Log in
NEWS
Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese Erasmus giovani imprenditori global: le domande entro il 30 agosto Scavi di Pompei, ieri guasto all'impianto di illuminazione: le visite notturne riprendono Anche questo sarà il nostro tempo La consistenza dell’intangibile Torre del Greco, sciolto il Consiglio: arriva il commissario Attentato Barcellona, a Napoli bandiere a mezz'asta a Palazzo S. Giacomo La lezione di Roosevelt: un New Deal per l'Italia Ad ogni opera d'arte il giusto tipo d'esposizione Attacco terroristico a Barcellona: furgone contro la folla sulla Rambla, morti e feriti Guardia Sanframondi, ordinanza del sindaco: No a cellulari e filmati per il rito dei Flagellanti Il volo dell'angelo della console Usa a Napoli Il consolato d'Australia porta "Troppo Napoletano" ad Adelaide Luigi Mercogliano nominato nella direzione regionale di Fdi-An Parco Archeologico di Ercolano, visitatori in aumento: + 16,70% rispetto al 2016

kimbo shop ildenaro 016

DIARIO LIBERALE di Roberto Tumbarello, settimana di lunedì 7 agosto 2017

Queste riflessioni sono indirizzate soprattutto agli intellettuali, agli artisti, ai professionisti, al ceto produttivo e alle persone probe perché riflettano sul loro ruolo di guida della società cui hanno abdicato. Chi per ambizione o per bramosia di denaro, chi semplicemente per indolenza o perché mal consigliato, si sono tutti aggregati alla massa di questuanti che sostengono il potere e ne mendicano le briciole. Andiamo di male in peggio da quando il ceto medio si è disciolto, lasciando il paese senza esempio né cultura, e neppure coscienza. La borghesia deve riappropriarsi delle prerogative che le sono naturali per restituire dignità e diritti alla povera gente.

L’Europa funzionava quando c’era il cemento della cultura
Temendo che finissero satelliti della Russia, come lo erano stati dell’URSS, qualche anno fa i mediocri di turno a Bruxelles fecero entrare nell’Unione alcuni paesi che non avrebbero mai avuto i requisiti necessari. Nonostante la dedizione dalle vecchie democrazie perché imparassero il rispetto dei diritti dell’uomo, sono ancora lontani dall’essere europei. Godono di contributi che arricchiscono il loro PIL e ci hanno riempito di criminali. Ora che sono padroni, vogliono che la politica controlli la giustizia, come faceva chi un tempo li privava della libertà. I richiami entrano da un orecchio e escono dall’altro. Poi arrivò Macron, che doveva salvare la patria. Ma si scoprì che pensa solo alla sua.

Un risparmio da miserabili
La crisi idrica è preoccupante. Le condutture sono un colabrodo. Continuano a chiudere fabbriche e negozi. Dilaga la corruzione. I giovani muoiono di ecstasy. I deboli uccidono le proprie donne. Incendi dolosi distruggono ogni giorno un po’ di paese. Con l’arrivo delle piogge chissà che cosa succederà. Anziché aggiornare le leggi e renderle funzionali il parlamento dibatte dei vitalizi, come se fosse il problema prioritario di un’Italia allo stadio terminale. Da 5200 euro la pensione di Dalema si ridurrebbe a 3800. È di 1400 € l’entità dello scandalo. Per questo nulla funziona? Vogliamo
affidare il futuro dei nostri figli a una classe politica di accattoni che speculano su miseria e ignoranza degli elettori?

Perché non metterlo nel biglietto da visita?
Ognuno ha i suoi pregiudicati. Ce ne sono persino in parlamento. Eppure il termine non va in disuso. Anzi è di grande moda per denigrare un avversario. In politica è un’arma, non solo una qualifica. Chi ne è vittima dovrebbe ritenersi ingiuriato e poter chiedere un risarcimento. Con tanti personaggi altolocati che lo subiscono, nessuno sa prendere l’iniziativa di metterlo fuori legge. Il fatto è che seppure con 110 e lode o laurea acquistata, non gli è facile formulare una motivazione giuridica. È vero che indica chi è stato condannato. Però ha già pagato il debito alla società. Perché portare il marchio per tutta la vita? Grave, invece, è chi delinque e riesce a farla franca. Oggi purtroppo sono in tanti.
Meno male che la Raggi c’è
La politica è un’arte molto sofisticata e in continua evoluzione. Necessita di cultura, sensibilità, esperienza, umiltà, formazione e visione del futuro. Non basta individuare i problemi per essere capaci di risolverli. Trovare le soluzioni è meno facile. Essere in gamba o avere avuto successo in altri settori non è sufficiente. Non è, quindi, un’attività alla portata di chiunque, come ai nostri giorni sembra possibile. Gli intrusi provocano solo guai. Sono anni che l’Italia paga l’ingenuità di voler provare la novità. E persistiamo nell’errore. Se il M5S non avesse avuto la presunzione di governare Roma con personaggi inadeguati saremmo caduti anche nella loro trappola, questa volta definitiva.

