Log in
NEWS
Regione, Lepore a Caserta: A breve il via libera al Piano energetico regionale Area Med, dalle crisi nascono nuove opportunità: a Napoli Atenei alleati per sviluppo Gesac, incontro con De Luca: verso la rete integrata degli aeroporti Campagna Nastro Rosa, a Napoli controlli senologici gratuiti Presidio medico di primo soccorso nella Stazione di Napoli Centrale Smartup Optima, via al bando della terza edizione: in palio 5mila euro Anche la Russia ha la sua criptomoneta Banca di Credito Popolare, via libera al piano indistriale 2019-2020 Gruppo Grimaldi, finanziato il restauro di due chiese napoletane Infertilità di coppia: il kit della napoletana KronosDNA riduce tempi e costi della diagnosi Coca-Cola Hbc, giornata di formazione dedicata ai giovani campani Da Salerno a Washington, Giffoni Experience diventa un caso di studio Osservatorio Gei: ripresa in corso, nel 2018 Pil del Mezzogiorno cresce dell'1,1% Bando Donne, 2 milioni al Sud per progetti contro la violenza di genere Graded e Protom entrano nel Programma Elite Costalli (Mcl) al Premio Sepe: Per una vera ripartenza servono politiche chiare e proposte forti Ministero obbliga i genitori ad accompagnare e prelevare i figli a scuola fino ai 14 anni Premio Salernitani Doc, ecco i 35 riconoscimenti assegnati Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve"

kimbo shop ildenaro 016

Economia e società: le relazioni parallele di Visco e Boccia

Come in uno slalom parallelo le considerazioni finali del governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco e la relazione all’assemblea annuale del presidente di Confindustria Vincenzo Boccia hanno seguito il medesimo percorso girando intorno agli stessi paletti. Segno che i punti nevralgici del Paese sono condivisi così come i rimedi per superarli in una prospettiva di medio termine che non si appiattisca sui problemi quotidiani. Se Boccia propone a imprenditori, lavoratori e loro rappresentanti, politica, banche e istituzioni finanziarie un Patto per la crescita con l’obiettivo di uscire dalla criticità italiane e costruire una effettiva dimensione europea, Visco chiede il concorso convinto di tutti – imprenditori, lavoratori, amministratori pubblici – per conseguire un salto di qualità che consenta di favorire l’innovazione e migliorare i meccanismi che guidano l’allocazione delle risorse. E se il governatore dichiara che la questione del lavoro è centrale e riguarda l’integrazione sociale e la stessa identità personale, il presidente invita ad avviare una grande operazione per includere i giovani nel settore privato, certo, ma anche in quello pubblico attraverso l’azzeramento del cuneo fiscale nei i primi tre anni di contratto. Entrambi invocano un deciso aumento della produttività per passare dalle parole ai fatti. Identità di vedute anche sulla politica e sull’Europa. La prima, la politica, deve insistere lungo la strada delle riforme con perseveranza e coerenza secondo Boccia e con continuità e coerenza secondo Visco. La seconda, l’Europa, fa dire a Confindustria che la casa comune ha bisogno di forti riparazioni e alla Banca d’Italia che l’Unione è risultata più forte nel proibire che nel fare. Il che non implica che la si possa abbandonare perché resta un’ancora salda in un mondo che appare sempre più instabile. Entrambi offrono un tributo alla politica monetaria perseguita dalla Bce di Mario Draghi (quest’ultimo fisicamente presente alle considerazioni di Visco) per il sostegno alla domanda e il mantenimento della stabilità dei prezzi. Convergenza sulle banche italiane che fanno preoccupare Boccia perché appesantite dalle sofferenze e dunque rallentate nella capacitò di erogare credito ma in parte riscattate da Visco che spiega come il livello dei crediti incagliati sia molto più basso di quello comunemente stimato. Investimenti, crescita dell’efficienza produttiva, rivoluzione digitale, competitività, centralità del settore manifatturiero sono tutti argomenti che si ritrovano nei due discorsi e con gli stessi accenti. Così come l’urgenza d’intervenire sul debito pubblico, fattore di freno e vulnerabilità anche se ancora sostenibile, lavorando con maggiore lena dal lato della crescita perché almeno il rapporto con il prodotto interno lordo scenda a livelli di sicurezza. Scontato il traguardo comune, a questo punto, che per il numero uno degli imprenditori è un’Industria 4.0 per una Società 5.0 inclusiva e aperta, che metta al centro la persona, e per il banchiere centrale coincide con un Paese che sappia raggiungere risultati nell’interesse generale, che tenga conto di chi resta indietro e di chi arretra, che liberi l’economia da unitili vincoli, rendite di posizione, antichi e nuovi ritardi per un sistema sociale più giusto.