Log in
NEWS
Giovane morto al Loreto mare, è bufera nella Sanità campana Sui sentieri degli dei, ad Agerola omaggio a Rino Gaetano Made in Italy, studio di Confartigianato: Protagoniste le piccole imprese Gianfranco Rotondi (Fi): Alle elezioni ci sarà un vincitore e sarà il centrodestra Regione, aumento stipendio ai manager. Di Scala (Fi): Grottesca difesa di De Gregorio Guardia Sanframondi, al via domani i "Riti Settennali" Roghi, emergenza sui Monti Lattari: fiamme vicino ad hotel Napoli, Moxedano: Situazione trasporti sempre più complicata Confartigianato: Le Pmi italiane pagano l'energia il 29% in più rispetto alla media Ue Montenero, al via la prima edizione di "Corti al Mulino" Premio Capri Danza International, al via la V edizione alla Certosa di San Giacomo Attentato Barcellona, a Napoli rafforzate le misure di sicurezza Diwine Jazz Festival, a Montecorice quattro serate tra vino e buona musica Da Pasqualino, omaggio a Capri: ecco i faraglioni di pizza Ermanno Russo: Che errore depotenziare l'oculistica al Vecchio Pellegrini Napoli, Comune: Dal 28 ordinanza per fornire indicazioni sui vaccini Geometri, Carlino: Al fianco dei periti industriali per il campetto a Scampia Estate, 38 mln di italiani in vacanza: tra i souvenir i prodotti tipici del territorio Giovani Confapi Napoli, Marrone: Bene l'occupazione, investire sulla formazione Lavoro, dati Cgia: nell'ultima parte dell'anno 123 mila nuovi posti Fca, dopo Geely e Dongfeng anche Guangzhou smentisce interesse all'acquisizione Teatro, Kronos e Medea a Velia tra classici e archeologia Alto Calore, Cammarano (M5s): Accordo a perdere con l'Acquedotto pugliese Morto Vincenzo Abate, pioniere della fecondazione artificiale Universiadi Napoli 2019: presentato a Taipei il video ufficiale Partecipazione delle Pmi alle gare pubbliche: bando Cosme da 350mila euro Poli innovativi dell'infanzia, 14,4 milioni alla Campania Treni regionali, 640 milioni dal Governo Ssc Napoli, assessore Borriello: Nuova convenzione per lo stadio, risolte le pendenze Confapi Napoli, Giglio: Incidenti in mare, più controlli ai presidi di salvataggio Benevento, Mortaruolo (Pd): Dalla Regione contributi a 47 Pro Loco Ecolamp, Napoli e provincia al 56% di raccolta di lampadine esauste Miss Mondo Italia, lunedì tappa nel salernitano Morto a Napoli il direttore della Comunicazione Msc Maurizio Salvi Attentato Barcellona, 14 morti: anche due italiani. Nella notte attacco sventato a Cambrils

kimbo shop ildenaro 016

Pensiero e azione, cent'anni di futuro a Napoli

Alla presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella si svolgerà il 21 e 22 prossimi, mercoledì e giovedì, la terza e ultima tornata delle celebrazioni per il centenario di Confindustria Napoli. Qualcuno potrebbe chiedere che cosa ci sia da festeggiare e bene farebbe perché ci darebbe la possibilità di rispondere.

Intanto è l’occasione per ricordare che l’insediamento industriale al Sud è antico e nobile. Dopo i fasti dell’epoca borbonica (i fasti, proprio così) con i tanti primati che si possono riconoscere dopo troppi anni di negazione e nascondimento, è utile mettere alcuni puntini sulle “i” rimaste orfane.

Il fatto che questo accada con la legittimazione del Presidente della Repubblica dovrebbe aiutare a trovare il coraggio e la fiducia a lungo mancate per il senso di colpa che ha accompagnato un intero ceto dirigente, politico e imprenditoriale, almeno dalla fine dell’intervento straordinario a oggi.

Dunque, Napoli è stata una grande città industriale e ci sono tutte le condizioni perché possa tornare ad esserlo in senso moderno. Ci sono i capitali, gli strumenti, le persone (gli imprenditori che ce la fanno qui diventano immortali) e manca solo una forte determinazione che spazzi via la rassegnazione.

È vero, la distanza con il Nord che la Svimez misura da mezzo secolo con certosina precisione continua ad allargarsi. E il reddito per abitante, almeno quello misurato dalle stime ufficiali, è ancora una frazione di quello nazionale. Ma accanto alle debolezze evidenti cominciano ad emergere i punti di forza.

Merito anche di una nuova visione di Confindustria che rivendica la centralità della questione industriale in un Paese che vanta la seconda manifattura in Europa nonostante una cultura largamente ostile all’impresa considerata accaparratrice di risorse anziché motore di sviluppo condiviso.

Vuol dire che qualcosa si è sbagliato nel proporsi all’opinione pubblica e che c’è un vuoto da colmare come compito per gli anni a venire. Un vuoto che le organizzazioni di categoria possono (e quindi devono) colmare se diventano consapevoli del proprio ruolo e di quello che rappresentano.

La preferenza per l’impiego pubblico, pagato male ma in fin dei conti comodo e sciaguratamente privo di responsabilità, non ha la forza attrattiva di una volta perché si è capito che una società ben orientata e competitiva non ammette zone franche e tutti devono contribuire al successo comune.

Se il problema cardine del Mezzogiorno e della sua capitale resta il lavoro, segnatamente quello giovanile e femminile, la soluzione non può che essere ricercata e trovata in quelle particolari unità che vede operare insieme il popolo dei produttori unito nello sforzo di conquistare spazi e apprezzamenti di mercato.

Certo, occorre impegnarsi sui comportamenti che non devono più lasciare dubbi sulle finalità che non possono essere di vantaggio per alcuni e sofferenza per altri. Ma anche su questo sta mutando la coscienza e una più larga conoscenza delle pratiche migliori e delle potenzialità non può che far bene.

Offrire alla città una riflessione sulle capacità che contiene e le opportunità che potrebbe cogliere è un valore che va condiviso. Perché la ripresa, la ripartenza di cui tanto si parla e si scrive, non può che arrivare dagli uomini e dalle donne che dal dire passano al fare. Che al pensiero uniscono l’azione.