Log in
NEWS
Cairano, c'è la Festa del Migrante tra storia, ricordi e tradizione Campania, il Governo impugna la legge sulla sociologia del territorio Atitech, Palmeri: la Regione manterrà gli impegni assunti Cluster tecnologici, nuovo bando Miur: 393 milioni di euro alle Regioni del Sud Confindustria, Srm, Svimez: una rivoluzione è in atto Un'estate letteraria al Blu di Acciaroli Start up innovative, Campania prima regione del Sud con 547 attività Metro, inaugurata l'uscita San Giacomo. Delrio: Napoli città europea Sud, Alemanno (Mns): C'è il disegno di legge per la Macro Regione Confapi Napoli, Marrone contro l'abusivismo balneare: Grave danno alle imprese World top model, a Villa Parthenope 20 ragazze in passerella per il concorso internazionale Vita e Morte di un archeologo Al MANN “Oltre la Mostra” racconta Joachim Winckelmann I migranti del pensiero Garanzia Giovani, il Governo rifinanzia il programma con 1,3 miliardi Governo, 4,5 mln alla Campania per sicurezza edifici scolastici Rifiuti fino alla falda, sigilli a discarica di Casalnuovo In Dl Sud fondi per tribunale di Santa Maria Capua Vetere Pepe in Grani, a Caserta la migliore pizza d'Italia Fondazione Banco di Napoli, critiche interne all'operazione Brs Vodafone a quota 1,3 mld di ricavi. E porta il 4G a Napoli "Ritorno al Cilento", oltre 50mila visitatori per la mostra di Paestum Napoli, locali di via Falcone respingono le accuse Natalia Sanna eletta presidente della commissione regionale pari opportunità Banco di Napoli Fondazione risponde a istanze del ministero Dl Sud, 90 mln per ristrutturate le sedi giudiziarie di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia Regione, Consiglio convocato per il 24 e 25 luglio Nicaragua, nuove opportunità di investimento per le imprese campane Monumenti nell'"Iride": scatti in mostra al Consiglio regionale Da affittacamere a produttori di formaggi: la mappa delle imprese nei piccoli Comuni Bankitalia, sale il numero di ricorsi all'arbitro: record in Puglia e Campania Mdp, Todisco primo consigliere regionale: ma resterà in carica solo due mesi Giffoni Innovation Hub sigla intesa con iOS Academy di Napoli Vito Busillo confermato alla vicepresidenza di Anbi Nuovo procuratore di Napoli, la decisione ad agosto Anm, linea bus 621 al posto della funicolare di Mergellina

kimbo shop ildenaro 016

Ex Carrefour, domani presidio davanti al sito di Casoria

Le Organizzazioni Sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil di Napoli e della Campania, unitamente alle lavoratrici ed ai lavoratori ex dipendenti della struttura commerciale “ex Carrefour di Casoria”, si sono viste costrette a proclamare un’ulteriore iniziativa di lotta con un presidio democratico all’esterno del sito di Casoria, interessato da un profondo intervento di ristrutturazione, il giorno 17 luglio 2017 a partire delle ore 10.30": è quanto si apprendete da una nota dei sindacati.
"E’ appena il caso di ricordare - vi si legge - che la vertenza che riguarda a tutt’oggi oltre 150 persone nasce all’indomani della cessione della storica struttura commerciale da parte della multinazionale Carrefour ad un’impresa locale. Dopo alcuni anni, non solo per cause dipendenti dalla crisi attraversata all’epoca dal settore, e dopo un periodo di incertezze ed ammortizzatori sociali, l’azienda subentrante nel 2014 fallì lasciando sul lastrico tutti i lavoratori che furono collocati in mobilità. 
Da circa un anno una nota società nazionale, il gruppo Cosmo Spa, ha rilevato il sito per ricavarne una nuova e moderna struttura commerciale che pare debba nascere entro qualche mese e sta procedendo alla ristrutturazione dell’immobile.
Dopo numerosi incontri svolti in Giunta Regionale della Campania, non si è però riusciti ancora a definire un percorso condiviso che possa in qualche modo garantire una ripresa occupazionale di questi lavoratori all’atto dell’apertura della nuova struttura di Casoria.
Eppure la nuova Legge Regionale che disciplina la distribuzione commerciale (L.R. n° 1/2014), approvata con spirito unitario nel corso della precedente Consiliatura proprio per far fronte a situazioni come quelle di Casoria, contiene chiare norme di indirizzo che spingono, sostengono ed incentivano la rioccupazione dei lavoratori del bacino espulsi dal ciclo produttivo in caso di nuove aperture di medie e grandi strutture commerciali.
Per il Sindacato è inconcepibile  ed intollerabile il rischio di veder sfumare una delle pochissime occasioni che offre il territorio per la ricollocazione produttiva di questi lavoratori che hanno esperienza e professionalità da vendere e che sono prontissimi a rimettersi in discussione.
Lo stato di tensione è pesantissimo ed è acuito anche dalla prossima scadenza di ogni forma di sostegno al reddito con centinaia di famiglie del territorio che potrebbero essere condotte in uno stato di assoluto disagio e disperazione.
E’ ora che tutte le Istituzioni del Territorio, in primis Comune di Casoria e Regione Campania, dopo aver rilasciato tutte le autorizzazioni dovute, si impegnino pubblicamente e con la necessaria autorevolezza a favorire in tempi certi un percorso concreto per la ricollocazione di queste persone, favorendo con atti tangibili un dialogo serio e costruttivo ed un’assunzione di responsabilità tra impresa, istituzioni, parti sociali".