Log in
NEWS
Cardiologia, massimi esperti si confrontano a Napoli Terzo settore, finanziamenti agevolati: domande dal 7 novembre Startup Booster 2018, nuovo bando per Pmi e spinoff hi-tech Impact Connected Car: fino a 60mila euro a fondo perduto per 60 Pmi Agroalimentare campano in Mostra a Gustus, via al bando per le Pmi: domande entro il 31 ottobre Dai giovani alle imprese: ecco la Manovra del Governo per il Sud Zone economiche speciali, De Vincenti: Campania molto avanti nelle proposte Fondazione Idis, Cgil: Regione assente, salta L'incontro Anm, De Luca: Regione darà 58 mln per i prepensionamenti De Luca su codice Anticorruzione: E' una vergogna Porto di Salerno, Gallozzi: Preoccupati dal blocco delle opere Unione Industriali di Napoli, lunedì la presentazione della partnership con Elite Mediterraneo, Rapporto Srm: crescono i Paesi dell'area Mena, nuove opportunità per le Pmi del Sud Il “guastatore” e l'instabilità del sistema di potere L'importanza di un'Europa unita dall'industria E-Distribuzione porta la rete elettrica hi-tech in provincia di Avellino Carceri, il Garante dei detenuti: In Campania mancano 400 agenti L'apertura culturale dell'innovazione aperta Cpl, convenzioni con Consip per la fornitura di energia a Campania e Lazio Intimissimi sbarca negli Usa: primo store a New York Dario Oropallo rappresentante del Comune nella Fondazione Banco Napoli Confindustria, Boccia: Uniti con i nostri colleghi tedeschi nel chiedere politiche di sviluppo L'ambasciatore giapponese sui piani di Hitachi Rail, interesse crescente per la Campania All'ambasciata spagnola di Roma il punto sul conflitto con la Catalogna Real Sito di Carditello, accordo con il Touring Club per la promozione della Reggia Busitalia si rinnova: da oggi 24 nuovi mezzi per la flotta di Salerno Anm, accordo raggiunto "con riserva" dei sindacati Suor Orsola Benincasa, oltre 700 partecipanti alla prima edizione dei Job Days Campi Flegrei, individuata la “zona calda” che causò i terremoti degli anni Ottanta BL è a mille, successo per il nuovo store di Claudia Catapano Penisola Sorrentina, riconoscimento speciale all’artista sannita Giuseppe Leone Totò, a New York un docufilm dedicato al principe della risata "Fantasy Day", quattro giorni di eventi a Villa Bruno Ettore Mocella riconfermato alla guida di Confartigianato Campania Confindustria Benevento, successo per "Visit Beneventum" al Ttg di Rimini

kimbo shop ildenaro 016

La nuova sfida delle Confindustrie d'Europa

La partecipazione martedì 29 agosto all’assemblea generale della Confindustria francese – guidata da un imprenditore di lungo corso e figlio d’arte come Pierre Gattaz – dei presidenti delle organizzazioni omologhe d’Italia (Vincenzo Boccia), Germania (Dieter Kempf) e Spagna (Juan Rosell) è stata molto più che una manifestazione di cortesia.
Sia pure in un’atmosfera costruita per esaltare il ruolo centrale in Europa di una Nazione rinata nelle ambizioni e nella volontà, frutto del nuovo racconto avviato dall’ambizioso premier Emmanuel Macron, l’incontro e il confronto avuti in un clima rovente per il gran caldo hanno messo in chiaro alcuni punti che vale la pena di esaminare.
In primo luogo è apparso evidente che i leader degli industriali hanno un’idea abbastanza condivisa di che cosa sia utile ai rispettivi Paesi per crescere essendo questo l’obiettivo primario al quale occorre mirare senza indugio attraverso riforme coraggiose, anche impopolari, per accrescere la competitività delle imprese e del sistema Paese.
Le Confindustrie di Francia, Italia, Germania e Spagna – che con l’uscita della Gran Bretagna assumono un ruolo di maggior peso nell’Unione – sanno che la sfida non potrà essere tra i Paesi d’Europa ma tra costoro e il resto del mondo. Solo se l’Unione europea si presenterà coesa potrà fronteggiare giganti come gli Stati Uniti, la Cina, l’India.
Dunque, occorre trasferire ai rispettivi Paesi questo messaggio: non facciamo come i polli di Renzo (Renzo!) che si beccano a vicenda mentre la loro sorte è già segnata ma facciamo corpo con politiche che accrescano la forza economica e contrattuale dell’intero Continente, il più ricco del mondo e per questo oggetto del desiderio di chi vorrebbe conquistarne il mercato.
Per fare questo occorre mettere da parte orgogli personali e ideologie per assumere atteggiamenti responsabilmente pragmatici. Ben sapendo che le eventuali conquiste non potranno essere di vantaggio alla sola classe dei privilegiati perché il benessere dovrà essere distribuito per sanare le piaghe sociali portate dall’eccesso di differenza e dalla povertà.
Gli industriali europei concordano dunque sulla necessità di venir fuori dalla rappresentanza dei soli interessi di categoria per interpretare i bisogni di una società che per effetto della globalizzazione si sente minacciata e vive in ansia. I giovani, soprattutto in Italia, rischiano di non entrare mai in gioco mentre l’innovazione ha bisogno di loro.
Episodi come quello che vede per protagonisti Stx e Fincantieri – con la Francia che si rimangia la disponibilità a cedere la maggioranza all’azienda italiana accettando il rischio di far saltare l’accordo – sono l’esempio di come non ci si deve comportare se il fine è costruire campioni industriali europei in grado di vincere la concorrenza dei colossi mondiali.
È chiaro ed evidente a tutti che finché la palla resterà in mano ai governi nazionali la tentazione di giocare a vantaggio del proprio Paese sarà più forte del desiderio di provare a fare corpo. L’Europa politica, allora, si dovrà dotare di strumenti adatti a svolgere quei compiti di rappresentanza comune che finora sono rimasti solo sulla carta.