Log in
NEWS
Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve" Sinfonia d'inverno, grande successo per il charity gala a sostegno del Pausilipon L' Esercito di Terracotta dell'imperatore Quin: prima nazionale a Napoli Il sognatore sveglio, a Castel Nuovo la follia dell’Arte di Antonio Ligabue Sanità responsabile, dibattito con il ministro Lotti Top Italian Restaurant, i migliori chef del Belpaese all'estero per Gambero Rosso Agroalimentare: insetti a tavola dal 1º gennaio, ma il 54% degli italiani dice No Nuovi pianeti, un modello della Nasa per cercare ET Ambiente e lavoro, nuovo bando Uia: Bruxelles cerca città innovative Agroalimentare, Masiello (Coldiretti): Bene etichettatura per i derivati dal pomodoro Ravello, prorogato fino al 4 novembre lo spettacolo "Villa Rufolo mille anni di magia" Da bottega a museo: ecco il nuovo Ospedale delle bambole Città della Scienza, sos Cgil: Lavoratori allo stremo Premio Sepe a Orfeo, Grimaldi e allo show Made in Sud. Lavoro e corruzione i temi al centro della sesta De Luca sulla sanità: Stiamo preparando una grande rivoluzione Premio Sepe, Cutolo di Mcl: Un omaggio ai grandi personaggi di Napoli Debiti Pubblica amministrazione, valgono il 3% del Pil: il doppio della media Ue Mozzarella di bufala campana, nel mondo è conosciuta come Pino Daniele e Cannavaro Isa Yachts del gruppo Palumbo presenta in Florida le sue novità per il mercato mondiale

kimbo shop ildenaro 016

Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie

Nell'ultima bozza della legge di Bilancio rimane l'ipotesi di mettere all'asta il magazzino dei crediti fiscali affidati alla ex Equitalia tra 2000 e 2010 e non riscossi. Il fermo No di Confedercontribuenti. L'obiettivo della manovra sarebbe incassare almeno 4 miliardi tra 2018 e 2020 a fronte di un valore nominale di 500-600 miliardi di euro. "Una norma inaccettabile, - dichiara il presidente nazionale di Confedercontribuenti Carmelo Finocchiaro.  - Cedere le vecchie cartelle,   equivale a esporre i debitori a procedure di riscossione molto più drastiche rispetto a quelle consentite al fisco e senza le dovute garanzie previste dalle norme fiscali, già comunque carenti di un rapporto equilibrato fra fisco e contribuenti". Quali  soluzioni possibili? "Si potrebbe prevedere un condono con un pagamento da parte dei contribuenti del 10% di quanto dovuto su questi crediti" – propone Finocchiaro. Perché inserire le stesse procedure degli NPL anche nel campo tributario? "Insomma – spiega Finocchiaro -questa proposta va respinta al mittente, e se passasse è una palese violazione dello Statuto dei Contribuenti e delle norme del diritto tributario e anche cosa gravissima della Costituzione. Banche e società specializzare nella gestione dei crediti deteriorati potranno per esempio pignorare anche la prima casa. Sequestrare ben più del quinto dello stipendio che Equitalia poteva prendersi solo in caso di buste paga superiori ai 5 mila euro, mentre a chi guadagna meno di 2.500 euro doveva lasciare i nove decimi della retribuzione. Meno tutele anche per i pensionati: all'agente della riscossione era vietato toccare gli assegni di importo inferiore a quello sociale. Secondo l'articolo, il cui testo è ancora provvisorio, rimarranno fuori quelli sui quali siano in atto procedure concorsuali, rateizzazioni o rottamazione nonché i debiti  con il decorso di 10 anni non contestati. Il prezzo di cessione andrà pagato in 3 rate annuali fino al 2020 e non potrà essere inferiore a 4 miliardi e 86 milioni. I crediti oggetto di cessione saranno automaticamente eliminati  dal bilancio della nuova Agenzia delle Entrate – Riscossione".

