Log in
NEWS
Regione, Lepore a Caserta: A breve il via libera al Piano energetico regionale Area Med, dalle crisi nascono nuove opportunità: a Napoli Atenei alleati per sviluppo Gesac, incontro con De Luca: verso la rete integrata degli aeroporti Campagna Nastro Rosa, a Napoli controlli senologici gratuiti Presidio medico di primo soccorso nella Stazione di Napoli Centrale Smartup Optima, via al bando della terza edizione: in palio 5mila euro Anche la Russia ha la sua criptomoneta Banca di Credito Popolare, via libera al piano indistriale 2019-2020 Gruppo Grimaldi, finanziato il restauro di due chiese napoletane Infertilità di coppia: il kit della napoletana KronosDNA riduce tempi e costi della diagnosi Coca-Cola Hbc, giornata di formazione dedicata ai giovani campani Da Salerno a Washington, Giffoni Experience diventa un caso di studio Osservatorio Gei: ripresa in corso, nel 2018 Pil del Mezzogiorno cresce dell'1,1% Bando Donne, 2 milioni al Sud per progetti contro la violenza di genere Graded e Protom entrano nel Programma Elite Costalli (Mcl) al Premio Sepe: Per una vera ripartenza servono politiche chiare e proposte forti Ministero obbliga i genitori ad accompagnare e prelevare i figli a scuola fino ai 14 anni Premio Salernitani Doc, ecco i 35 riconoscimenti assegnati Chiesa, il vescovo di Pozzuoli disconosce i riti "ecumenici" Gruppo Cualbu, via ai lavori di riqualificazione dell'ex Birreria Peroni Capri Startup Competition, vince Carddia: nuova app per la salute Coolsun, made in Italy le vernici innovative per l'isolamento termico Climathon 2017, al via la maratona degli innovatori per rendere le città più green Vini d'Italia del Gambero Rosso, successo per la Campania Digital City: Bruxelles lancia la sfida per città smart Stefano Caldoro: Più fiducia in Ue grazie a Tajani Enel, nuovo Innovation Hub a Mosca Napoli, allarme smog: divieto di circolazione 3 giorni a settimana ma per i Verdi non basta Crediti ex Equitalia, lo Stato vuole svenderli a banche e finanziarie Gaetano Graziano nell'associazione nazionale Direttori di Centri Commerciali Gennaro Capodanno nuovo presidente dell'associazione "Jacopo Sannazaro" Premio Grassi, martedì la premiazione a Salerno Napoli, Caniglia e Gaudini: Dateci la delega alla gestione delle notti di movida Anicav su etichettatura dei derivati del pomodoro: Svolta storica Teatro, al Nuovo di Napoli il debutto de "Le Serve"

kimbo shop ildenaro 016

Italia, per uscire dall’angolo non basta lo Stellone

 

Avevamo cominciato la settimana con l’indicazione di una crescita nei primi tre mesi dell’anno pari allo 0,2 per cento sul trimestre precedente contro lo 0,5 della zona euro e la chiudiamo con la dichiarazione del governatore della Banca europea Mario Draghi per il quale la crisi nell’Unione è alle spalle, le economie nazionali tornano in salute, le imprese respirano a pieni polmoni e dunque non c’è motivo di continuare a pompare ossigeno nel sistema sotto forma di liquidità.

Era quello che la Germania chiedeva da tempo guardandosi bene dal pagare dazio per il forte surplus commerciale, ben oltre la quantità consentita dalle regole di buon vicinato, per accaparrarsi tutte le utilità dell’Europa unita dalla quale ha imparato a prendere di volta in volta quello che le serve trovandosi nella condizione di poterlo fare. L’esatto contrario di quello che capita all’Italia che sul campo del confronto comunitario sembra trovarsi sempre fuori gioco.

Meno liquidità nel sistema vuol dire far risalire i tassi d’interesse. E come tutti i bravi debitori sanno si tratta di una cattiva notizia perché aumenta il costo del denaro che si prende in prestito. Il nostro è un debito di tutto rispetto e nonostante gli sforzi (verbali) compiuti negli anni poco o niente siamo riusciti a fare per abbassarlo a un livello accettabile. Confrontato alla ricchezza del Paese, che è diminuita e stenta a risalire, è aumentato addirittura.

Dunque, quello che per Draghi è motivo di soddisfazione per l’Italia può essere motivo di disperazione perché le poche risorse disponibili serviranno a saldare i conti della nostra spesa invece che finanziare gli investimenti di cui abbiamo un grande bisogno per manutenere e modernizzare le infrastrutture, materiali e immateriali, che reggono la capacità competitiva delle imprese. Senza soldi non si cantano messe e tantomeno si può sfidare la concorrenza internazionale.

E non possiamo nemmeno dire che si tratti di una doccia fredda, di un imprevedibile accidente, perché i segnali che la pacchia monetaria stesse per terminare c’erano tutti. Piuttosto che guardarci negli occhi con senso d’intesa e rimboccarci le maniche per riparare ai danni dell’inerzia abbiamo preferito occuparci d’altro facendo lavorare la lingua più delle braccia e impigliandoci una volta di più nell’estenuante dibattito sulla forma da dare al voto prossimo venturo.

Ora, nessuno mette in dubbio l’importanza di avere una buona legge elettorale (ammesso che la si riesca a fare) ma affrontare un passaggio delicato come l’attuale nel massimo dell’incertezza politica - mentre avremmo bisogno dell’esatto contrario -non è la condizione ideale nemmeno per un Paese come il nostro dove si riesce a ricavare il meglio proprio quando si sta peggio. Troppi vincoli rischiano di fiaccare le più vigorose energie e le volontà più ferme.

E allora? E allora siamo nel classico angolo dal quale dobbiamo toglierci al più presto facendo ricorso alle doti di recupero di cui siamo capaci quando lo vogliamo. E dobbiamo confidare sulle nostre sole forze perché sulla sponda francese non possiamo fare affidamento come l’abboccamento del neo eletto Macron con la sempre verde Merkel suggerisce. È vero, su di noi brilla sempre lo Stellone. Ma questa volta dobbiamo impegnarci a lucidarlo un po’.