Log in
NEWS
Terremoto a Ischia, Borrelli: 200 sfollati negli alberghi Terremoto a Ischia, Confedilizia: Necessari interventi strutturali Terremoto a Ischia, il vescovo: No a tempi biblici per la ricostruzione Terremoto a Ischia, Vinci (ingegneri): Le verifiche sugli edifici siano rapide Fca, Great Wall smentisce: Nessun negoziato o accordo Morto ad Airola Gennaro Melone, memoria storica della Dc sannita Terremoto a Ischia, chi sono le due donne morte. Bilancio definitivo dei soccorsi: 42 feriti, uno grave Caso Loreto Mare, ispezione di Nas e Ministero Terremoto a Ischia, Wwf contro la Regione: Non si strizzi l'occhio all'abusivismo Uova contaminate, due casi in Campania Terremoto a Ischia, il sindaco Castagna a Mattarella: Orgoglioso del Paese Terremoto a Ischia, Schiavo (Confesercenti): Gli alberghi dell'isola sono sicuri Terremoto a Ischia, partite le verifiche sismiche sugli edifici Terremoto a Ischia: frattura per Ciro, traumi per Mattias Terremoto a Ischia, ingegneri: Sì al piano di prevenzione sismica Terremoto a Ischia, Merkel al governo: Profonda vicinanza Gentiloni si congratula per il salvataggio dei bimbi Terremoto a Ischia, legato all'area vulcanica ma non ad un'eruzione Terremoto a Ischia, Turri (Filca Cisl): Serve edilizia di qualità Terremoto ad Ischia, decina di repliche ma deboli Negro Festival, i suoni della tradizione alle Grotte di Pertosa Rivoluzione Cristiana, Funaro: Sicilia, occorre allargare centrodestra Gianni Merlo (Aips): Universiadi grande occasione per Napoli Terremoto a Ischia, il Cardinale Sepe: Dolore e vicinanza alla popolazione Terremoto a Ischia, Legambiente: Occorre un riordino normativo Terremoto a Ischia, salvati i bimbi sotto le macerie. Bilancio grave: 2 morti, 39 feriti Il terrorismo jihadista in Italia. Esortazioni e profezie Efficienza energetica, altri 10 milioni per le Pmi campane Business del gioco, a Napoli record di imprese Terremoto a Ischia, i sindaci: Nessun legame crolli-abusivismo Terremoto a Ischia: i sindaci rassicurano i turisti Terremoto a Ischia, partenze per Casamicciola crollate del 60% Terremoto a Ischia, De Luca: Bilancio pesante. L'abusivismo è un'emergenza Ravello Festival, in scena i giovani talenti della Asian Youth Orchestra Terremoto a Ischia, Vigili del Fuoco: In Campania 55 unità da altre regioni

kimbo shop ildenaro 016

Prestiti a protestati e pignorati, ecco la soluzione

 

Per chi ha subito un protesto o un pignoramento può essere molto difficile ottenere dei prestiti personali perché la banca valuterà l’operazione come quelle ad alto rischio e quindi sarà diffidente, dovendo chiaramente in primo luogo tutelare i propri interessi al rimborso della rata. Rientrare infatti nella lista dei cosiddetti cattivi pagatori comporta il rischio di vedersi chiudere le porte da parte di molti istituti di credito. Ma visto che la concorrenza tra banche è molta, oggi alcuni istituti potrebbero chiudere un occhio più facilmente su queste cose in cambio di altre garanzie e concedere lo stesso prestiti personali. Tra queste garanzie ulteriori ci sono: la cessione del quinto, il prestito delega e la fideiussione. Vediamo meglio come funzionano e quali sono le principali differenze e i vantaggi di tutte le soluzioni.

La cessione del quinto della pensione o dello stipendio

La cessione del quinto dello stipendio o della pensione consiste in pratica nella possibilità di ripagare i debiti facendo trattenere al datore di lavoro o all’ente previdenziale il 20% dello stipendio per poi versarlo all’ente finanziario che ha prestato i soldi. Nel caso dei cattivi pagatori la cessione del quinto rappresenta una garanzia molto forte perché è il datore che blocca una parte dello stipendio e lo dà all’ente, e non il pagatore protestato o pignorato, quindi gli istituti di credito tendono a concedere anche a loro prestiti personali.

Il prestito delega: come funziona

La seconda soluzione possibile è quella del prestito delega. Questo tipo di finanziamento viene chiamato anche delega di cambiamento o doppio quinto. Il nome è emblematico in questo caso quindi in un certo senso dice già tutto. E’ come il precedente, la cessione del quinto, ma anziché arrivare ad un massimo del 20% della pensione o dello stipendio, si può arrivare al 40% e estinguere più velocemente il debito residuo. Anche questo, per gli stessi motivi della cessione del quinto, rappresenta una solida garanzia nel caso di prestiti personali a cattivi pagatori.

Garanzia prestiti personali: la fideiussione

La fideiussione è una garanzia personale in cui un terzo soggetto subentra a fare da garante per il soggetto contraente del debito. Ovviamente questo tipo di garanzia comporta degli oneri per il fideiussore, infatti se il debitore non riuscirà a pagare sarà lui a dover versare la somma stabilita. L’istituto di credito, una volta informatosi sul fideiussore e confermato che si tratti di persona affidabile, tende a concedere quindi prestiti personali anche a cattivi pagatori. Ecco quindi scoperto in che modo le porte delle banche possono essere aperte anche ai cattivi pagatori: non è detto che aver sbagliato una volta debba penalizzare per tutta la vita. E’ chiaro però che ci si dovrà impegnare di più, con garanzie extra, per dimostrare alla banca che si è in grado di pagare il debito assunto. Una volta superato questo scoglio è possibile ottenere un prestito anche se si è cattivi pagatori.