  • Pubblicato in Cronache

Da bottega a museo: ecco il nuovo Ospedale delle bambole

Le bambole vecchie e rotte potranno avere una seconda vita. Accade a Napoli, nei locali delle restaurate scuderie di Palazzo Marigliano, da oggi sede definitiva dell''Ospedale delle Bambole'. Un vero e proprio ospedale dotato di pronto soccorso, di corsie di degenza attrezzate con mini lettini e di reparti di specialistica: dall'oculistica all'ortopedia passando per la sala gessi. A curare le bambole dalle loro ferite e dai loro acciacchi dovuti all'età ci saranno il primario Tiziana Grassi, le sue assistenti, ma anche i bambini che potranno, una volta indossati i piccoli camici colorati situati all'ingresso dell'ospedale, aiutare le dottoresse a riparare gambe, braccia, occhi, a risistemare parrucche e ogni altra 'operazione' necessaria per far rivivere le bambole. Ma l'Ospedale accoglie anche peluche in un'apposita area veterinaria. "In un ospedale - ha detto la dottoressa Grassi - c'è sempre bisogno di assistenza e i bambini saranno i miei paramedici. Finalmente, dopo venti anni, grazie a questo spazio possiamo far vedere tutto quello che abbiamo conservato con amore e con passione". L'Ospedale è un museo-bottega che si sviluppa su 180 metri quadri ed ospita una collezione centenaria di bambole, burattini, giocattoli d'epoca e pastori, catalogati per tipologia, provenienza e periodo storico. Lo spazio sarà aperto al pubblico dal lunedì al sabato dalle 10.30 alle 18 e nel periodo natalizio anche la domenica. Chi vorrà visitare l'Ospedale verserà un contributo di 3 euro che aumenterà leggermente se si vorrà indossare il camice, entrare in corsia e aiutare le dottoresse ad aggiustare le pazienti. L'Ospedale si configura come un vero e proprio laboratorio di restauro dedicato alla cura e alla conservazione di un patrimonio culturale che per la sua unicità ha contribuito a caratterizzare la memoria storica di Napoli. L'Ospedale infatti nasce dall'eredità familiare della famiglia Grassi e dalla bottega storica di Luigi Grassi, padre di Tiziana, che per anni ha richiamato l'attenzione e la curiosità al civico 81 di via San Biagio dei Librai, a pochi passi dalla nuova sede dell'Ospedale delle Bambole. Lo spazio apre le porte anche alla collaborazione con altri artigiani attraverso 'Il Banco dell'Ospitalità'. La prima collaborazione è con l'orafo napoletano Gustavo Renna che ha realizzato per l'Ospedale una collezione di collane, bracciali e anelli che custodiscono in montature aperte o a scrigno foto di bambole antiche o degli stessi componenti della famiglia Grassi mentre sono all'opera. A completare lo spazio, ci sarà anche 'La Stanza delle meraviglie' che sarà completata per il Maggio dei Monumenti 2018 e che riprodurrà in scala ridotta la storica bottega di famiglia.

  • Pubblicato in Culture

Premio Sepe, Cutolo di Mcl: Un omaggio ai grandi personaggi di Napoli

E' giunto alla sesta edizione il Premio cardinale Crescenzio Sepe. Voluto dal Movimento cristiano lavoratori (Mcl), quest'anno il premio si inserisce nell'ambito del convegno "Quale futuro per pensioni, disabilità e corruzione nel mondo del lavoro". Nel corso della cerimonia, alla quale ha preso parte, tra gli altri anche il cardinale Sepe, arcivescovo della città, sono stati assegnati i premi a Mario Orfeo, direttore generale della Rai, a Nando Mormone e Fatima Trotta di Made in Sud e all'imprenditrice Paola Grimaldi. Tra le menzioni speciali, una a Federico Cafiero De Raho, a capo della Procura di Reggio Calabria, al capitano del Napoli, Marek Hamsik, all'attore Lino D'Angió. "Anche quest'anno - ha spiegato il presidente di Napolidel Movimento, Michele Cutolo - Mcl ha voluto organizzare il Premio Cardinale Sepe, che premia personalità della città che si siano distinte nei rispettivi campi". "Da questa città unica e piena di energia - ha sottolineato - arriva un messaggio forte". "Questa è una città che merita attenzione essendo la capitale del Mezzogiorno - ha aggiunto - anche sul piano della cultura dell'essere propositivi e positivi". Tra in protagonisti dell'incontro, alla quale ha preso parte anche il presidente nazionale Carlo Costalli, la neosegretaria di Cisl Campania, Doriana Buonavita, alla sua prima uscita pubblica dopo l'elezione, il presidente Anac Raffaele Cantone, il direttore generale Inail Giuseppe Lucibello, il presidente Bcc Amedeo Manzo, moderati dal direttore di Rai Vaticano Massimo Milone.

