Log in
NEWS
Legge di Bilancio, De Vincenti: confermati e rafforzati gli impegni per coesione e Sud Ambrogio Prezioso nuovo Presidente di Confindustria Campania InterArtes 2017, dialoghi tra le arti: si parte con Erri De Luca Lilì Marlene, e la musica si tinge di rosa Anm, conto alla rovescia per la procedura di licenziamento collettivo: domani assemblea dei lavoratori Cisl, Furlan: Da domani una donna alla guida del sindacato in Campania Mozzarella Dop congelata alla conquista dei mercai esteri: nuove polemiche sull'oro bianco campano "Mutui usurari", ecco i dettami della Cassazione Chirurgia, al via oggi a Napoli il Congresso nazionale "Pallottole d'argento" contro il mal di testa: nuova sperimentazione all'Università Vanvitelli di Napoli Camera di Commercio di Napoli, appuntamento con l'Alternanza Day Bnl promuove la "Diversity and inclusion week", eventi gratuiti a Napoli Giocare a pallone allunga la vita delle cellule: lo studio dei ricercatori di Napoli e Copenhagen Gianpiero Falco (Confapi Napoli): Legge Bassanini da rivedere, frena la spesa Ue Rimadesio, il design made in Italy sbarca in Giappone Agroalimentare, da oggi scatta l'obbligo di etichetta per il latte made in Italy Povertà, Italia peggior Paese dell'Europa Occidentale: a rischio quasi uno su tre Campania, si rompe una condotta: stop all'acqua in cinque comuni tra Napoli e Salerno "Carlo Poerio e l'Europa", da oggi via alla mostra dedicata al patriota napoletano Musica, De Sica canta Napoli nella stagione Ico Magna Grecia Una piattaforma digitale per i malati di Sm: il progetto della Federico II vince il Premio Merck Cisl, Annamaria Furlan al congresso regionale della Campania Anche i liberali marciano Terna e Fondazione Cariplo portano anche a Napoli il roadshow per cercare talenti Rfi sigla un protocollo sulla legalità con la Prefettura di Napoli Sailitalia ripropone l'evento Wine & Sail Unicocampania, oltre 107mila richieste di abbonamenti gratis per studenti Porti di Napoli e Salerno, entro fine mese il decreto sulle zone economiche speciali Napoli, Mara Carfagna all'attacco: Via Marina, che disastro Maratona della Salute, Borsacchi vince la Prevention Race Garanzia giovani: 1,2 mln di iscritti, 172 mila lavorano Sindaci donna, maglia nera alla Campania: solo 5 su 100 Forza Italia, parte in Campania la scuola di formazione dei Seniores Credit crunch, prestiti alle aziende giù di oltre 42 mld in un anno Napoli, Bassolino lancia l'hashtag #deMagistrisdicaalsindaco

kimbo shop ildenaro 016

La nuova età dell’Illuminismo guidata dagli innovatori aperti

Quando c’è da innovare, gli addetti ai diversi dipartimenti del grande magazzino Bazar delle Follie non si parlano tra loro. E se mai lo facessero, essi mirerebbero ad accordi collusivi firmati sottobanco. Nei casi migliori, i loro sforzi si fermano all’orizzonte dell’innovazione classica, quella che corre lungo il percorso familiare, più volte battuto, della continuità. Prendendo in prestito dal bel libro di Gabriella Greison L' incredibile cena dei fisici quantistici a proposito di quanto Albert Einstein scherzosamente avrebbe detto durante uno scambio di battute con altri colleghi dopo una famosa cena con il re e la regina del Belgio, potremmo raffigurare l'innovazione classica marmellata di albicocche e l'innovazione aperta come grani di uva. Il gioco si riferiva al concetto di discontinuità (fisica quantistica) contrapposto alla continuità (fisica classica). Ed è proprio il concetto di discontinuità culturale che caratterizza l'innovazione aperta. 
Gli innovatori aperti scompaginano le mappe della conoscenza e aspirano a raggiungere traguardi apparentemente impossibili. Per afferrare la misura della sfida, essi guardano, per esempio, alle innovazioni che hanno scosso lo stato dell’arte nella fotografia (Instagram), nella musica (Apple, Spotify), nei libri (Amazon), nello scambio di informazioni e idee (Facebook, Twitter, YorTube), nella mappatura dalle risorse umane (LinkedIn), nei viaggi (Airbnb), nel trasporto locale (Uber, Lyft), nel commercio (Amazon, Alibaba), nelle automobile (Google, Apple, Tesla). 
Più si pratica l’innovazione aperta, più essa cresce. L’ideale coltivato dagli innovatori aperti è quello dell’abbondanza in un’economia della felicità al posto della scarsità in un’economia della tristezza. Sono loro a lasciarsi alle spalle la “scienza triste”, come il filosofo scozzese Thomas Carlyle aveva succintamente battezzato l’economia, per entrare in una nuova età dell’Illuminismo riportando ai giorni nostri il pensiero dell’economista francese Anne-Robert-Jacques Turgot. il quale aveva definito l’economia politica la “scienza della felicità pubblica”. Cambieranno la geografia dell’imprenditorialità, le comunità d’innovazione aperta che sapranno navigare nell’oceano dell’Abbondanza Felice.