Log in
NEWS
Cairano, c'è la Festa del Migrante tra storia, ricordi e tradizione Campania, il Governo impugna la legge sulla sociologia del territorio Atitech, Palmeri: la Regione manterrà gli impegni assunti Cluster tecnologici, nuovo bando Miur: 393 milioni di euro alle Regioni del Sud Confindustria, Srm, Svimez: una rivoluzione è in atto Un'estate letteraria al Blu di Acciaroli Start up innovative, Campania prima regione del Sud con 547 attività Metro, inaugurata l'uscita San Giacomo. Delrio: Napoli città europea Sud, Alemanno (Mns): C'è il disegno di legge per la Macro Regione Confapi Napoli, Marrone contro l'abusivismo balneare: Grave danno alle imprese World top model, a Villa Parthenope 20 ragazze in passerella per il concorso internazionale Vita e Morte di un archeologo Al MANN “Oltre la Mostra” racconta Joachim Winckelmann I migranti del pensiero Garanzia Giovani, il Governo rifinanzia il programma con 1,3 miliardi Governo, 4,5 mln alla Campania per sicurezza edifici scolastici Rifiuti fino alla falda, sigilli a discarica di Casalnuovo In Dl Sud fondi per tribunale di Santa Maria Capua Vetere Pepe in Grani, a Caserta la migliore pizza d'Italia Fondazione Banco di Napoli, critiche interne all'operazione Brs Vodafone a quota 1,3 mld di ricavi. E porta il 4G a Napoli "Ritorno al Cilento", oltre 50mila visitatori per la mostra di Paestum Napoli, locali di via Falcone respingono le accuse Natalia Sanna eletta presidente della commissione regionale pari opportunità Banco di Napoli Fondazione risponde a istanze del ministero Dl Sud, 90 mln per ristrutturate le sedi giudiziarie di Campania, Calabria, Puglia e Sicilia Regione, Consiglio convocato per il 24 e 25 luglio Nicaragua, nuove opportunità di investimento per le imprese campane Monumenti nell'"Iride": scatti in mostra al Consiglio regionale Da affittacamere a produttori di formaggi: la mappa delle imprese nei piccoli Comuni Bankitalia, sale il numero di ricorsi all'arbitro: record in Puglia e Campania Mdp, Todisco primo consigliere regionale: ma resterà in carica solo due mesi Giffoni Innovation Hub sigla intesa con iOS Academy di Napoli Vito Busillo confermato alla vicepresidenza di Anbi Nuovo procuratore di Napoli, la decisione ad agosto Anm, linea bus 621 al posto della funicolare di Mergellina

kimbo shop ildenaro 016

Inci Flex compie 20 anni e lavora al piano di espansione


Celebrato ieri il Ventennale della Inci-Flex, azienda di Fisciano in provincia di Salerno, specializzata nel settore della prestampa per il packaging finalizzata alla produzione di impianti flessografici (lastre digitali flexo, cilindri roto, incisione laser diretta e lastre flexo liquido).
Nel 1984 Carmine Consalvo iniziò l’attività imprenditoriale, mettendo a frutto l’esperienza e le conoscenze tecniche acquisite personalmente nel settore della prestampa fin dal 1979. Una storia appassionata, realizzata grazie alla sua dedizione e portata avanti con grande intuito e visione con il figlio Vincenzo, insieme al quale nel 1997 dà vita all’attuale azienda. Questi gli ultimi numeri, che in parte danno il senso di cosa sia oggi Inci-Flex: 7,5 milioni di fatturato, 60 dipendenti, 2 siti produttivi.
“Il nostro obiettivo assoluto e imprescindibile – ha dichiarato Vincenzo Consalvo – è fornire ai nostri clienti soluzioni concrete e innovative attraverso un servizio curato e puntuale che mira ad una riduzione del time to market ed all’eccellenza qualitativa. Da qui la filosofia della nostra azienda: garantire un risultato certo al cliente e non solo vendere dei prodotti”. “Per questo – puntualizza Consalvo – i valori della nostra mission sono, restando immutati dalla fondazione dell’azienda, la passione, l’affidabilità, l’incisività, l’eco sostenibilità, mentre le parole chiavi della nostra impresa sono innovazione, tecnologia, responsabilità, risultato”.
In occasione del Ventennale sono intervenuti: Vincenzo Sessa sindaco di Fisciano, Gerardo Gambardella vice presidente di Confindustria Salerno e presidente del comitato Piccola Industria, Tommaso Amabile consigliere regionale in rappresentanza del presidente della Regione.
Inci-Flex ha tagliato il traguardo dei vent’anni di attività, rinnovando un percorso aziendale seguito con entusiasmo, che ha attraversato numerose sfide e sviluppato progetti sempre più innovativi.
Vent’anni di impegno e di sacrifici per trasformare un’idea in una realtà aziendale solida, in costante crescita di fatturato, dipendenti, spazi operativi, settori d’attività, clienti e mercati.
Inci-flex è fortemente vocata alla ricerca, all’innovazione e allo sviluppo: un’azienda che vanta professionisti del settore, che quotidianamente fanno del “risultato apportato al Cliente” la loro sfida personale. La filosofia d’impresa, affondando radici solide in un passato fatto di valori e umanità, si proietta con fiducia, professionalità e visione verso un futuro riassunto nel credo: “lavoriamo per offrire un risultato non per vendere un prodotto”. Questo spirito aziendale fa di Inci-Flex un partner di lavoro ideale per clienti esigenti e alla ricerca continua di soluzioni che possano stupire, emozionare e ottenere risultati che mirano all’eccellenza.
Inci-Flex applica una politica per la qualità totale che si traduce in un sistema di procedure e protocolli applicati nello svolgimento di tutte le fasi dell’attività aziendale. Ciò testimonia l’impegno per il soddisfacimento dei requisiti richiesti dal cliente, dei requisiti legali e regolamentari, della creazione di un rapporto di trasparenza e di fiducia con la clientela.
In linea con una visione aziendale concentrata sull’esaltazione della qualità attraverso lo sviluppo tecnologico, Inci-Flex ha realizzato, negli ultimi anni, investimenti in ognuno dei 4 settori della prestampa, per elevare ancor di più la resa di stampa, garantendo riduzione dei tempi di produzione e ripetibilità dei risultati.
Inci-Flex si è sempre distinta, in Italia e in Europa, per l’acquisizione di nuove attrezzature e tecnologie (in primis Full HD, CDI Crystal 5080 XPS ESKO), che sarebbero diventate il punto di riferimento per tutto l’imballaggio flessibile.
I nuovi piani di sviluppo guardano oltre mare: Algeria, Tunisia, Egitto, Iran, Costa d’Avorio come potenziale sbocco per i propri prodotti e servizi, Paesi in fase di crescita, a cui la Inci-flex è in grado di portare un reale valore aggiunto. “In un mercato sempre più globalizzato come l’attuale, e che a seguito della crisi mondiale del 2008 ha subito un’ulteriore, radicale trasformazione, c’è bisogno di abbattere anche le frontiere mentali e strutturali” afferma l’Amministratore Vincenzo Consalvo. “Oggi dobbiamo essere disposti ad affrontare mercati con culture, economie e metodologie diverse dalla nostra, puntando allo scambio etico di competenze per garantirsi una posizione sul mercato che duri nel tempo”.