Log in
NEWS
Canada, Calenda: Con l'accordo Ceta vantaggi per Pmi e cittadini europei Interporto Sud Europa, confronto tra aziende di logistica e Its: si punta sulla formazione Welfare, via al riparto del fondo sociale 2017: più di 28 mln alla Campania Agroalimentare, De Luca inaugura la Scuola del Gusto a Torrecuso Eav, da ottobre secondo agente sui bus a Bacoli e Castellammare Napoli, Palladino al sindaco: Rom, belle parole ma seguano i fatti L'ambasciatore algerino invita le aziende campane al Forum di Pescara L'Ambasciata italiana e i festeggiamenti di San Gennaro negli Usa Palumbo Group, Isa Yachts vende il nuovo superyacht di 65 metri Energie per l'Italia, parte il tour campano. Parisi: Pronta la squadra Criminalità, Gabrielli: Profondo senso di insicurezza sociale nel Paese Formazione manager, prosegue il corso in Campania Cultura, dal Mibact 132 mln per i Grandi progetti: fondi a Capodimonte, Reggia di Caserta e Catacombe di Napoli Napoli, da capitale morale a nobile fiaba San Giorgio a Cremano, i ritratti di Noschese e Troisi sui muri della Stazione Circum Allerta attentati, made in Campania l'app per gestire le operazioni di soccorso Prosciutto di Parma, in Giappone tutela per il marchio: è la prima volta di un prodotto straniero Gruppo Trevi, nuove commesse all'estero per 75 mln dollari Fondazione con il Sud, Nuove Generazioni: in arrivo il bando da 60 milioni E-Distribuzione, a Secondigliano componenti hi-tech per la rete Fincantieri, appello al Governo della Fim Cisl: Si salvaguardi l'industria italiana Mehta al San Carlo con "Fidelio", Bergamasco sul palco Lavoro, Inps: nei primi 7 mesi assunzioni stabili giù del 4,6% Porto Marina d'Arechi, a Genova con numeri record: +22%. Gallozzi: Avanti così Ciclofficina solidale, in bici alla scoperta dell'Oasi di Frassineto Test di Architettura al Politecnico di Milano, dall'Università della Campania record di candidati idonei Un esoscheletro in 3D al posto del gesso: il Santobono di Napoli fra i vincitori dell'Innova S@lute 2017 Almaviva Napoli, elezioni delle Rsu: la Cgil conquista la maggioranza La periferia di Napoli su "Le Monde": Scampia lontana dai cliché mafiosi Mdp, dal 27 settembre a Napoli la prima festa: è dedicata al lavoro Sepe alla messa per San Matteo, patrono della Guardia di Finanza Porto Marina d'Arechi, Boccia ospite dello stand al Salone Nautico di Genova "Veleno", a Casal di Principe la presentazione del film sulla vera storia della Terra dei Fuochi Olio Dante partecipa all'Atelier della Salute per promuovere uno stile di vita sano Alessandro Paola nuovo comandante dei Vigili del Fuoco di Livorno

kimbo shop ildenaro 016

Pasta, Di Martino: Il suo futuro è roseo, crescita in tutto il mondo

"Il futuro della pasta è roseo, c'è una grande aspettativa di crescita in tutte le parti del mondo, con dati a doppia cifra". E' la previsione di Giuseppe Di Martino, pastaio di Aidepi e presidente del Consorzio Pasta Di Gragnano Igp, in occasione dei risultati emersi da una ricerca Doxa-Aidepi (Associazione delle industrie del Dolce e della Pasta italiana) su dati Iri. "La pasta è un prodotto anticiclico da sempre, va contro le crisi perché, con pochi soldi, metti a tavola un piatto intelligente, interessante, gustoso, che fa bene e che è sostenibile", ha aggiunto DiMartino che ha poi sottolineato: "In Italia i nuovi italiani consumano tantissima pasta facendo mantenere il consumo stabile. Le nuove generazioni, inoltre, sono innamorate della pasta e delle ricette di pasta, soprattutto quelle storiche: spaghetto al pomodoro, la carbonara, la cacio e pepe". "La ricchezza dei nostri formati Di pasta, inoltre, rappresentano un vantaggio dal punto di vista della biodiversità, ma anche della grandezza della cucina italiana. Poter abbinare formati a ricette, stagionalità, a provenienze dei territori rende la cucina italiana sempre nuova, capace di stupire sia gli stranieri che gli italiani", ha proseguito DiMartino.
La tradizione della pasta italiana è rappresentata anche dal Consorzio Pasta di Gragnano Igp. Una storia centenaria che ha visto la cittadina vicino Napoli regina della produzione mondiale con circa 12mila persone impegnate nella sua lavorazione su 14mila abitanti. Un'intera comunità impegnata nella realizzazione della pasta, compreso i bambini dai 5 anni in su che avevano il compito di attaccare, con la colla di riso, le etichette sui pacchi in carta blu. In via Roma, larga strada a forma sinusoidale, la pasta veniva messa ad asciugare mentre nella Valle dei Mulini, che garantiva acqua per macinare, vento adatto e temperature giuste, c'erano 30 mulini. I vicini porti di Castellammare di Stabia e dTorre Annunziata garantivano le spedizioni in ogni parte del mondo e la ferrovia più antica della storia rendeva possibile che la pasta venisse consegnata velocemente. Nel 1800 erano circa 200 i pastifici, oggi il numero si è considerevolmente ridotto, ma le storiche famiglie di pastai tramandano le antiche ricette e gli antichi metod idi lavorazione, pur aiutati dalle moderne tecnologie.