Log in
NEWS
Legge di Bilancio, De Vincenti: confermati e rafforzati gli impegni per coesione e Sud Ambrogio Prezioso nuovo Presidente di Confindustria Campania InterArtes 2017, dialoghi tra le arti: si parte con Erri De Luca Lilì Marlene, e la musica si tinge di rosa Anm, conto alla rovescia per la procedura di licenziamento collettivo: domani assemblea dei lavoratori Cisl, Furlan: Da domani una donna alla guida del sindacato in Campania Mozzarella Dop congelata alla conquista dei mercai esteri: nuove polemiche sull'oro bianco campano "Mutui usurari", ecco i dettami della Cassazione Chirurgia, al via oggi a Napoli il Congresso nazionale "Pallottole d'argento" contro il mal di testa: nuova sperimentazione all'Università Vanvitelli di Napoli Camera di Commercio di Napoli, appuntamento con l'Alternanza Day Bnl promuove la "Diversity and inclusion week", eventi gratuiti a Napoli Giocare a pallone allunga la vita delle cellule: lo studio dei ricercatori di Napoli e Copenhagen Gianpiero Falco (Confapi Napoli): Legge Bassanini da rivedere, frena la spesa Ue Rimadesio, il design made in Italy sbarca in Giappone Agroalimentare, da oggi scatta l'obbligo di etichetta per il latte made in Italy Povertà, Italia peggior Paese dell'Europa Occidentale: a rischio quasi uno su tre Campania, si rompe una condotta: stop all'acqua in cinque comuni tra Napoli e Salerno "Carlo Poerio e l'Europa", da oggi via alla mostra dedicata al patriota napoletano Musica, De Sica canta Napoli nella stagione Ico Magna Grecia Una piattaforma digitale per i malati di Sm: il progetto della Federico II vince il Premio Merck Cisl, Annamaria Furlan al congresso regionale della Campania Anche i liberali marciano Terna e Fondazione Cariplo portano anche a Napoli il roadshow per cercare talenti Rfi sigla un protocollo sulla legalità con la Prefettura di Napoli Sailitalia ripropone l'evento Wine & Sail Unicocampania, oltre 107mila richieste di abbonamenti gratis per studenti Porti di Napoli e Salerno, entro fine mese il decreto sulle zone economiche speciali Napoli, Mara Carfagna all'attacco: Via Marina, che disastro Maratona della Salute, Borsacchi vince la Prevention Race Garanzia giovani: 1,2 mln di iscritti, 172 mila lavorano Sindaci donna, maglia nera alla Campania: solo 5 su 100 Forza Italia, parte in Campania la scuola di formazione dei Seniores Credit crunch, prestiti alle aziende giù di oltre 42 mld in un anno Napoli, Bassolino lancia l'hashtag #deMagistrisdicaalsindaco

kimbo shop ildenaro 016

Prestiti a protestati e pignorati, ecco la soluzione

 

Per chi ha subito un protesto o un pignoramento può essere molto difficile ottenere dei prestiti personali perché la banca valuterà l’operazione come quelle ad alto rischio e quindi sarà diffidente, dovendo chiaramente in primo luogo tutelare i propri interessi al rimborso della rata. Rientrare infatti nella lista dei cosiddetti cattivi pagatori comporta il rischio di vedersi chiudere le porte da parte di molti istituti di credito. Ma visto che la concorrenza tra banche è molta, oggi alcuni istituti potrebbero chiudere un occhio più facilmente su queste cose in cambio di altre garanzie e concedere lo stesso prestiti personali. Tra queste garanzie ulteriori ci sono: la cessione del quinto, il prestito delega e la fideiussione. Vediamo meglio come funzionano e quali sono le principali differenze e i vantaggi di tutte le soluzioni.

La cessione del quinto della pensione o dello stipendio

La cessione del quinto dello stipendio o della pensione consiste in pratica nella possibilità di ripagare i debiti facendo trattenere al datore di lavoro o all’ente previdenziale il 20% dello stipendio per poi versarlo all’ente finanziario che ha prestato i soldi. Nel caso dei cattivi pagatori la cessione del quinto rappresenta una garanzia molto forte perché è il datore che blocca una parte dello stipendio e lo dà all’ente, e non il pagatore protestato o pignorato, quindi gli istituti di credito tendono a concedere anche a loro prestiti personali.

Il prestito delega: come funziona

La seconda soluzione possibile è quella del prestito delega. Questo tipo di finanziamento viene chiamato anche delega di cambiamento o doppio quinto. Il nome è emblematico in questo caso quindi in un certo senso dice già tutto. E’ come il precedente, la cessione del quinto, ma anziché arrivare ad un massimo del 20% della pensione o dello stipendio, si può arrivare al 40% e estinguere più velocemente il debito residuo. Anche questo, per gli stessi motivi della cessione del quinto, rappresenta una solida garanzia nel caso di prestiti personali a cattivi pagatori.

Garanzia prestiti personali: la fideiussione

La fideiussione è una garanzia personale in cui un terzo soggetto subentra a fare da garante per il soggetto contraente del debito. Ovviamente questo tipo di garanzia comporta degli oneri per il fideiussore, infatti se il debitore non riuscirà a pagare sarà lui a dover versare la somma stabilita. L’istituto di credito, una volta informatosi sul fideiussore e confermato che si tratti di persona affidabile, tende a concedere quindi prestiti personali anche a cattivi pagatori. Ecco quindi scoperto in che modo le porte delle banche possono essere aperte anche ai cattivi pagatori: non è detto che aver sbagliato una volta debba penalizzare per tutta la vita. E’ chiaro però che ci si dovrà impegnare di più, con garanzie extra, per dimostrare alla banca che si è in grado di pagare il debito assunto. Una volta superato questo scoglio è possibile ottenere un prestito anche se si è cattivi pagatori.