Log in
NEWS
Cardiologia, massimi esperti si confrontano a Napoli Terzo settore, finanziamenti agevolati: domande dal 7 novembre Startup Booster 2018, nuovo bando per Pmi e spinoff hi-tech Impact Connected Car: fino a 60mila euro a fondo perduto per 60 Pmi Agroalimentare campano in Mostra a Gustus, via al bando per le Pmi: domande entro il 31 ottobre Dai giovani alle imprese: ecco la Manovra del Governo per il Sud Zone economiche speciali, De Vincenti: Campania molto avanti nelle proposte Fondazione Idis, Cgil: Regione assente, salta L'incontro Anm, De Luca: Regione darà 58 mln per i prepensionamenti De Luca su codice Anticorruzione: E' una vergogna Porto di Salerno, Gallozzi: Preoccupati dal blocco delle opere Unione Industriali di Napoli, lunedì la presentazione della partnership con Elite Mediterraneo, Rapporto Srm: crescono i Paesi dell'area Mena, nuove opportunità per le Pmi del Sud Il “guastatore” e l'instabilità del sistema di potere L'importanza di un'Europa unita dall'industria E-Distribuzione porta la rete elettrica hi-tech in provincia di Avellino Carceri, il Garante dei detenuti: In Campania mancano 400 agenti L'apertura culturale dell'innovazione aperta Cpl, convenzioni con Consip per la fornitura di energia a Campania e Lazio Intimissimi sbarca negli Usa: primo store a New York Dario Oropallo rappresentante del Comune nella Fondazione Banco Napoli Confindustria, Boccia: Uniti con i nostri colleghi tedeschi nel chiedere politiche di sviluppo L'ambasciatore giapponese sui piani di Hitachi Rail, interesse crescente per la Campania All'ambasciata spagnola di Roma il punto sul conflitto con la Catalogna Real Sito di Carditello, accordo con il Touring Club per la promozione della Reggia Busitalia si rinnova: da oggi 24 nuovi mezzi per la flotta di Salerno Anm, accordo raggiunto "con riserva" dei sindacati Suor Orsola Benincasa, oltre 700 partecipanti alla prima edizione dei Job Days Campi Flegrei, individuata la “zona calda” che causò i terremoti degli anni Ottanta BL è a mille, successo per il nuovo store di Claudia Catapano Penisola Sorrentina, riconoscimento speciale all’artista sannita Giuseppe Leone Totò, a New York un docufilm dedicato al principe della risata "Fantasy Day", quattro giorni di eventi a Villa Bruno Ettore Mocella riconfermato alla guida di Confartigianato Campania Confindustria Benevento, successo per "Visit Beneventum" al Ttg di Rimini

kimbo shop ildenaro 016

Il ritorno della finanza per l'impresa

Due avvenimenti della settimana appena passata riportano al cento dell’attenzione un articolo che sembrava destinato ad ammuffire nei depositi delle banche: la finanza d’impresa, quella buona si potrebbe dire, che produce effetti positivi sull’economia reale assistendo la produzione, accompagnando la crescita delle aziende, generando benessere.

Una finanza per qualcosa, insomma, e non fine a se stessa come abbiamo conosciuto in questi lunghi anni di crisi dovuta all’incontrollata lievitazione di bolle speculative con prezzi completamente sganciati dagli effettivi valori dei beni: materia per addetti ai lavori che con pochi scrupoli hanno riempito le proprie tasche e impoverito tutti gli altri.

La finanza d’impresa, dunque, è stata celebrata in Borsa nella mitica piazza Affari che ha ospitato la prima edizione dell’Italian Equity Week: tre giorni durante i quali duecento imprese quotate e non hanno incontrato centocinquanta investitori istituzionali per discutere faccia a faccia di strategie di sviluppo, opportunità di business, futuro.

Il mercato dei capitali si è presentato per quello che dovrebbe essere: un’ancella al servizio di iniziative imprenditoriali meritevoli perché promettenti. Un segnale molto importante che mette insieme le esigenze di chi presta e chi riceve in un clima di fiducia e nella logica di rinforzare entrambe le parti per un grande progetto di rilancio del Paese.

L’altra iniziativa che va nella stessa direzione riguarda l’accordo sottoscritto da Confindustria e Ubi Banca per sostenere le imprese impegnate in processi d’innovazione che accettano la sfida digitale e vogliono accrescere la propria dimensione aziendale per migliorare la capacità competitiva e potersi affacciare sui mercati internazionali.

