Log in
NEWS
Accordi di Programma Quadro, oggi la firma per Campania e Calabria Unisa, accordo con l'Antimafia: da Salerno software innovativi contro la criminalità Napoli, approvato in Giunta l'assestamento di bilancio: da Imu e Consip maggiori entrate per 11 mln Evasione fiscale, Campania e Calabria regine del sommerso Marina d'Atechi crocevia della flotta mediterranea dei maxi yacht Histos, InSymbio e SpineSolution: tre startup campane in finale per il Premio Marzotto Rbd, nuovo cda per completare il piano di risanamento Lungo “i percorsi dell’anima” con l’Accademia Musicale Napoletana Povertà, in Campania e Puglia più del 45% delle famiglie a rischio esclusione Agenzia Cooperazione allo sviluppo: 4,8 mln per nuove idee imprenditoriali Bagnoli, nuova convocazione per la Cabina di regia: riunione il 4 agosto Torre Annunziata, nominata la nuova Giunta: vicesindaco Gaetano Veltro San Giovanni Bosco, nuova denuncia dei Verdi: pronto soccorso infestato dalle blatte Nuovo look per il Teatro Bracco: cult della tradizione e pièce nazionali Tra siccità e rete "colabrodo": la mappa dell'emergenza idrica in Campania Federterme, vertice a Roma per il rilancio di Castellamare di Stabia Camera di Commercio di Salerno, presentato il piano Trasparenza e Anticorruzione Ctp, via libera a ricapitalizzazione da 12 mln Alberghi, record di strutture all'asta. In Campania sono 13 Credito alle Pmi, Liverini: Benevento tra le prime provincie in Italia Bagnoli, la cabina di regia potrebbe slittare ad agosto Trenitalia lancia la card per visitare i musei Project managment, 5mila € alle migliori tesi di laurea Trasporti, Di Scala convoca in Commissione regionale le Compagnie di navigazione Umberto Vitiello nuovo presidente del Gruppo Giovani Acen Alberghi all'asta: impennata al Nord, in Campania cessioni dimezzate Giovani ricercatori, premi fino a 10mila € Opere incompiute, sprint della Campania Cise, battesimo ufficiale. Campania è Hub dello sviluppo Accordi di programma, domani la firma tra Governo e Campania Consiglio regionale approva documento di bilancio Confindustria, nasce “Campania digital Innovation Hub" Medici, c'è tempo fino al 28 luglio per recuperare Irap non dovuta Musica popolare, torna a Vallo della Lucania FestMed Imprese, +36 mila tra aprile e giugno: il bilancio migliore in Campania (+5.807)

kimbo shop ildenaro 016

Agroalimentare, Anicav: Pomodoro pelato verso l'indicazione geografica protetta

 
Il Comitato promotore per il marchio di tutela del Pomodoro Pelato ha presentato oggi al MiPAAF e alle Regioni Abruzzo, Basilicata, Campania, Molise e Puglia la domanda per il riconoscimento dell’IGP Pomodoro Pelato di Napoli. “È stato un lungo ed impegnativo lavoro – afferma il Presidente del Comitato Promotore IGP, Lino Cutolo - che, mi auguro, produrrà importanti risultati. L’IGP del Pomodoro Pelato, mettendo in evidenza le caratteristiche del prodotto, la qualità, la tradizione, la genuinità e il forte legame con il territorio, potrà portare ad una crescita dei consumi e ad una ripresa del mercato, il cui trend da anni è in continua flessione. Non è più possibile rimandare, altrimenti le nostre aziende e il comparto saranno destinati ad un lento declino”. Grande soddisfazione è stata espressa dall’ANICAV, l’Associazione Nazionale degli Industriali Conservieri, che ha assistito il Comitato Promotore nel processo istruttorio. “L’ANICAV, accogliendo le istanze provenienti dalle aziende associate presenti nel Bacino centro meridionale che trasformano pomodoro pelato intero – dichiara il Direttore Generale dell’Associazione, Giovanni De Angelis - negli ultimi anni, si è fatta promotrice di un percorso volto a tutelare il pomodoro pelato attraverso il riconoscimento di una IGP che potesse diventare uno strumento utile a fronteggiare le difficili scommesse del mercato globale e valorizzare un prodotto, caratteristico delle aziende del Mezzogiorno, che rappresenta una delle eccellenze della tradizione agroalimentare italiana nel mondo”. La tipicità del pomodoro pelato è data dal fatto che si tratta di un pomodoro inscatolato intero che testimonia, fisicamente e visivamente, la consistenza e le caratteristiche del prodotto anche una volta conservato in scatola ed è legata, in particolare, alla tecnica di produzione utilizzata. Il pomodoro pelato intero, ottenuto dalla lavorazione di varietà allungate, viene trasformato seguendo il tradizionale processo produttivo che, negli anni - nonostante l’avanzata dei più complessi e funzionali strumenti tecnologici in grado di innalzare i livelli di sicurezza del prodotto - non è sostanzialmente cambiato, in particolare per quanto riguarda le operazioni manuali di cernita, in cui l’elemento umano rappresenta un fattore indispensabile, che costituisce la parte più importante dell’intero processo produttivo e rappresenta il fondamentale presupposto per garantire un prodotto di alta qualità. “La tutela del pomodoro pelato – conclude Cutolo - consentirà anche di contrastare, sui mercati internazionali, il fenomeno dell’italian sounding che danneggia i nostri produttori e ci sottrae risorse economiche. Stiamo continuando, infatti, a cedere quote di mercato ad altri Paesi che propongono pomodori pelati che ricordano “l’immagine italiana”, ma nei quali, molto spesso, non solo il luogo di produzione, ma nemmeno il pomodoro, sono italiani.”