Log in
NEWS
Cardiologia, massimi esperti si confrontano a Napoli Terzo settore, finanziamenti agevolati: domande dal 7 novembre Startup Booster 2018, nuovo bando per Pmi e spinoff hi-tech Impact Connected Car: fino a 60mila euro a fondo perduto per 60 Pmi Agroalimentare campano in Mostra a Gustus, via al bando per le Pmi: domande entro il 31 ottobre Dai giovani alle imprese: ecco la Manovra del Governo per il Sud Zone economiche speciali, De Vincenti: Campania molto avanti nelle proposte Fondazione Idis, Cgil: Regione assente, salta L'incontro Anm, De Luca: Regione darà 58 mln per i prepensionamenti De Luca su codice Anticorruzione: E' una vergogna Porto di Salerno, Gallozzi: Preoccupati dal blocco delle opere Unione Industriali di Napoli, lunedì la presentazione della partnership con Elite Mediterraneo, Rapporto Srm: crescono i Paesi dell'area Mena, nuove opportunità per le Pmi del Sud Il “guastatore” e l'instabilità del sistema di potere L'importanza di un'Europa unita dall'industria E-Distribuzione porta la rete elettrica hi-tech in provincia di Avellino Carceri, il Garante dei detenuti: In Campania mancano 400 agenti L'apertura culturale dell'innovazione aperta Cpl, convenzioni con Consip per la fornitura di energia a Campania e Lazio Intimissimi sbarca negli Usa: primo store a New York Dario Oropallo rappresentante del Comune nella Fondazione Banco Napoli Confindustria, Boccia: Uniti con i nostri colleghi tedeschi nel chiedere politiche di sviluppo L'ambasciatore giapponese sui piani di Hitachi Rail, interesse crescente per la Campania All'ambasciata spagnola di Roma il punto sul conflitto con la Catalogna Real Sito di Carditello, accordo con il Touring Club per la promozione della Reggia Busitalia si rinnova: da oggi 24 nuovi mezzi per la flotta di Salerno Anm, accordo raggiunto "con riserva" dei sindacati Suor Orsola Benincasa, oltre 700 partecipanti alla prima edizione dei Job Days Campi Flegrei, individuata la “zona calda” che causò i terremoti degli anni Ottanta BL è a mille, successo per il nuovo store di Claudia Catapano Penisola Sorrentina, riconoscimento speciale all’artista sannita Giuseppe Leone Totò, a New York un docufilm dedicato al principe della risata "Fantasy Day", quattro giorni di eventi a Villa Bruno Ettore Mocella riconfermato alla guida di Confartigianato Campania Confindustria Benevento, successo per "Visit Beneventum" al Ttg di Rimini

kimbo shop ildenaro 016

Rossi, Viesti, Laterza e le vexata questio M

Gli italiani, diceva Montanelli, alla collaborazione preferiscono la collusione. (Esattamente come preferiscono l’inaugurazione alla manutenzione…). E si spiega così perché, individualmente intelligenti – oggi si potrebbe dire smart –, messi insieme non riescono a combinare nulla di buono eccellendo invece nel malaffare.
Una considerazione del genere deve aver ispirato sul Foglio il direttore generale della Banca d’Italia Salvatore Rossi che, rompendo una tradizione di silenzio, ha voluto dire la sua sulla “vexata questio meridionale” per spiegare che il problema della mancata crescita è l’assistenzialismo secolare che genera sprechi e inefficienza.
Se la pratica della collusione è un tratto nazionale, è nel Mezzogiorno che trova la sua massima applicazione con ciò vanificando ogni sforzo propositivo. Sappiamo, si legge, che al Sud l’illegalità diffusa è molto più presente che al Nord pur non essendo affatto prerogativa esclusiva dei meridionali. Manca un adeguato capitale sociale.
Questa situazione, è la tesi di Rossi, condiziona pesantemente l’utilizzo delle risorse economiche che al Sud - si azzarda - non sono mai mancate. Né mancano oggi, perché equamente distribuite rispetto al Nord. Che si parli di istruzione, sanità, giustizia o altro, i soldi sono allocati dallo Stato con equanimità. E non basta.
I meridionali, si dice, sono avvantaggiati dalla distribuzione operata al centro perché versano meno tasse (sono mediamente più poveri) ma ricevono lo stesso stanziamento pro capite; con questo drenando e sciupando la ricchezza che gli operosi cittadini lombardi e veneti (non per niente desiderosi di staccarsi) producono.
Insorge Gianfranco Viesti sul Mattino e risponde sul Foglio Alessandro Laterza attaccando questa posizione con l’aiuto di numeri che dimostrano come - se è vero che i settentrionali versano di più al fisco è anche vero che - quello che giunge in basso è assai poco pur mettendo nel conto i fondi europei e della coesione sociale.
Tutti e tre gli interventi sono portati con eleganza. Gli autori si confrontano con civiltà e mettono al servizio dei rispettivi argomenti le loro conoscenze empiriche e scientifiche. Ma la distanza è davvero grande e non si capisce come sia possibile che a settant’anni dalla sua nascita la Questione Meridionale resti sulla linea di partenza.
O forse no. Perché su un punto sembrano tutti convergere. Se agli albori della discussione s’immaginava che si potesse un giorno giungere a un’onorevole composizione degli interessi, con le due Italie finalmente unite, oggi questa speranza sembra persa e il divario si mostra come una condanna immodificabile e permanente.
Nonostante qualche spiraglio fatto balenare qua e là nelle spiegazioni dei duellanti, appare evidente che la fiducia nel cambiamento venga sempre più a mancare. E in presenza di risorse considerate comunque scarse ciascuna parte cerca di assicurarsene il più possibile non credendo più in una composizione virtuosa del confronto.
Resta da capire a chi giovi una più accentuata frammentazione del Paese con rinascenti egoismi e intellettuali contrapposti per dar ragione a questa o quella fazione minando l’unità nazionale che è il minimo sindacale per aver voce in capitolo in un’Europa alla ricerca di una coesione vera per fronteggiare sfide mondiali.