Log in
NEWS
Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils Torre del Greco, D'Elia (M5s): Al via il laboratorio di democrazia diretta Torre del Greco, Mdp: Ripristinata la legalità Imprese, il report di Intesa Sanpaolo: arrancano le italiane, +20% per quelle di immigrati Napoli, de Magistris: Per il turismo estate eccellente Siti Unesco, apre la Grotta preistorica di Camerota Start up e servizi digitali: percorso di accelerazione per 4 nuove imprese Erasmus giovani imprenditori global: le domande entro il 30 agosto Scavi di Pompei, ieri guasto all'impianto di illuminazione: le visite notturne riprendono Anche questo sarà il nostro tempo La consistenza dell’intangibile Torre del Greco, sciolto il Consiglio: arriva il commissario Attentato Barcellona, a Napoli bandiere a mezz'asta a Palazzo S. Giacomo La lezione di Roosevelt: un New Deal per l'Italia Ad ogni opera d'arte il giusto tipo d'esposizione Attacco terroristico a Barcellona: furgone contro la folla sulla Rambla, morti e feriti Guardia Sanframondi, ordinanza del sindaco: No a cellulari e filmati per il rito dei Flagellanti Il volo dell'angelo della console Usa a Napoli Il consolato d'Australia porta "Troppo Napoletano" ad Adelaide Luigi Mercogliano nominato nella direzione regionale di Fdi-An Parco Archeologico di Ercolano, visitatori in aumento: + 16,70% rispetto al 2016

kimbo shop ildenaro 016

Crescita, buone notizie dal territorio

Le timide buone notizie che cominciano ad arrivare dal territorio - da Milano in perenne fermento, dalle regioni del Nord Est che inseguono il loro primato, perfino da Napoli e dal Mezzogiorno il cui prodotto interno lordo aumenta quanto la media nazionale – sono motivo di conforto.

La maggiore preoccupazione è che si possa cantare vittoria troppo presto e abbandonare il percorso, lungo e difficile per le condizioni di partenza, prima che sia completamente compiuto.

Per prima cosa sarà bene riconoscere che la politica dei fattori, proposta da Confindustria e accettata dal governo, sta dando i suoi frutti. E infatti sia il presidente degli industriali Vincenzo Boccia che l’ex premier Matteo Renzi possono dichiarare la propria soddisfazione.

Per usare una vecchia metafora, messo di fronte all’acqua degli iper e super ammortamenti di Industria 4.0, del credito d’imposta per l’innovazione, dei contratti di sviluppo, della nuova Sabatini, del Jobs act, e delle altre misure (spesso regionali) predisposte all’occorrenza, il cavallo dell’impresa ha finalmente deciso di bere.

È un importante segno di vitalità che riguarda l’intera nazione e che taglia le ali alle due Questioni che nel tempo hanno cercato di catturare l’attenzione e la benevolenza dell’opinione pubblica: la Meridionale che ha tenuto banco per decenni senza portare a nessuna soluzione e la Settentrionale che si è affacciata subito dopo raggiungendo i medesimi risultati.

Segno che l’idea di usare strumentalmente la divisione economica tra l’Italia del Nord e l’Italia del Sud – che comunque esiste, è molto forte e va combattuta – come motivo di rivendicazioni dell’una parte a danno dell’altra non ha funzionato. Ed è stata un pretesto per bruciare soldi, tanti soldi, che sono andati a finanziare rendite e parassitismi di ogni genere.

Ecco perché appare salutare riassumere le due vecchie questioni in un’unica Nazionale che si confonde con quella Industriale che ha il vantaggio di non conoscere confini e può essere spesa almeno fino alla taglia europea. Ed è anacronistico voler rilanciare adesso un blocco settentrionale come qualcuno minaccia e qualcun altro teme.

D’altra parte la soppressione in Confindustria del Comitato Mezzogiorno – dov’erano confinati i problemi di un Sud ripiegato su se stesso – sostituito da un Comitato delle Regioni affidato alla presidenza di un quasi tedesco come il bolzanino Stefan Pan per armonizzare i rapporti tra le diverse aree del Paese, è da sola un programma.

Dunque, la Questione Industriale interviene come rimedio alla perdita di aziende, di reddito, di occupazione: dispiega i suoi vantaggi prevalentemente al Nord, dov’è ubicato il maggior numero delle imprese, e viene amplificata al Sud per la più forte intensità riservata agli stessi interventi in una logica allo stesso tempo unitaria e mirata.

Il tutto accompagnato da una ritrovata intesa sulla necessità di varare un piano straordinario per l’inclusione dei giovani del mondo del lavoro – imprese private e pubblica amministrazione – come migliore risposta alla domanda di sicurezza e futuro che viene dalle famiglie.

Una sintesi che promette, incrociando le dita, di funzionare.