Ubi porta in dote un miliardo e s’impegna a prestare consulenza per attivare, in particolare, le opportunità offerte dal piano nazionale di Industria 4.0. Confindustria mette a disposizione i suoi Digital Innovation Hub come terreno di coltura ideale per far nascere e prosperare questo nuovo tipo d’integrazione tra la banca e l’impresa, facce della stessa medaglia.

L’obiettivo, infatti, come esplicitamente dichiarato dai presidenti delle due istituzioni – Vincenzo Boccia e Letizia Moratti – è crescere insieme per costruire un Paese forte e orgoglioso di un apparato creditizio e industriale che nonostante difficoltà e diffidenze esprime comunque il secondo sistema manifatturiero d’Europa, tra i primi al mondo.

Il fatto è che il posto d’onore - quello del numero uno essendo appannaggio della Germania – ci è invidiato e insidiato esplicitamente dalla Francia e in cuor suo dall’Inghilterra che con la Brexit vorrebbe scatenare quelle energie che l’Europa le avrebbe compresso. Dunque, è vietato dormire sugli allori ed è indispensabile darsi da fare per consolidare le posizioni.

Questa svolta industriale del Paese – la scelta cioè di puntare sulla qualità delle sue imprese e delle sue produzioni (vedi alla voce Made in Italy) per modernizzarsi – è una buona notizia. Naturalmente non basta decidere una cosa perché questa produca i risultati sperati ma occorre lavorarci intorno per renderla effettiva. Qualcosa comincia a muoversi.

 

Due avvenimenti della settimana appena passata riportano al cento dell’attenzione un articolo che sembrava destinato ad ammuffire nei depositi delle banche: la finanza d’impresa, quella buona si potrebbe dire, che produce effetti positivi sull’economia reale assistendo la produzione, accompagnando la crescita delle aziende, generando benessere.

Una finanza per qualcosa, insomma, e non fine a se stessa come abbiamo conosciuto in questi lunghi anni di crisi dovuta all’incontrollata lievitazione di bolle speculative con prezzi completamente sganciati dagli effettivi valori dei beni: materia per addetti ai lavori che con pochi scrupoli hanno riempito le proprie tasche e impoverito tutti gli altri.

La finanza d’impresa, dunque, è stata celebrata in Borsa nella mitica piazza Affari che ha ospitato la prima edizione dell’Italian Equity Week: tre giorni durante i quali duecento imprese quotate e non hanno incontrato centocinquanta investitori istituzionali per discutere faccia a faccia di strategie di sviluppo, opportunità di business, futuro.

Il mercato dei capitali si è presentato per quello che dovrebbe essere: un’ancella al servizio di iniziative imprenditoriali meritevoli perché promettenti. Un segnale molto importante che mette insieme le esigenze di chi presta e chi riceve in un clima di fiducia e nella logica di rinforzare entrambe le parti per un grande progetto di rilancio del Paese.

L’altra iniziativa che va nella stessa direzione riguarda l’accordo sottoscritto da Confindustria e Ubi Banca per sostenere le imprese impegnate in processi d’innovazione che accettano la sfida digitale e vogliono accrescere la propria dimensione aziendale per migliorare la capacità competitiva e potersi affacciare sui mercati internazionali.

Ubi porta in dote un miliardo e s’impegna a prestare consulenza per attivare, in particolare, le opportunità offerte dal piano nazionale di Industria 4.0. Confindustria mette a disposizione i suoi Digital Innovation Hub come terreno di coltura ideale per far nascere e prosperare questo nuovo tipo d’integrazione tra la banca e l’impresa, facce della stessa medaglia.

L’obiettivo, infatti, come esplicitamente dichiarato dai presidenti delle due istituzioni – Vincenzo Boccia e Letizia Moratti – è crescere insieme per costruire un Paese forte e orgoglioso di un apparato creditizio e industriale che nonostante difficoltà e diffidenze esprime comunque il secondo sistema manifatturiero d’Europa, tra i primi al mondo.

Il fatto è che il posto d’onore - quello del numero uno essendo appannaggio della Germania – ci è invidiato e insidiato esplicitamente dalla Francia e in cuor suo dall’Inghilterra che con la Brexit vorrebbe scatenare quelle energie che l’Europa le avrebbe compresso. Dunque, è vietato dormire sugli allori ed è indispensabile darsi da fare per consolidare le posizioni.

Questa svolta industriale del Paese – la scelta cioè di puntare sulla qualità delle sue imprese e delle sue produzioni (vedi alla voce Made in Italy) per modernizzarsi – è una buona notizia. Naturalmente non basta decidere una cosa perché questa produca i risultati sperati ma occorre lavorarci intorno per renderla effettiva. Qualcosa comincia a muoversi.