Log in
NEWS
Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve" Sinfonia d'inverno, grande successo per il charity gala a sostegno del Pausilipon L' Esercito di Terracotta dell'imperatore Quin: prima nazionale a Napoli Il sognatore sveglio, a Castel Nuovo la follia dell’Arte di Antonio Ligabue Sanità responsabile, dibattito con il ministro Lotti Top Italian Restaurant, i migliori chef del Belpaese all'estero per Gambero Rosso Agroalimentare: insetti a tavola dal 1º gennaio, ma il 54% degli italiani dice No Nuovi pianeti, un modello della Nasa per cercare ET Ambiente e lavoro, nuovo bando Uia: Bruxelles cerca città innovative Agroalimentare, Masiello (Coldiretti): Bene etichettatura per i derivati dal pomodoro Ravello, prorogato fino al 4 novembre lo spettacolo "Villa Rufolo mille anni di magia" Da bottega a museo: ecco il nuovo Ospedale delle bambole Città della Scienza, sos Cgil: Lavoratori allo stremo Premio Sepe a Orfeo, Grimaldi e allo show Made in Sud. Lavoro e corruzione i temi al centro della sesta De Luca sulla sanità: Stiamo preparando una grande rivoluzione Premio Sepe, Cutolo di Mcl: Un omaggio ai grandi personaggi di Napoli Debiti Pubblica amministrazione, valgono il 3% del Pil: il doppio della media Ue Mozzarella di bufala campana, nel mondo è conosciuta come Pino Daniele e Cannavaro Isa Yachts del gruppo Palumbo presenta in Florida le sue novità per il mercato mondiale

kimbo shop ildenaro 016

Ex Carrefour, domani presidio davanti al sito di Casoria

Le Organizzazioni Sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil di Napoli e della Campania, unitamente alle lavoratrici ed ai lavoratori ex dipendenti della struttura commerciale “ex Carrefour di Casoria”, si sono viste costrette a proclamare un’ulteriore iniziativa di lotta con un presidio democratico all’esterno del sito di Casoria, interessato da un profondo intervento di ristrutturazione, il giorno 17 luglio 2017 a partire delle ore 10.30": è quanto si apprendete da una nota dei sindacati.
"E’ appena il caso di ricordare - vi si legge - che la vertenza che riguarda a tutt’oggi oltre 150 persone nasce all’indomani della cessione della storica struttura commerciale da parte della multinazionale Carrefour ad un’impresa locale. Dopo alcuni anni, non solo per cause dipendenti dalla crisi attraversata all’epoca dal settore, e dopo un periodo di incertezze ed ammortizzatori sociali, l’azienda subentrante nel 2014 fallì lasciando sul lastrico tutti i lavoratori che furono collocati in mobilità. 
Da circa un anno una nota società nazionale, il gruppo Cosmo Spa, ha rilevato il sito per ricavarne una nuova e moderna struttura commerciale che pare debba nascere entro qualche mese e sta procedendo alla ristrutturazione dell’immobile.
Dopo numerosi incontri svolti in Giunta Regionale della Campania, non si è però riusciti ancora a definire un percorso condiviso che possa in qualche modo garantire una ripresa occupazionale di questi lavoratori all’atto dell’apertura della nuova struttura di Casoria.
Eppure la nuova Legge Regionale che disciplina la distribuzione commerciale (L.R. n° 1/2014), approvata con spirito unitario nel corso della precedente Consiliatura proprio per far fronte a situazioni come quelle di Casoria, contiene chiare norme di indirizzo che spingono, sostengono ed incentivano la rioccupazione dei lavoratori del bacino espulsi dal ciclo produttivo in caso di nuove aperture di medie e grandi strutture commerciali.
Per il Sindacato è inconcepibile  ed intollerabile il rischio di veder sfumare una delle pochissime occasioni che offre il territorio per la ricollocazione produttiva di questi lavoratori che hanno esperienza e professionalità da vendere e che sono prontissimi a rimettersi in discussione.
Lo stato di tensione è pesantissimo ed è acuito anche dalla prossima scadenza di ogni forma di sostegno al reddito con centinaia di famiglie del territorio che potrebbero essere condotte in uno stato di assoluto disagio e disperazione.
E’ ora che tutte le Istituzioni del Territorio, in primis Comune di Casoria e Regione Campania, dopo aver rilasciato tutte le autorizzazioni dovute, si impegnino pubblicamente e con la necessaria autorevolezza a favorire in tempi certi un percorso concreto per la ricollocazione di queste persone, favorendo con atti tangibili un dialogo serio e costruttivo ed un’assunzione di responsabilità tra impresa, istituzioni, parti sociali".