n63

Log in
NEWS
Cai, Napoli capitale della montagna: c'è l'assemblea nazionale Mann, flash mob per dire no alla sentenza del Tar Università di Salerno, occhialini 3D per il piano formativo in live surgery Napoli, il ministro Orlando a de Magistris: Noi attenti alla città Ariano International Film Festival, presentata a Cannes la V edizione Napoli, cambia la giunta. Il sindaco: non c'è giudizio politico Napoli, de Magistris: Governo garantisca più risorse Bcc Napoli, bilancio di solidità Matilda Cuomo e la formula magica del Mentoring Matilda Cuomo premia Boccia alla Camera di Commercio di Salerno Nei guai amministratore di società che trasporta dializzati Mostre, Pina Gagliardi a Capri dal 3 giugno Confindustria, Benevento Calcio tra le 10 imprese neoassociate citate da Boccia Mann, lettera degli intellettuali: Sentenza crea danno incalcolabile Napoli, il presidente della Commissione Trasparenza Palmieri: Rischio default Ex Isochimica, teste in aula: Amianto smontato anche in stazione Premio Morante Ragazzi, Floris super-vincitore Medicina, il ministro Fedeli a Salerno: Decreti per le scuole di specializzazione entro luglio Federico II, premi e concerti per compleanno dell'università Regione, si insedia Osservatorio su mercato del lavoro Crisi Anm e Ctp, De Luca scarica il Comune di Napoli Ga.Fi., nuova sede in Calabria Universiadi, Fi: Villaggio atleti su navi, cala il sipario per Bagnoli Fca, siglata l'intesa con la Regione per il centro ricerche di Pomigliano Napoli, il consiglio approva il rendiconto. Palma: Lascio per un incarico nazionale Camera di Commercio di Napoli, lunedì l'intesa con imprese cilene Salerno, Matilda Cuomo incontra sindaco Napoli e assessore De Luca Dario Scalella nuovo console della Corea del Sud a Napoli Monta la legalità, studenti reporter: domani la presentazione delle videoinchieste Provincia Caserta, scope in mano i dipendenti ripuliscono gli uffici Napoli, Confapi sul caso Bagnoli: Sindaco incoerente, Pmi marginalizzate Migranti, 1004 sbarcati nel porto di Salerno Regione, Bosco: Bandi del Psr importanti per un territorio a vocazione agricola Industree Communication Hub, arriva il Digital Advertising Remix Anche per i beni culturali chi si ferma è perduto

kimbo shop ildenaro 016

Una nuova narrazione per l’impresa e il Mezzogiorno

Qualcosa dev’essere davvero cambiato nella narrazione del Mezzogiorno se anche il comunicato ufficiale del summit dei ministri finanziari e dei banchieri centrali dei principali Paesi, riuniti a Bari in preparazione del G7 di Taormina con l’esordio del presidente americano Donald Trump, è stato concepito per dare risalto alle eccellenze industriali del territorio.

D’altra parte già l’autorevole rapporto della Fondazione La Malfa, costruito su dati di Mediobanca, avverte da qualche anno la comunità scientifica e quella politica che esistono al Sud realtà produttive che non hanno niente da invidiare a quelle del Nord e che, anzi, prese singolarmente rappresentano dei veri e propri campioni nazionali e internazionali.

Anche se lo schema del racconto premia ancora settori e filiere – automotive, aerospazio, abbigliamento, agroalimentare, farmaceutica tanto per citare i comparti più citati – la verità è che oggi la fortuna economica di un’azienda si misura sulla sua capacità di stare sul mercato a prescindere dal ramo di appartenenza e anche dalla localizzazione geografica.

La capacità d’intraprendere, d’innovare, di organizzarsi in maniera moderna, di gettare uno sguardo sul mondo, in una parola di competere, appartiene con sempre maggiore evidenza al singolo imprenditore e forse sarebbe meglio dire alla singola unità imprenditoriale della quale fanno parte la squadra dei dirigenti, tutti i lavoratori, i sindacati, i fornitori.

La partita, cioè, si gioca nella fabbrica. Ed è per questo che aziende simili e in una stessa area si trovano a vivere destini diversi: di successo in qualche caso, di sconfitta il più delle volte. L’impresa che vince si differenzia dall’impresa che perde per la qualità dei suoi fattori e per l’abilità con la quale questi stessi sono combinati da chi ne ha la responsabilità.

Nulla di nuovo, si potrebbe dire, dal momento che questa è la teoria. Molto di nuovo, si potrebbe aggiungere, perché raramente la teoria aveva trovato evidenza in questo campo per le distorsioni dovute all’eccesso dirigismo da parte di una politica che intendeva mettere bocca e regolare l’andamento degli affari nella presunzione di saperne più del mercato.

La caduta dell’intervento statale, che pure molti danni ha provocato per come (non) è stata gestita, sta modificando il palcoscenico dell’economia facendo emergere meriti e demeriti dei diversi attori sulla scena. Chi è più bravo oggi ha la possibilità di dimostrarlo e chi fa opinione non può che riconoscerlo aprendo la strada anche da noi all’apprezzamento del merito.

Anche per questo comincia a notarsi con evidenza imbarazzante quanto sia insufficiente l’azione e inadeguato il personale di una pubblica amministrazione più preoccupata di sopravvivere a se stessa che di partecipare alla grande sfida di moltiplicare i centri di creazione della ricchezza per procurare più occupazione e in definitiva più benessere.