Log in
NEWS
Regione, Lepore a Caserta: A breve il via libera al Piano energetico regionale Area Med, dalle crisi nascono nuove opportunità: a Napoli Atenei alleati per sviluppo Gesac, incontro con De Luca: verso la rete integrata degli aeroporti Campagna Nastro Rosa, a Napoli controlli senologici gratuiti Presidio medico di primo soccorso nella Stazione di Napoli Centrale Smartup Optima, via al bando della terza edizione: in palio 5mila euro Anche la Russia ha la sua criptomoneta Banca di Credito Popolare, via libera al piano indistriale 2019-2020 Gruppo Grimaldi, finanziato il restauro di due chiese napoletane Infertilità di coppia: il kit della napoletana KronosDNA riduce tempi e costi della diagnosi Coca-Cola Hbc, giornata di formazione dedicata ai giovani campani Da Salerno a Washington, Giffoni Experience diventa un caso di studio Osservatorio Gei: ripresa in corso, nel 2018 Pil del Mezzogiorno cresce dell'1,1% Bando Donne, 2 milioni al Sud per progetti contro la violenza di genere Graded e Protom entrano nel Programma Elite Costalli (Mcl) al Premio Sepe: Per una vera ripartenza servono politiche chiare e proposte forti Ministero obbliga i genitori ad accompagnare e prelevare i figli a scuola fino ai 14 anni Premio Salernitani Doc, ecco i 35 riconoscimenti assegnati Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve"

kimbo shop ildenaro 016

Crescita, buone notizie dal territorio

Le timide buone notizie che cominciano ad arrivare dal territorio - da Milano in perenne fermento, dalle regioni del Nord Est che inseguono il loro primato, perfino da Napoli e dal Mezzogiorno il cui prodotto interno lordo aumenta quanto la media nazionale – sono motivo di conforto.

La maggiore preoccupazione è che si possa cantare vittoria troppo presto e abbandonare il percorso, lungo e difficile per le condizioni di partenza, prima che sia completamente compiuto.

Per prima cosa sarà bene riconoscere che la politica dei fattori, proposta da Confindustria e accettata dal governo, sta dando i suoi frutti. E infatti sia il presidente degli industriali Vincenzo Boccia che l’ex premier Matteo Renzi possono dichiarare la propria soddisfazione.

Per usare una vecchia metafora, messo di fronte all’acqua degli iper e super ammortamenti di Industria 4.0, del credito d’imposta per l’innovazione, dei contratti di sviluppo, della nuova Sabatini, del Jobs act, e delle altre misure (spesso regionali) predisposte all’occorrenza, il cavallo dell’impresa ha finalmente deciso di bere.

È un importante segno di vitalità che riguarda l’intera nazione e che taglia le ali alle due Questioni che nel tempo hanno cercato di catturare l’attenzione e la benevolenza dell’opinione pubblica: la Meridionale che ha tenuto banco per decenni senza portare a nessuna soluzione e la Settentrionale che si è affacciata subito dopo raggiungendo i medesimi risultati.

Segno che l’idea di usare strumentalmente la divisione economica tra l’Italia del Nord e l’Italia del Sud – che comunque esiste, è molto forte e va combattuta – come motivo di rivendicazioni dell’una parte a danno dell’altra non ha funzionato. Ed è stata un pretesto per bruciare soldi, tanti soldi, che sono andati a finanziare rendite e parassitismi di ogni genere.

Ecco perché appare salutare riassumere le due vecchie questioni in un’unica Nazionale che si confonde con quella Industriale che ha il vantaggio di non conoscere confini e può essere spesa almeno fino alla taglia europea. Ed è anacronistico voler rilanciare adesso un blocco settentrionale come qualcuno minaccia e qualcun altro teme.

D’altra parte la soppressione in Confindustria del Comitato Mezzogiorno – dov’erano confinati i problemi di un Sud ripiegato su se stesso – sostituito da un Comitato delle Regioni affidato alla presidenza di un quasi tedesco come il bolzanino Stefan Pan per armonizzare i rapporti tra le diverse aree del Paese, è da sola un programma.

Dunque, la Questione Industriale interviene come rimedio alla perdita di aziende, di reddito, di occupazione: dispiega i suoi vantaggi prevalentemente al Nord, dov’è ubicato il maggior numero delle imprese, e viene amplificata al Sud per la più forte intensità riservata agli stessi interventi in una logica allo stesso tempo unitaria e mirata.

Il tutto accompagnato da una ritrovata intesa sulla necessità di varare un piano straordinario per l’inclusione dei giovani del mondo del lavoro – imprese private e pubblica amministrazione – come migliore risposta alla domanda di sicurezza e futuro che viene dalle famiglie.

Una sintesi che promette, incrociando le dita, di funzionare.