  • Pubblicato in Culture

Mozzarella di bufala campana, nel mondo è conosciuta come Pino Daniele e Cannavaro

"Lo dico da non campano: il nome di mozzarella di bufala campana dop e' identificato nel mondo molto bene con un territorio". Cosi' alla Dire il parmense Pier Maria Saccani, direttore generale del Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana. "Difficile che uno all'estero, pur conoscendo bene il parmigiano o il prosciutto di Parma, possa sapere con certezza a livello geografico dov'e' Parma. Cosa che non avviene con la mozzarella campana. Il campano si riconosce da per tutto. È molto forte il legame con il territorio". Per spiegare meglio il concetto, il direttore generale passa ad altri esempi non alimentari. "Tutti nel mondo conoscono le origini di Fabio Cannavaro ma in quanti sanno di dov'e' Franco Baresi? Stessa cosa per Pino Daniele e De Gregori". Per Saccani, nel bene e nel male, "c'e' un ritorno mediatico immediato legato a certi territori. Succede uno scandalo in Campania subito le prime pagine dei giornali, stesso scandalo in altre parti d'Italia non se ne parla". Notizie spesso incontrollate e date con troppa superficialita', rimarca il dirigente del Consorzio, "possono distruggere un intero comparto economico".

Isa Yachts del gruppo Palumbo presenta in Florida le sue novità per il mercato mondiale

ISA affronta in grande stile l'appuntamento con il più importante salone nautico internazionale statunitense, il Fort Lauderdale International Boat Show (FLIBS). Per la prima volta nella storia del Cantiere, partecipa con uno yacht in esposizione: l'ISA Sport 120'.
Il 37 metri M/Y 'Clorinda', varato ad Ancona nel luglio 2017, è l'esemplare numero 11 della gamma Sport di ISA Yachts, il primo ad essere stato realizzato dopo 'ingresso della nuova proprietà, marcando così il significativo passaggio alla 'nuova era' ISA.
Si tratta di un segnale molto forte da parte del Gruppo Palumbo, conferma non solo dell'attenzione prioritaria verso uno dei mercati più maturi ed esigenti al mondo, ma anche del positivo e rapido rilancio in corso che si concretizza anche attraverso il progressivo presidio dei principali mercati del mondo.
L'attività oltreoceano, che non prevede unicamente la partecipazione al salone, si pone sulla linea di un rafforzamento della presenza fisica sul territorio statunitense, attraverso la creazione di un network per l'assistenza post-vendita in USA ed è elemento cardine del piano strategico di ampliamento del Gruppo.
A ulteriore testimonianza di tale rilancio parlano l'order book del Cantiere e gli esemplari attualmente in realizzazione nella sede di Ancona, il principale sito del Gruppo dedicato alla produzione di nuove unità.
In particolare, il nuovo Columbus 80 M in acciaio e alluminio è in fase di allestimento nel nuovo capannone destinato ad ospitare più unità fino a 110 metri di lunghezza. Poco distante, i lavori sono iniziati su altri due modelli venduti di recente, l'ISA Alloy 43 M e l'ISA 65 M.
In produzione è anche l'iconico GT 67, erede del GT 66 'Okto' il cui esemplare con scafo nero è diventato un 'instant classic' nel mondo dei mega yacht.
La piena operatività di ISA Yachts è la migliore conferma della 'nuova era' avviata dal Cantiere, che poggia le sue basi su significativi investimenti da parte della nuova proprietà e sulla presenza diretta nei principali mercati mondiali.
Infatti, dall'acquisizione da parte di Palumbo Group, nell'agosto 2016, la crescita è stata costante su ogni fronte, fino alla situazione attuale di massima produttività, con solide prospettive per i prossimi anni.
Una strategia che si completa con attività di ricerca continua e sviluppo di nuovi modelli. Ne è un esempio la costruzione, già avviata, del primo esemplare di una collezione completamente nuova: l'EXTRA 76' (24 M), yacht semi-dislocante in composito, progettato da Francesco Guida per ISA Yachts, con cui il Cantiere intende entrare in un segmento nuovo, quello degli yacht dai 20 ai 30 metri.
"Il know-how e la solidità del Gruppo Palumbo, gli oltre 50 anni di esperienza nell'ambito del refitting, manutenzione e riparazione di superyacht e navi commerciali e la capacità di creare partnership di eccellenza con progettisti di fama internazionale, rappresentano vitali punti di forza nello sviluppo dei nostri brand di superyacht custom e semi-custom, Columbus Yachts e Isa Yachts." dichiara Giuseppe Palumbo, CEO di ISA Yachts.
"Sono valori che per l'armatore si traducono in plus tangibili e particolarmente apprezzati" prosegue Francesco Carbone, General Manager ISA Yachts: estrema affidabilità dal punto di vista finanziario, velocità e qualità di realizzazione sono elementi cruciali che, insieme alla forza e alla capillarità di un network che include ben sette cantieri, siamo certi, ci consentirà di essere sempre più apprezzati anche in un mercato ampio e complesso, ma estremamente stimolante, come quello americano."

