembre 2017 esclusivamente online tramite la nuova piattaforma “Chàiros” realizzata dalla Fondazione e accessibile dal sito www.fondazioneconilsud.it. La valutazione delle proposte terrà conto di aspetti come l’innovatività, la sostenibilità, il contributo in termini di opportunità di integrazione e di inserimento offerte agli immigrati, il partenariato coinvolto, la capacità di creare reti relazionali tra i soggetti più rappresentativi del territorio (famiglie italiane e straniere, associazioni di immigrati, volontariato e terzo settore, privato sociale e imprese for profit, privato sociale e servizi sociali, ecc.), modalità di comunicazione per condividere e diffondere iniziative potenzialmente esemplari per altri territori. Info e documentazione sono disponibili sul sito della Fondazione. Con la prima edizione dell’Iniziativa Immigrazione, promossa nel 2014, la Fondazione CON IL SUD ha sostenuto 13 progetti assegnando complessivamente 3,7milioni di euro.
In Italia vivono stabilmente 5milioni di persone di cittadinanza non italiana: siamo tra i primi 11 paesi ad accogliere il maggior numero di immigrati su scala internazionale. Quasi il 60% vive al Nord, il 25,4% al Centro, il 15,2% nelle regioni del Sud, specialmente in Campania (28,6% del totale). Queste percentuali, però, non tengono conto degli immigrati irregolari che, sulla base delle stime più attendibili (aggiornate ed elaborate dalla Fondazione ISMU nel suo Rapporto annuale sulle Migrazioni e riferite al 1° gennaio 2016) ammonterebbero a circa 435mila, l’8% degli stranieri regolari. A livello occupazionale gli immigrati sono impiegati, così come gli italiani, prevalentemente nel settore dei servizi collettivi e personali (29,8%), nell’industria (18,4%), nel settore alberghiero e della ristorazione (10,9%), nelle costruzioni (9,6%) e nel commercio (8,3%). Nell’insieme di questi settori è impiegato il 77% degli immigrati. Tuttavia, la retribuzione delle persone immigrate è inferiore del 30% rispetto a quella degli italiani, soprattutto per quanto riguarda le donne, aumentando la quota dei cosiddetti “lavoratori poveri” (essere un lavoratore povero significa avere una retribuzione inferiore a 2/3 del salario mediano calcolato su base oraria), di cui oltre il 40% del totale degli occupati stranieri fa oramai parte.
In linea generale, essere straniere espone le lavoratrici a maggiori rischi di essere impiegate in occupazioni a bassa remunerazione, in quanto poco professionalizzate e specializzate, e in settori dove prevalgono livelli retributivi più bassi della media (Fonte: Caritas e Migrantes. XXV Rapporto Immigrazione 2015;  Elaborazione su dati Istat).
A questo si aggiunge il fatto che spesso lo sfruttamento sessuale è il destino più comune (68% dei casi) che attende le donne immigrate, sempre più spesso minorenni, coinvolte nel traffico di esseri umani (Dati della risoluzione del Parlamento Europeo Sexual exploitation and prostitution and its impact on gender equality del 26 febbraio 2014).
In Italia, il fenomeno riguarda dalle 50 alle 70mila donne costrette a prostituirsi e circa 150mila uomini, in gran parte giovani migranti, sfruttati per il lavoro nero (Campagna I exist contro le schiavitù moderne di Mani Tese ONG).
La Fondazione CON Il SUD è un ente non profit privato nato undici anni fa dall’alleanza tra le fondazioni di origine bancaria e il mondo del terzo settore e del volontariato per favorire lo sviluppo del Mezzogiorno attraverso la promozione di percorsi di coesione sociale e sostenendo buone pratiche di rete.
La Fondazione sostiene interventi “esemplari” per l’educazione dei ragazzi alla legalità e per il contrasto alla dispersione scolastica, per valorizzare i giovani talenti e attrarre i “cervelli” al Sud, per la tutela e valorizzazione dei beni comuni (cultura, ambiente, riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie), per la qualificazione dei servizi socio-sanitari, per l’integrazione degli immigrati, per favorire il welfare di comunità.
La Fondazione CON IL SUD ha sostenuto oltre 1.000 iniziative, tra cui la nascita delle prime 5 Fondazioni di Comunità del Mezzogiorno, coinvolgendo 6mila organizzazioni e 283mila cittadini, soprattutto giovani, ed erogando complessivamente 176milioni di euro.