Deve piacere agli italiani per essere un buon presidente?
Abituati da troppo tempo a chi promette solo vantaggi e privilegi, seppure non li meritiamo, i giornalisti italiani si preoccupano che, a poche settimane dall’insediamento all’Eliseo, la popolarità di Macron sia in calo precipitoso. Essendo ormai eletto, perché preoccuparsi di piacere? Penserà al gradimento tra cinque anni. Intanto, attua il suo programma, che presuppone sacrifici e, magari, alla fine, soddisferà i francesi. Noi, in perenne campagna elettorale, tendiamo a compiacere continuamente gli elettori e agire come se a decidere fossero loro, bravissimi nel criticare ma non adeguati a governare. Ecco perché da noi le cose vanno di male in peggio, chiunque, poi, vinca le elezioni.

La promessa di mantenere chi non produce è una truffa
La contestazione politica del vaccino non è soltanto una follia, ma una mascalzonata che, oltre a riesumare malattie già sconfitte, produce pericolosità sociale. Il primo incidente, causato dalla diffusione di tante falsità, è già accaduto a Diamante. Un medico aggredito da un genitore ignorante che lo accusa di avere trasmesso l’autismo al figlio. È un modo subdolo per aumentare l’esasperazione in cui molti cittadini vivono. Non è degno di fare politica chi specula sulla credulità e la dabbenaggine della gente. In un paese civile gli elettori li avrebbero già mandati a casa. In Italia, invece, ci votiamo illudendoci di godere un giorno di un reddito che consentirebbe a tutti di vivere senza lavorare.


Queste riflessioni sono di costume e anche politiche, ma sempre al di sopra delle ideologie e dei partiti. Se ti piacciono – anche se non le condividi – divulgale liberamente, trasmettendole ai tuoi amici o pubblicandole, senza doverne chiedere l’autorizzazione né citare la fonte. Magari, facendocelo sapere per ringraziarti. L’importante è che tutti, di qualsiasi tendenza, siano stimolati a riflettere per evitare di farsi manipolare. Se, invece, non ti interessano o addirittura ti disturbano, non avere l’imbarazzo di farcelo sapere francamente con una email.

Sotto, la copertina del mio nuovo libro, appena uscito in libreria. Se non lo trovaste, chiedete al libraio di prenotarlo. È possibile acquistarlo anche su Internet (da Amazon, IBS, ecc.) a 11€90.

“Viaggio nella vita” esorta i giovani a non imitare noi genitori e nonni che, trasgredendo le regole più elementari della convivenza civile e assecondando una politica condotta da mediocri, gli abbiamo complicato la vita e compromesso il futuro.
La nuova generazione è l’ultima che può salvare l'Italia, sorvegliando che nessuno si ritenga più furbo di altri. Se no, crolla tutto. Se a corrompere e rubare sono solo i delinquenti – com’era un tempo – la società può ammortizzare il danno. Se, invece, a trasgredire sono tutti, il fallimento è inevitabile, anche per coloro che lo hanno causato.
Il libro trasporta il lettore in una favola nella quale si immedesima, diventandone protagonista felice. Al termine della lettura, tornando alla triste realtà, si rende conto che non si è trattato di un sogno ma della vita che tutti potremmo vivere se ognuno di noi si comportasse un po' meglio.

Diario Liberale di Roberto Tumbarello

Roberto Tumbarello, giornalista professionista, laureato in Giurisprudenza, ha tre figli e sei nipoti. Medaglia “pro merito” del Consiglio d’Europa, di cui è stato portavoce in Italia per tanti anni, è esperto in Comunicazione e Diritti umani. È stato redattore e inviato speciale di diversi quotidiani e periodici a vasta tiratura. Ha chiuso la carriera come direttore del “Giornale di Napoli”. Tra le sue ultime pubblicazioni di successo: “Gesù era di destra o di sinistra?” (Sapere 2000, 2009), “Si salvi chi può” (Edizioni Radici, 2012), “O la borsa o la vita” (Armando, 2014), attualmente in libreria.

Altro in questa categoria: « Ridateci il Puzzone che non c'è