Columbus Classic 80mt 5 low

Alis, il 14 novembre la prima assemblea nazionale

Saranno oltre 3.000 le eccellenze del trasporto italiano che martedì 14 novembre si riuniranno a Roma per la prima Assemblea Generale di A.L.I.S., l'Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile fondata un anno fa con l'obiettivo di rappresentare in maniera concreta le esigenze di chi quotidianamente opera nel settore dei trasporti e della logistica integrata. L'Assemblea, che si terrà a partire dalle ore 9.30 presso la sala Santa Cecilia dell'Auditorium Parco della Musica, consentirà alle più importanti aziende italiane del settore trasporti di mettersi a confronto sui temi di maggior attualità, quali l'esigenza di garantire non solo sviluppo dei traffici e crescita occupazionale ma anche tutela ambientale e salvaguardia del territorio che ci circonda. Il fulcro dell'Assemblea Generale, che verrà aperta dal Presidente Guido Grimaldi, sarà la tavola rotonda Il ruolo del trasporto sostenibile per il rilancio del Sistema Paese moderata da Bruno Vespa.
"Siamo in prima linea nel diffondere in Italia la cultura di nuove modalità di trasporto sostenibile e responsabile, che consentano al settore di crescere in modo etico e nel pieno rispetto della legalità – ha dichiarato Guido Grimaldi, Presidente di A.L.I.S. – L'Assemblea del 14 novembre sarà l'occasione per fare il punto sui traguardi che abbiamo raggiunto in questo primo anno di attività e su quanto c'è ancora da fare per favorire una sempre maggiore collaborazione tra il popolo dei trasporti che rappresentiamo e il mondo politico e istituzionale". Ed ha aggiunto: "Solo con questa collaborazione tra il mondo imprenditoriale e il mondo politico il Paese potrà affrontare in maniera vincente le sfide del prossimo futuro in termini di internazionalizzazione dei trasporti, continuità territoriale con le isole, riscatto del Mezzogiorno e sostenibilità ambientale".
Il grande progetto associativo promosso da A.L.I.S. si fonda sulla concreta esigenza di fare sistema, espressa da tempo dal mondo imprenditoriale italiano. In quest'ottica A.L.I.S. ha deciso di combinare i suoi sforzi di rinnovamento con la visione e le risorse di Federazione Imprese: l'Assemblea vedrà infatti la sua presenza accanto ad A.L.I.S., quale Associazione che indirizza verso il contesto nazionale le risorse e l'expertise europea necessarie per lo sviluppo della competitività sul mercato nazionale e internazionale, mettendole a disposizione di migliaia di imprese provenienti da una molteplicità di settori.
Federazione Imprese e A.L.I.S. sostengono la visione sinergica come un'opportunità per creare valore ed un'esigenza da trasformare in realtà, per metterla al servizio dell'impresa italiana: per questo sono insieme oggi soci fondatori di CONFALIS, confederazione di Associazioni e Federazioni che, nel rispetto della loro singola autonomia ed identità, si adopera per portare all'attenzione delle istituzioni europee e nazionali le necessità e le aspirazioni delle imprese, facendone la priorità.
CONFALIS, già impegnata in prima linea sul duplice fronte italiano e internazionale nel rappresentare ad oggi 33.000 imprese per un numero complessivo di 320.000 addetti, sarà presente in occasione dell'Assemblea Generale con una sua delegazione e ne seguirà da vicino i lavori per renderli immediatamente fruibili alle imprese rappresentate ed estenderne la best practice ai territori. La Confederazione coglierà inoltre l'opportunità dell'evento per continuare a dare forma, sostanza e identità ad un grande progetto confederale e associativo che vede come protagonista l'impresa di oggi che guarda al domani.

