Log in
NEWS
Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese Erasmus giovani imprenditori global: le domande entro il 30 agosto Scavi di Pompei, ieri guasto all'impianto di illuminazione: le visite notturne riprendono Anche questo sarà il nostro tempo La consistenza dell’intangibile Torre del Greco, sciolto il Consiglio: arriva il commissario Attentato Barcellona, a Napoli bandiere a mezz'asta a Palazzo S. Giacomo La lezione di Roosevelt: un New Deal per l'Italia Ad ogni opera d'arte il giusto tipo d'esposizione Attacco terroristico a Barcellona: furgone contro la folla sulla Rambla, morti e feriti Guardia Sanframondi, ordinanza del sindaco: No a cellulari e filmati per il rito dei Flagellanti Il volo dell'angelo della console Usa a Napoli Il consolato d'Australia porta "Troppo Napoletano" ad Adelaide Luigi Mercogliano nominato nella direzione regionale di Fdi-An Parco Archeologico di Ercolano, visitatori in aumento: + 16,70% rispetto al 2016

kimbo shop ildenaro 016

Radio e tv, un nuovo racconto dell'impresa

L’assemblea delle aziende radio televisive che si riconoscono in Confindustria si chiude con un passaggio molto interessante del presidente Franco Siddi. Un contributo concreto – queste le testuali parole – al prezioso lavoro che il presidente Boccia ha già con successo avviato fin dall’inizio del suo mandato: l’impegno a raccontare in modo nuovo l’industria italiana, suoi valori, i suoi protagonisti, la sua storia e il suo futuro.

Detto di fronte all’ampia platea degli associati – in prima fila il presidente e il direttore generale della Rai Monica Maggioni e Mario Orfeo e il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri –, si tratta di un’apertura senza precedenti che fa giustizia di un’indifferenza troppo a lungo coltivata nonostante il compito di motore dell’economia che il mondo della produzione svolge determinando la ricchezza o la povertà di un territorio e delle famiglie che lo abitano.

È innanzitutto nostra responsabilità – prosegue Siddi – raccontare agli italiani cosa significa fare impresa oggi, come sta cambiando il mondo del lavoro, quali sono i modelli a cui ispirarsi piuttosto che le competenze necessarie per affermare le proprie idee e i propri progetti. E ancora: L’immaginario creato dalle fiction, così come anche il dibattito pubblico ispirato e rappresentato da tutte le radio e le televisioni italiane, rivestono un ruolo fondamentale nel rilancio economico e sociale del nostro Paese.

Difficilmente si sarebbe potuto dire meglio e questa consapevolezza così chiaramente espressa è il segnale di una crescente maturità di un pezzo importante del ceto dirigente nazionale, condizione indispensabile per avviare quella svolta culturale più volte richiamata e mai compiuta. Svolta culturale che dovrebbe aiutare a superare il pregiudizio anti industriale di un Paese che è il secondo per forza manifatturiera in Europa anche se a saperlo è solo un terzo degli italiani.

Tutto questo nonostante i numerosi e pesanti vincoli che ne limitano l’operatività come un più alto livello delle tasse, un maggiore costo dell’energia, una burocrazia orientata a frenare piuttosto che accelerare i processi, una giustizia che ha fatto della sua lentezza e imprevedibilità la sua cifra distintiva. Una conferma della capacità tutta speciale degli imprenditori italiani che non per niente si distinguono in tutto il mondo per abilità e attitudine a raggiungere risultati lusinghieri.

Musica per le orecchie del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia che, presente all’evento, accoglie con gioia proposito e apertura di Siddi convinto com’è che il futuro del nostro Paese si combatte proprio sul terreno della definitiva e totale legittimazione del ruolo dell’industria – intesa nel senso largo che accoglie servizi, turismo, cultura, costruzioni, armamento – come fattore determinante del successo di una società.

Una società aperta e inclusiva, che faccia della questione industriale la vera questione nazionale in grado di colmare la frattura tra Nord e Sud e annullare la dicotomia tra imprese e famiglie perché se le prime assumono a beneficiarne sono proprio i figli delle seconde. Tutto si tiene in un quadro organico di politica economica che miri a migliorare il benessere collettivo e a combattere la povertà. Ed è davvero una buona notizia che la più formidabile macchina del consenso – radio e tv – si candidi a dare una mano.