Impact Connected Car: fino a 60mila euro a fondo perduto per 60 Pmi

Impact Connected Car è un progetto finanziato da Horizon 2020 che promuove un programma di accelerazione per startup in fase di crescita e con una tecnologia altamente scalabile nel settore automotive.
Il programma è coordinato da FundingBox e vede il contributo nel processo di accelerazione di Isdi e Accelerace. E', inoltre, supportato da Fondazione Fiware, Mobile World Capital Barcelona, Accelerace, Kibo Ventures e Invesdor. I leader industriali Danone, Ferrovial Servicios, Docomo Digital e Made forniranno un supporto successivo dal punto di vista del mercato alle startup coinvolte.
In totale, il programma offrirà a oltre 60 PMI e startup fino a 60.000 euro di finanziamento a fondo perduto, un programma di accelerazione di 6 mesi e servizi dedicati di mentoring e supporto. I progetti proposti dovranno avere un Trl (Technology Readiness Level) tra il 7 (System prototype demonstration in operational environment) e il 9 (Actual system proven in operational environment). Inoltre, i progetti dovranno riguardare uno dei sei ambiti:individuati dal bando: Safety and security; Driver assistance; Well-being; Mobility management; Vehicle management; Infotainment.
Il termine ultimo per candidarsi è fissato al 10 gennaio 2018.
  • Pubblicato in Incentivi

L'assessore Lepore al Convegno degli under 40: Giovani imprenditori vero motore del Sud

L'assessore regionale alle Attivita' produttive Amedeo Lepore ha preso parte al Convegno dal titolo "Oltre il territorio. Le partnership pubblico - privato per lo sviluppo" nell'ambito del 32esimo meeting dei Giovani Imprenditori a Capri. E' intervenuto sottolineando il ruolo dei giovani imprenditori e il valore delle imprese come motore per lo sviluppo del Mezzogiorno. Ha posto in evidenza la svolta meridionalista contenuta nel Masterplan per il Sud del Governo e nelle due leggi per il Mezzogiorno approvate negli ultimi mesi, con il vincolo del 34% degli investimenti ordinari dello Stato nel Sud, le misure per la ricollocabilita' dei lavoratori delle aree di crisi, l'intervento per i giovani e per l'autoimprenditorialita' con la creazione di 100.000 nuove imprese giovanili nel Sud e, soprattutto, l'istituzione delle Zone Economiche Speciali (Zes), partita proprio da un provvedimento della Campania. Inoltre, ha presentato le politiche per l'attrazione degli investimenti volute dalla Giunta De Luca: "La Campaniaoggi e' la prima Regione italiana per capacita' di attirare investimenti produttivi. Grazie alle leggi di semplificazione e alle iniziative per la sburocratizzazione, all'industria 4.0, al credito d'imposta, agli accordi per i contratti di sviluppo e per le aree di crisi industriale, si stanno realizzando investimenti produttivi di grandi dimensioni". Infatti, con il credito d'imposta si stanno ottenendo, nel corso del 2017, 1,3 mld di investimenti in Campania; con i contratti di sviluppo si stanno realizzando 1,5 mld di progetti molto significativi in tutta la Regione; nelle aree di crisi industriale vi e' la possibilita' di sostenere altri 500 ml circa di interventi. Tutto questo in virtu' degli accordi sottoscritti con il Governo nazionale. 
Infine, l'assessore Lepore spiega che sulla Zes Campania "è in corso un'importante interlocuzione con il ministro De Vincenti e l'Autorita' Portuale, per condurre a termine l'istituzione della prima Zona Economica Speciale proprio nella nostra Regione. Appena approvato il decreto attuativo della Legge nazionale, concluderemo il lavoro sulla base della proposta avanzata a dicembre scorso dalla Giunta De Luca, convinti di aver profuso un impegno a favore di tutto il Mezzogiorno. Questo e' il Sud che non si perde nei localismi ed e' protagonista del proprio riscatto".
Sottoscrivi questo feed RSS